Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 169

#LA PARTITA DEL FUTURO

Locandina La Partita del futuro Na 2019 250L’Associazione ONLUS “Centro di Cultura e Studi G. Toniolo - Torino” ha ideato ed organizza #LA PARTITA DEL FUTURO, un evento unico e completamente gratuito a disposizione del territorio campano che si terrà mercoledì 16 ottobre 2019 a partire dalle ore 9,00 allo Stadio San Paolo di Napoli.

E’ un’iniziativa interamente dedicata alle nuove generazioni.

Giuseppe Toniolo, fra gli iniziatori della moderna Dottrina Sociale della Chiesa nel periodo di passaggio dal XIX al XX secolo, come uomo e come professore, seppe ‘interrogarsi’ di fronte agli eventi della sua generazione, da quelli economici a quelli sociali e seppe insieme ‘interrogare’ i suoi contemporanei, stimolando i suoi giovani studenti, chiamandoli alla serietà dello studio e all’azione di valore. Fu così precursore in tanti ambiti dell’agire sociale che ancora oggi ne riconosciamo la modernità e l’applicabilità delle sue iniziative.

Di fronte allo scenario moderno nel quale ci siamo “infilati”, afferma Cinzia Rossi Presidente del Centro dedicato al beato, dovremmo imitarlo nel porci con coraggio la domanda: “Da dove dobbiamo ripartire?” La risposta è: “Sicuramente ridando un’anima al vivere sociale, ripartendo dai giovani!”.

I giovani “sacro deposito”, così li definiva Giuseppe Toniolo, sono coloro che scriveranno il futuro. Dobbiamo ridare fiducia e spinta alle loro azioni, ai loro desideri, non trascurare le loro aspettative di vita migliore. Allora il patto generazionale si rafforzerà attraverso l’impegno a creare percorsi sostenibili, indicando vie da percorrere, lastricate non di stenti, rattoppi ed incertezze ma di valori, competenze e gioia nell’azione. Le loro scelte attuali perché siano premessa coraggiosa per giocare la “Partita del loro futuro” dovranno poggiare sui pilastri della lungimiranza, pilastri presenti anche nei principi della Dottrina Sociale: la dignità della persona, il bene comune, la sussidiarietà e la solidarietà. I giovani non devono bloccarsi e demotivarsi di fronte al “rischio della libertà” ma:

- operare scelte di valore, quindi sostenibili;

- acquisire competenze evolute, quindi studiare;

- poggiare su comunità che li sostengono, quindi fare tesoro della storia;

- credere nell’avvenire, quindi ideare, progettare ed innovare.

I giovani devono poter sperimentare avendo libertà di scelta, ma bisogna sostenerli offrendo loro canali dove potersi esprimere.

L’evento è la traduzione di tutto ciò. E’ dedicato ai giovani in età scolare - provenienti dalle scuole superiori del 3°, 4° e 5° anno della Regione Campania – ed a giovani universitari.
Il target, pertanto, sollecita l’esigenza di utilizzare spazi, tempi, strumenti, linguaggi nuovi e capacità di ascolto tra generazioni. Ecco allora che riproponiamo studio, arte, sport ed impegno sociale in modalità dinamica presso una struttura a loro gradita: lo Stadio. L’evento sarà, dunque, un ampissimo spazio dedicato ai progetti per i giovani e con i giovani, animato da coetanei.

La scelta, dunque, di un modello comunicativo innovativo che dà voce unicamente alle esperienze dei giovani è sostenuto da un altrettanto innovativo modello di orientamento al mercato del lavoro che propone e fa conoscere, ai giovani, 5 canali per raggiungerlo:

  1. le aziende tradizionali (a cui tutti fanno sempre riferimento),

ed altri 4 canali molto sottovalutati od a voolte sconosciuti ai più

  1. le cooperative,
  2. le associazioni di rappresentanza, enti morali, fondazioni,
  3. le imprese sociali (terzo settore),
  4. le start up ed attività imprenditoriali.

