Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 41

France Odeon 2022 chiude domani martedì 1 novembre, al Cinema La Compagnia, la 14° edizione

France Odeon 2022
chiude domani martedì 1 novembre, al Cinema La Compagnia, la 14° edizione
con gli ultimi due film in rassegna
Les Amandiers di Valeria Bruni Tedeschi
e Peter Von Kant di François Ozon

alle 19.00 sarà consegnato il Premio Foglia d’oro – Manetti Battiloro
Torna sul palco Drusilla Foer

 

France Odeon serata inaugurazione Enrico Castaldi Drusilla Foer Francesco Ranieri Martinotti 250Ultimo giorno domani, martedì 1 novembre, per France Odeon, 14° edizione. Le proiezioni e gli incontri proposti dal festival del cinema francese, che ha ospitato registi e alcuni straordinari interpreti di 14 film d’oltralpe, presentati in anteprima per l’Italia, hanno gremito le sale del Cinema La Compagnia e dell’Istituto Francese per tutta la durata della manifestazione. Il festival si chiude domani con gli ultimi due film in rassegna, Les Amandiers di Valeria Bruni tedeschi e Peter Von Kant di François Ozon, un dichiarato omaggio al capolavoro di Rainer Werner Fassbinder, Le lacrime amare di Petra Von Kant (1972).

Alle 19, al Cinema La Compagnia, sarà Drusilla Foer, con il suo inconfondibile carisma, a consegnare i cinque premi ai film vincitori: il premio Foglia d’Oro France Odeon 2022; la Foglia d’Oro della Giuria; la Foglia d’Oro dei Giovani, assegnato dai giovanissimi studenti delle scuole fiorentine; la Foglia d’Oro del Pubblico, che come ogni anno ha avuto l’occasione di votare i film al termine delle singole proiezioni; infine il premio Foglia d’Oro per la Migliore Colonna Sonora, decretato da Caterina Caselli. Sul palco, per la premiazione, i membri della giuria, tutti professionisti del cinema: il regista Fabio Grassadonia, il produttore Riccardo Neri e l’attrice Antonia Truppo.

Prima della cerimonia sarà proiettato, fuori concorso, Les Amandiers, l’ultima regia di Valeria Bruni Tedeschi, dove la regista italiana racconta gli anni della sua formazione artistica alla scuola di teatro di Patrice Chéreau. Interpretato da Nadia Tereszkiewicz, Sofiane Bennacer e Louis Garrel, il film, tra commedia e tragedia, mescolando finzione e note autobiografiche, narra le vicende di Stella, Victor, Adèle ed Etienne, allievi della scuola di teatro les Amandiers di Nanterre, impegnati nelle prove per portare in scena Platonov di Čechov. Sul palcoscenico, che diventa la loro casa, si intrecciano la passione per il teatro, gli amori e i drammi personali. Il film sarà introdotto dalla sceneggiatrice, Noémie Lvovsky, artista che ha alle spalle anche una fruttuosa poliedrica carriera, con cinque candidature come migliore attrice non protagonista (ore 16.30, Cinema La Compagnia).

France Odeon chiude questa edizione con Peter Von Kant, l’ultimo film di François Ozon, regista della corporalità, da sempre attento alle tematiche lgbtqia+. Interpretato da Denis Ménochet, Isabelle Adjani e Hanna Schygulla, racconta la storia di un celebre regista, Peter, che vive in compagnia del suo assistente Karl, attendente tuttofare che lo adora e gli scusa ogni sopruso. Ma poi arriva il giovane e fotogenico Amir, scatta il colpo di fulmine con Peter e tutto cambia. Peter von Kant è liberamente tratto da Le lacrime amare di Petra Von Kant, dapprima testo teatrale e poi adattamento cinematografico firmato da Rainer Werner Fassbinder nel 1972. Un’opera iconica che la pellicola di François Ozon sceglie di ricordare e omaggiare, a cinquant’anni di distanza.