Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 126

Presentazione di Aisha Foundation per i progetti solidali con l’Africa

Presentazione di Aisha Foundation per i progetti solidali con l’Africa

Venerdì 16 dicembre nella Basilica dello Spirito Santo a Napoli

 

locandina Aisha DEF STAMPARE 2 250Conto alla rovescia per la presentazione di Aisha Foundation. L’evento si terrà venerdì 16 dicembre alle ore 18:30 nella Basilica dello Spirito Santo in via Toledo 402 a Napoli.

«Una presentazione fuori dagli schemi classici che nasce dalla conoscenza fortuita con il presidente dell’associazione, dottore Giulio Carotenuto, del quale ho avuto modo di apprezzare direttamente le grandi sensibilità e disponibilità e che mi hanno portata ad "abbracciare" la sua mission» riferisce la curatrice dell'evento, Barbara Melcarne.

Tante le tematiche che verranno affrontate, in primis ovviamente quella della solidarietà. «Nei miei viaggi in Africa ho visto bambini dormire in case con tetti di foglie, fare i bisogni in fosse scavate nel terreno, legarsi ferite con buste di plastica sporche… Voglio essere lì, dove per primi loro hanno bisogno, adoperarmi, con l'aiuto di chi mi sostiene, a costruire loro case, asili, presidi medici a che vivano una condizione umana» afferma il presidente Giulio Carotenuto.

«Aisha ha già smosso l'animo degli artisti che immediatamente hanno "risposto all'appello" mettendosi generosamente a disposizione con il loro talento e che regaleranno momenti di intrattenimento attraverso le loro esibizioni. Tra questi Ciro Raciti, interprete della storica figura di Pulcinella accompagnato dal vivo alla chitarra da Angelo Magliacano ed ancora Monica Sarnelli ed il nostro "leone" partenopeo, Enzo Gragnaniello. Grazia ed eleganza caratterizzeranno le performances del corpo di ballo della scuola Other Dance guidata dal coreografo Antonio Iavarone mentre le note suonate al pianoforte da un giovane prodigio, Gabriele Poerio, faranno da sottofondo alla serata» illustra il direttore artistico e presentatrice della serata Deborah Di Bernardo.

Ad ogni artista sarà consegnato un ricordo del tempo dedicato ad Aisha Foundation attraverso dei cadeaux opere di Paola Capriotti, Marco Ferrara, Barbara Melcarne e Francesca Rusciano. Impreziosiranno inoltre la quinta scenica le opere pittoriche di Luigi Calì e Francesca Strino e quelle fotografiche di Bruno Ciniglia e Lanfranco Scaramuzzino.

Momenti sobri di arte e spettacolo si alterneranno a seri ed istituzionali in cui interverranno anche la Vicesindaco, Laura Lieto, il Console della Repubblica del Benin a Napoli, Giuseppe Gambardella, il Presidente dell'Ordine dei Farmacisti, Vincenzo Santagada ed il Consigliere Regionale Fulvio Frezza.

Tanti i patrocini morali riconosciuti all’iniziativa che spaziano da quelli pubblici della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell’arcidiocesi di Napoli, della Seconda Municipalità, a quelli privati del Rotary Club Napoli Posillipo distretto 2101, della Global Shapers Community e della Be the Change.

«Un ringraziamento particolare sentiamo di rivolgerlo anche agli imprenditori napoletani che, attraverso le loro attività, hanno voluto fornire il proprio supporto tra cui Much for More, il IV Miglio, Errico Porzio, Other Dance, Il Miracolo di Gennaro e Massimiliano Alvigi, EGB Promotion, Promo sud, Cavallo Assicurazioni e L'Aura Rosa. I più grandi però vanno a padre Orlando Barba e don Errico Assini, dell'Arcidiocesi di Napoli, che hanno accolto lo svolgimento della serata nella splendida Basilica dello Spirito Santo, costruita a cavallo tra XVI e XVII secolo, terminata dell'architetto Luigi Vanvitelli nella quale si possono ancora ammirare i due monumenti funebri ad opera del Naccherino ed a Ciro Biondi, giornalista, per la diffusione e comunicazione relativa all'evento» concludono Barbara Melcarne e Deborah Di Bernardo che incuriosiscono promettendo anche qualche "colpo di scena".