E' davvero significativa la vicinanza espressa da tanti enti e organizzazioni che hanno inteso patrocinare l'evento, con la scommessa di portare 1000 giovani allo Stadio a conoscere altri loro coetanei che hanno intrapreso percorsi e progetti significativi per il loro futuro lavorativo, e che li racconteranno nell'arena sportiva. Saranno presentati 12 progetti allo scopo di indicare possibili percorsi virtuosi attivabili attraverso l'alternanza scuola-lavoro e start up, selezionati da un’autorevole e prestigiosa Commissione di Valutazione appositamente costituita (Marina Albanese, Alessandra Belluccio, Doriana Buonavita, Rosanna Colonna, Giuseppe Esposito, Amedeo Manzo, Gaetano Natullo, Alessio Romano, Maria Rosaria Soldi, Salvatore Topo), sulla base dei principi sopra esposti, provenienti dalle scuole superiori di tutte le province della Campania e dalle Università Federico II, Parthenope e Sannio.

I lavori saranno animati da Guido Stratta Responsabile Sviluppo, formazione e recruiting del gruppo Enel.

I sostenitori dell’evento, convinti nel mettersi a disposizione dei giovani, dichiarano le loro motivazioni:

per CISL, Doriana Buonavita – Segretario Generale della Campania: “Abbiamo deciso di sostenere “La partita del futuro” perché siamo convinti che possa fornire stimoli e nuove idee alle generazioni che rappresentano il nostro futuro. I giovani hanno bisogno di esempi positivi e la mole e la qualità di progetti presentati sono la dimostrazione che la strada che la Cisl ha intrapreso da tempo, di innovazione ed ampliamento alla partecipazione sociale, alla costruzione di risposte ai nuovi lavori e al rapporto virtuoso tra scuola e lavoro, sia quella giusta” e per CISL Scuola, Rosanna Colonna – Segretaria Generale regionale: “L’iniziativa offre la possibilità alle scuole campane di confrontarsi riguardo alle esperienze da loro svolte in questi anni, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, scegliendo di portare in campo le migliori, attuate sul nostro territorio, facendone un punto di forza nelle competenze maturate dai ragazzi nel corso ei loro studi”;

per BCC di Napoli (Banca di Credito Cooperativo), Amedeo Manzo – Presidente: “La partita del futuro” è una grande opportunità di scambio di energia: i giovani, le loro speranze, l’ottimismo, con l’esperienza e la fiducia per un futuro migliore. Un grandissimo laboratorio di umanità condivisa, dal quale ri-partire per un’Italia dell’accoglienza, dell’inclusione e della cooperazione. Dove fiducia e speranza sono il lievito per un futuro migliore. Questi giovani saranno la classe dirigente del futuro”;

per CONFCOOPERATIVE, Antonio Borea, Presidente Regione Campania: “L’impegno dei ragazzi all’interno dei progetti di scuola lavoro, è un passo verso la conoscenza del mondo imprenditoriale. Come Organizzazione rappresentativa delle cooperative abbiamo provato ad instillare, nelle decine adolescenti incontrati, la curiosità per la forma di impresa che mette al centro le persone ed i loro talenti, il territorio e che, se sostenuta ed incentivata, può determinare una profonda inversione di tendenza nella redistribuzione della ricchezza e nello sviluppo economico e sociale del nostro Paese”;

per SIAMO IMPRESA PMI Gruppo FENAPI, Mario Rapisarda – Direttore Generale: “La possibilità di far conoscere la ricchezza di un tessuto imprenditoriale, propria della morfologia socio-economica italiana, creato dalle piccole imprese, quelle sane, capaci di tradurre le eccellenze dei territori in manufatti e servizi d’eccellenza del ‘made in italy’ è un’occasione che nessuno ha mai offerto ai giovani, così come fa il progetto “La partita del futuro”. E’ importante mettere in luce il valore positivo di chi lavora facendo impresa, incoraggiare le attitudini a creare e costituire nuova impresa, avvicinando luoghi che sostengono e lanciano start up. I giovani sono molto intraprendenti, portatori di idealità e novità, tutte precondizioni che favoriscono la nascita di nuove iniziative, che possono portare a nuove esperienze di business e vanno sostenuti”;

per AIDP (Associazione Italiana per la direzione del Personale), Matilde Marandola – Presidente regione Campania: “La partita del futuro che i giovani si trovano ad affrontare si vince solo con una formazione che dà la forza di mettere in gioco cuore e testa contemporaneamente, che stimoli la capacità di guardare lontano e nello stesso tempo vicino … Aidp Campania sostiene i giovani, ci crede e fa il tifo!”;

per UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), Stefania Brancaccio – Presidente Gruppo Campania: “Ai giovani, oltre alla grande importanza della formazione, va trasmessa anche l’ispirazione ai principi morali ed etici. In una società che ha decisamente rinunciato alla dimensione spirituale, tutti diventano spettatori passivi e senza slanci. E’ importante che i giovani sperimentino la concretezza dell’azione umana e l’integrità dell’agire con attenzione all’altro ed al contesto/territorio in cui vivono, sempre pensando ad un utile diffuso e mai fine a sé stesso”.

