Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 141

Al Teatro Cimarosa di Aversa lunedì 7 novembre arriva The Throw

La stagione del Jazz Club Lennie Tristano inizia col botto: al Teatro Cimarosa di Aversa lunedì 7 novembre arriva The Throw, la superband americana che annovera Erik Friedlander, Uri Caine, Mark Helia e Ches Smith. Esclusiva regionale


THE TROW 250Comincia con un evento la stagione del Jazz Club Lennie Tristano di Aversa, che lunedì 7 Novembre ospita al Teatro Cimarosa della città normanna “The Throw”, superband americana costituita dal violoncellista Erik Friedlander, dal pianista Uri Caine, dal bassista Mark Helias e dal batterista Ches Smith (inizio ore 21, Info: 0818901839 e 3393467387. Prevendita: Go2, Ticketone e Boxol, oltre che al consueto music store aversano Fantasy Music).
Il quartetto tutto americano (in esclusiva assoluta per la nostra regione) è una delle band più interessanti del panorama mondiale dell’attuale musica jazz. Unica nel suo genere, infatti, riunisce in sé il talento di quattro musicisti che possono vantare ognuno nel proprio percorso di vita musicale straordinarie performances e varietà di campi di interesse, al punto tale da essere riusciti ad attirare sempre l’attenzione di pubblico e critica nei molteplici progetti di cui si sono resi protagonisti nel tempo.
Friedlander, virtuoso del violoncello e collaboratore, tra gli altri, di John Zorn e di Laurie Anderson, è considerato uno dei personaggi di spicco della scena newyorchese, ed ha riportato importanti affermazioni con tutte le formazioni di cui ha fatto parte. Non meno brillante il talento di Uri Caine, assoluta star del pianismo internazionale, capace di mescolare musica jazz, classica ed elettronica. Oltre alle sue performance in trio o in solitaria, risultano di notevole valore musicale le sue interpretazioni della musica barocca in duo con il nostro Paolo Fresu, nonché le incisioni con Don Byron, con Ben Perowsky e con John Irabagon. Completano la formazione il bassista Mark Helias, membro degli Slickaphonics e collaboratore, tra gli altri di Don Cherry, Dewey Redman, Ed Blackwell e Anthony Braxton, e Ches Smith, batterista e vibrafonista legato ad artisti come Marc Ribot e Tim Berne, che raggiunge nelle sue performances il perfetto equilibrio tra supporto ritmico ed espressività.