Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 720

Tredicesima edizione dell’Ipomea al Negombo di Lacco Ameno d’Ischia

fungoUna piccola perla all'Ipomea di quest'anno nel parco del Negombo di Lacco Ameno d’Ischia, per la tredicesima edizione: il citrus australianensis.
Il frutto, dal nome risonante, può essere considerato l'equivalente vegetale del caviale sia perché ricorda da vicino la granulosità dell’ottimo prodotto, ricavato dalle uova di storione, sia perché ne ripete gli effetti gustativi ed organolettici. Storia abbastanza romantica quella che lega quest’ agrume particolare, al suo padre putativo per l'Italia, infatti ne diffonde la produzione con predilezione, quasi fosse un essere umano ... Il frutto si presenta come un mapo allungato, una sorta di wurstellone verde che contiene tanti granuli simili al caviale, fortemente aromatici e croccanti, piacevoli per la freschezza che danno e per il friccicore che scatenano in bocca. Superato il pericolo costituito dalle spine di c.a. 3 cm che caratterizzano la pianta e che in generale ricorda un mandarancio, si può gustare con piacere tale agrume. con la speranza di renderlo più diffuso in Italia (costerebbe meno )e più fruibile da tanti. Si auspica il suo utilizzo per introdurlo in qualche fantasioso cocktail ed imparare a goderne i notevoli pregi. Trionfo di profumi e colori per un attraente itinerario tra piante esotiche e frutti antichi, questa l’Ipomea del Negombo, dove nel 1947 i duchi Camerini iniziarono a costruire un vasto giardino esotico.

Ferdinando Bianco