Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 288

“Il pretesto” di Nicola Incampo

Il pretesto” di Nicola Incampo

Foto Incampo 2Un giorno entrai in classe e scrissi alla lavagna “Il pretesto”.

Ed inviati i ragazzi a riflettere in silenzio.

Invitai un alunno a rispondere alla domanda e questi disse: “Quando ci arrendiamo facilmente alle difficoltà”.

E non solo, aggiunsi.

Poi, con molta calma, dissi: “Ora vi racconterò un’altra Favola di Fedro che ci raccontava sempre l’insegnante di Italiano alla scuola media.”

La favola è la seguente

La volpe e l’uva

 La volpe, costretta dalla fame, in una vigna alta,
desiderava l’uva, saltando con tutte le sue forze;
ma non potendo toccarla, se ne andò dicendo:
“Non è ancora matura; non voglio prenderla acerba”.

Coloro che svalutano a parole quanto non sono in grado di fare,
dovrebbero attribuire questo esempio a se stessi.”

Gaio Giulio Fedro, nasce 20/15 a.C. circa e muore il 50 d.C. circa.

È stato uno scrittore romano autore di celebri Favole.

Fedro nacque intorno al 20/15 a.C.  e giunse giovanissimo a Roma come

schiavo, forse a seguito della violenta repressione, operata dal console Lucio

Calpurnio Pisone, della rivolta avvenuta in Tracia nel 13 a.C.

Avete notato come la volpe, non vista da nessuno, bramosa dell’uva salta a più non posso nel tentativo di soddisfarsi.

Purtroppo per lei la pergola è alta e per quanto poderosi i suoi balzi, non riesce nemmeno a sfiorare i grappoli.

A malincuore rinuncia, la volpe.

Tanto più a malincuore quanto più forte la fatica durante i tentativi inutili.

Avete notato come la volpe non sincera con sé stessa, non ama dirsi la verità, perché invelenita del desiderio non corrisposto e sfoga la sua rabbia smentendo la qualità dell’uva.

Dice che non è matura.

E perché prenderla acerba?

Quante volte è capitato anche a noi di sfogare la nostra rabbia denigrando quello che prima era stato l’oggetto segreto del nostro desiderio.

È vero, l’uomo non è una volpe.

Ma chissà che a volte non capiti anche a noi di disprezzare ciò che vorremmo e non possiamo ottenere.

 

Nicola Incampo

Responsabile della Conferenza Episcopale

di Basilicata per l’IRC e per la pastorale scolastica