Il sostenitore per eccellenza de “La partita del futuro” è l’USR (Ufficio Scolastico Regionale) MIUR, nella persona del Direttore Generale Luisa Franzese che, divulgando l’iniziativa a tutte le scuole superiori della Campania, ha permesso di far conoscere il progetto, stimolandole a candidarsi con i loro migliori progetti di alternanza.

Gli studenti delle scuole superiori riceveranno anche un orientamento agli studi in uscita, grazie alla presenza di buoni esempi di progetti provenienti dalle UNIVERSITA’ FEDERICO II, PARTHENOPE e del SANNIO ed al loro patrocinio.                              

Gli altri patrocinanti sono:

REGIONE CAMPANIA; COMUNE di NAPOLI; ARCIDIOCESI di NAPOLI; OPERA del MURIALDO; FONDAZIONE Di STUDI TONIOLIANI CAMPANIA; FONDAZIONE SEGNI NUOVI; FESTIVAL della DOTTRINA SOCIALE della CHIESA; SCUOLA di GOVERNO del TERRITORIO; CONTE@CERRA; PROMETEO.

I principali focus della giornata saranno:

Evento pensato per le scuole: che vogliono essere significativamente stimolanti il percorso di crescita dei propri studenti, capaci di offrire orientamento reale e favorire possibilità incisive e innovative con progetti di alternanza scuola-lavoro e di start up. 

Evento pensato per gli studenti: che vogliano sentirsi in un mondo attivo, che pensa a loro e che parla il loro linguaggio, per farli sentire meno disorientati e mostrare loro le modalità per iniziare a progettare il proprio futuro.

Evento pensato per gli insegnanti: che vogliono avere aggiornamenti su progetti innovativi e canali differenziati di collegamento con il mercato del lavoro, attraverso un contatto diretto ed il collegamento strategico con realtà significative del proprio territorio.

Evento pensato per il territorio: che esalta e mette in evidenza quante iniziative preziose e pregevoli sono già in pista e quante potenzialità si possono esprimere se una comunità si pone lo scopo di educare e crescere i propri cittadini del futuro.

Evento pensato per gli operatori economici: che non potranno più sottrarsi dai loro impegni e dalle loro responsabilità verso i giovani "sacro deposito" di una sana società, quando si troveranno di fronte all'energia di 1000 giovani concittadini emozionati dall'idea di scoprire il proprio futuro.

In sostanza i partecipanti potranno conoscere ed avvicinare esperienze uniche, attraverso la conoscenza diretta di progetti e storie già in azione:

racconti, testimonianze, esperienze e percorsi “incredibili” innovativi ed a volte eccezionali, intrapresi da coetanei del territorio torinese, piemontese ed italiano.

Non mancheranno momenti di animazione e d’intrattenimento artistico, grazie alla presenza di nuove proposte e degli special guest Manuele La Zero e Hal, da “San Remo giovani”, con un anteprima inedito dedicato a Napoli e allo Stadio San Paolo, dal titolo “San Pa”.

L’evento si svilupperà su 2 livelli:

- Spalti: "programma giovani" con speech "i giovani per i giovani", dove verranno presentati progetti che le aziende/enti/organizzazioni/università avranno pensato per loro, per facilitarne il percorso di studi e l’avviamento al mondo del lavoro. Questo spazio comunicativo ha un taglio divulgativo, è molto dinamico, viene affidato solo a speaker giovani, ovvero coloro che possono testimoniare direttamente l'esperienza vissuta nel progetto che racconteranno;

- sala Champion: "programma professori accompagnatori" con relatori adulti, dove verranno presentati i programmi di alternanza scuola-lavoro e di stage che le aziende/enti/organizzazioni avranno già attivi presso le loro strutture. Questo spazio comunicativo è tecnico-metodologico, presentato con slides e documentazione dedicata agli insegnanti, che riporteranno al loro Dirigente scolastico dell'istituto di appartenenza.