Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

Cortile di Francesco, Padre Gambetti: problema non sono le differenze, ma i differenti

  • Published in Attualità

Cantico creature frutto di identità matura aperta agli altri

Incontro di orizzonti diversi ma con la stessa intensa dignità

Logo Basilica 250ASSISI (PERUGIA), 23 SET - Grande successo di pubblico agli incontri per la quarta edizione del Cortile di Francesco. La manifestazione culturale, organizzata dal Sacro Convento di Assisi e dall’associazione Oicos Riflessioni, ha registrato ancora una volta un’ampia partecipazione ai panel e ai workshop.

Differenze è stato il tema della tre giorni di quest’anno, iniziata sabato 15 settembre con la lectio magistralis del cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e conclusasi nella Basilica Superiore di san Francesco d’Assisi con la lettura di alcuni passi tratti dalla Bibbia, dal Corano e dagli scritti di Parmenide da parte dell’attore Francesco Pannofino

Trentadue incontri, 40 relatori provenienti dalle esperienze umane e professionali più diverse del mondo della letteratura, delle istituzioni, dell’economia, della religione, dell’arte e del giornalismo che si sono confrontati sui temi della rassegna. 

“Parliamo con gli altri, ma parliamo come se fossimo allo specchio. – Ha dichiarato il Custode del Sacro Convento di Assisi, Padre Mauro Gambetti, a conclusione della quarta edizione del Cortile di Francesco - Francesco, prima di scrivere il Cantico, ha imparato a dialogare con la realtà. Nel Cantico rilucono lo scambio, la complementarietà, l’accoglienza; è il frutto di una identità matura, aperta gli altri. Per dialogare veramente bisogna essere così grandi da farsi piccoli, da umiliarsi come bambini. Al punto da sentire ogni uomo e la sua debolezza. Quando accogliamo un uomo senza altre qualificazioni, senza titoli di importanza, merito e demerito, allora entriamo nel vero dialogo. Allora le differenze diventano occasione di arricchimento. Gli altri sono un dono per me e io spero di esserlo per loro”.

“Le parole di papa Francesco, che nel corso del suo viaggio apostolico in Lituania ha parlato di ‘ospitare le differenze e di generare ospitalità’ – ha sottolineato il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato, - sembrano ‘suggellare’ idealmente e indirettamente il Cortile di Francesco 2018, sintetizzandone la riflessione e indicando il cammino davanti a noi”.

Per rivivere il Cortile di Francesco www.cortiledifrancesco.it