Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

Cinema: da settembre a maggio 8 milioni di spettatori nelle sale grazie a Cinema2day

  • Published in Attualità

Franceschini, spiace non aver convinto esercenti, produttori e distributori a proseguire
 

LAPILLI Logo MiBACT 100Ancora una grande affluenza di pubblico nei cinema italiani per l'ultima edizione di Cinema2day che ieri ha portato in sala a due euro 626.297 spettatori. Bilancio più che positivo per la promozione lanciata dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo insieme a Anec, Anem e Anica che da settembre a maggio, nelle nove edizioni, ha visto la partecipazione di circa 8 milioni di spettatori.

Dopo la proroga di tre mesi stabilita a febbraio, termina così l’iniziativa promossa dal MiBACT insieme alle associazioni dell’industria cinematografica che nel secondo mercoledì del mese ha visto considerevoli incrementi di presenze e di incasso – fino al picco di 1.130.901 ingressi in sala registrato a gennaio, dato superiore anche rispetto al box office delle festività natalizie  – con la partecipazione di molti giovani e un boom di affluenze soprattutto nel meridione e nelle periferie delle grandi città.

“Cinema2day è stato un grande successo, gli italiani hanno apprezzato molto questa promozione che ha permesso a molti giovani e a tante famiglie di riscoprire la magia di vedere il cinema in sala” ha dichiarato oggi, commentando gli ultimi dati, il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, che ieri, in un tweet, aveva espresso il proprio dispiacere per non essere riuscito a convincere esercenti, produttori e distributori a proseguire con Cinema2day. “Ringrazio tutti coloro che hanno permesso a molti di riavvicinarsi al cinema – ha proseguito il Ministro - dalle associazioni di categoria alle attrici e agli attori che hanno prestato la propria voce alla campagna di promozione realizzata dal MiBACT”.