Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 80

Al Liceo dell'Arte e della Comunicazione "Giorgio de Chirico” di Torre Annunziata "La felicità sostenibile"

MERCOLEDI’  18  SETTEMBRE 2019 ore 16:30

Liceo dell'Arte e della Comunicazione

"Giorgio de Chirico”

Aula magna- Auditorium

DIBATTITO e CONFRONTO

                                                                                  "La felicità sostenibile”

Incontro con

                     Maurizio Pallante - Scrittore - Ideatore della Decrescita Felice

                                                                                               Modera

Felicio IZZO–Preside Liceo dell'Arte e della Comunicazione “Giorgio de Chirico”

“La felicità sostenibile” – Incontro con Maurizio Pallante

FELICITA 250La felicità – di una persona o di una comunità può essere sostenibile? Attanagliati dalla crisi economica e dall’emergenza energetica e ambientale, possiamo sperare in un futuro di benessere e serenità? Sì, afferma Maurizio Pallante, ideatore della Decrescita Felice. Dobbiamo però invertire la rotta, ribellandoci all’imperativo che ci ha guidati nell’ultimo secolo, la crescita a ogni costo, misurata con l’aberrante strumento del PIL, e stabilire un nuovo modello di sviluppo.

La Decrescita Felice è una filosofia concreta che chiunque, ciascuno quotidianamente e i governi in politica, può mettere in pratica. Decrescere non vuol dire rinunciare a nulla, ma modificare i comportamenti che implicano inutili sprechi.

Così, se perdiamo l’abitudine di passare il sabato al centro commerciale e aderiamo a un gruppo d’acquisto solidale, spendiamo meno e abbiamo pure l’occasione di costruire rapporti basati sulla collaborazione e la fiducia.

Da qui la necessità di investire nelle tecnologie per il risparmio energetico e nelle eco-case, di autoprodurre beni, ridurre rifiuti, instaurare relazioni fondate sulla reciprocità e il dono invece che sulla competizione e la concorrenza. Perseguendo questi obiettivi, la Decrescita Felice corregge le storture del nostro modello economico e indica la via per un’altra dimensione del benessere, in un mondo meno inquinato e in una società più umana.

Non è un’utopia, ma una nuova vita che possiamo cominciare già da oggi.

Questi, e simili, gli argomenti su cui confrontarsi nell’incontro con Maurizio Pallante, al Liceo “Giorgio de Chirico” di Torre Annunziata, evento inserito all’interno del Festival della Felicità 2019, promosso dalle associazioni “Famigliar-mente”, “Progetto Cripta” e dalla Cooperativa sociale “Litografi Vesuviani”