Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 75

Galleria dell’Accademia di Firenze. Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) - Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro

Galleria dell’Accademia di Firenze

Giornate Europee del Patrimonio
(European Heritage Days)
Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro

sabato 24 – domenica 25 settembre 2022

 

250 Galleria dellAccademia di Firenze LUCI SUL DAVID photo Guido Cozzi 374645 okLa Galleria dell’Accademia di Firenze partecipa anche quest’anno alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP), la più grande manifestazione culturale d’Europa, promossa dal Consiglio d’Europa, dalla Commissione Europea e dal Mic-Ministero della Cultura, che si terrà sabato 24 e domenica 25 settembre. Il tema scelto per questa edizione è “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro”, un tema quello della sostenibilità estremamente importante in questo contesto storico che il museo e il suo direttore, Cecilie Hollberg hanno sposato in pieno. Con i lavori appena ultimati, infatti, la Galleria dell’Accademia di Firenze ha rinnovato l’impianto d'illuminazione che, inaugurato di recente, permette di ottenere un eccezionale risparmio energetico di oltre il 70%.

Per le Giornate Europee del Patrimonio, sabato 24 settembre, la Galleria sarà straordinariamente aperta dalle 19 alle 22, ultimo ingresso alle 21.30, con un biglietto al costo simbolico di 1 euro (eccetto le gratuità previste per legge).
Un’opportunità per il pubblico di apprezzare, complice la luce notturna, la nuovissima illuminazione del David e dei Prigioni che ne accarezza e ne modula le superfici, esaltando il modellato del grande Michelangelo Buonarroti.