Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 280

A Napoli a fine giugno 2024 l’assegnazione del Premio Dorso per l’area mediterranea

A Napoli a fine giugno 2024 l’assegnazione del Premio Dorso per l’area mediterranea

maschio an 250La città di Napoli ospiterà, a fine giugno, la cerimonia di premiazione per la Sezione mediterranea promossa dalla Associazione internazionale Guido Dorso in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Napoli. L’evento che coinvolge anche altre istituzioni culturali e scientifiche – come ha annunziato Nicola Squitieri, presidente dell’Associazione Dorso – farà da degno e prestigioso prologo alla 45ma edizione della cerimonia di consegna dei riconoscimenti delle altre sezioni che si terrà il 10 ottobre, al Senato, con l’adesione del Presidente della Repubblica e il patrocinio del Senato, del CNR e dell’Università di Napoli “Federico II”.

Il Premio – ha spiegato Squitieri – intende in particolare valorizzare l’impegno di quanti, persone e organizzazioni, si distinguono nel promuovere e sostenere le esigenze di sviluppo dell’area mediterranea, obiettivi questi ultimi che hanno riscosso la rinnovata sensibile condivisione da parte del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi. Sul Mediterraneo – ha osservato Francesco Saverio Coppola, segretario generale dell’Associazione Dorso – si promuovono negli ultimi tempi molti convegni ed eventi, ma invece occorre ora andare oltre le conoscenze e puntare sempre più sull’impegno di uomini e donne e di istituzioni che nel quotidiano si battono per avere un Mediterraneo di pace e di sviluppo egualitario, considerato anche il ruolo strategico che può rivestire per il nostro Mezzogiorno, baricentro geografico della macroarea. L’evento di Napoli vuole essere un primo “faro” del Mezzogiorno nel mediterraneo.