Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

“Totò sbanca” a Sorrento

  • Published in Attualità

“Totò sbanca” a Sorrento. al centro dell’omaggio al principe della risata, il coinvolgente libro di Gianni Ambrosino e di Aldo De Francesco. Domenica 24 settembre 2017, alle ore 10.30, nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale di Sorrento 

LAPILLI Invito Totò SorrentoLa manifestazione celebrativa del grande Toto’ è stata meritoriamente organizzata dall’Amministrazione Comunale di Sorrento, nel cinquantesimo anniversario della scomparsa del principe della risata, avvenuta a Roma il 15 aprile 1967 (Toto’ era nato a Napoli il 15 febbraio 1898). Al centro dell’incontro culturale ci sarà la presentazione dell’interessante, coinvolgente  e documentato libro dei giornalisti Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco, “Toto’ sbanca”, edito dalla Iuppiter Edizioni. Domenica 24 settembre 2017, alle ore 10.30, nella Sala Consiliare “Torquato Tasso” del Palazzo Municipale di Sorrento (Piazza S. Antonino, 1). Interverranno, in apertura, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, e l’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis. Introdurrà e modererà il giornalista Antonino Pane. Il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore del Social World Film Festival, terrà una relazione sull’opera, con particolare riferimento a “Totò e il cinema”. Concluderà i lavori lo scrittore Raffaele Lauro (www.raffaelelauro.it). Saranno presenti gli autori. “Quando sono nato, lui, il Principe - ha dichiarato il regista Nuzzo - era già morto da 32 anni. Ma è come se lo conoscessi bene, come se l’avessi frequentato, come se potessi sapere tutto di lui e magari lui di me. È una strana sensazione che coinvolge un po’ tutti, sopratutto i napoletani. Perché Totò è nato con noi, è cresciuto con noi e sempre resterà nel nostro immaginario. Non c’è un giorno in cui la televisione non programmi un suo film e non c’è ora in cui sui social non viene condivisa una sua canzone o una sua frase celebre. Totò è dentro ognuno di noi e anche se la storia ci ricorda che sono trascorsi già 50 anni dalla sua scomparsa, lui in fondo, non morirà mai. Questo bellissimo libro di Gianni Ambrosino e di Aldo De Francesco informa, approfondisce e documenta non solo l’artista-Toto’, ma anche l’uomo-Toto’, coinvolgendo così emotivamente e intellettualmente i lettori”.