Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 557

Grande soddisfazione per la trasferta sivigliana per l’ERASMUS V.E.T. dell’I.I.S. “F. Degni” di Torre del Greco

Grande soddisfazione per la trasferta sivigliana per l’ERASMUS V.E.T. dell’I.I.S. “F. Degni” di Torre del Greco

SIVIGLIA 2024 250Si è appena conclusa l’ultima trasferta spagnola prevista dal progetto Erasmus V.E.T. dell’I.I.S. “F. Degni” di Torre del Greco. L’ultima tranche di 6 studenti torresi frequentanti l’indirizzo Tecnico per il Turismo ha lasciato Siviglia, concludendo così la terza annualità del progetto che vede il Degni in rete con altre scuole del territorio quali il Nitti di Portici, il Tilgher di Ercolano, il Fermi di Sarno e lo Scotellaro di San Giorgio a Cremano. “Partecipare ai progetti ERASMUS+”, ha sottolineato la prof.ssa Elena Scognamiglio, referente per l’Internazionalizzazione della scuola torrese, “significa cogliere una grandissima chanche poiché essi, come si evince dallo stesso acronimo, offrono importanti opportunità per il mondo dell’Istruzione e della Formazione Professionale (VET – Vocational Education and Training). Aderire, per ogni scuola, significa seguire il trend europeo che punta al miglioramento della qualità e dell’efficacia dei sistemi e delle prassi del settore. Ciò significa migliorare le competenze professionali degli individui, ampliare le conoscenze e la comprensione delle politiche e delle pratiche nazionali, rafforzare la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento, favorire la modernizzazione e internazionalizzazione delle istituzioni educative e formative e promuovere attività di mobilità. Oggi, queste sono le basi per l’istruzione e la formazione inclusive e di alta qualità, che valorizzano l’apprendimento informale e non formale, permettendo di raggiungere le qualifiche e le competenze necessarie per una partecipazione attiva alla società democratica, una reale comprensione interculturale e la transizione verso il mercato del lavoro. In particolare, questo progetto si è concretizzato in percorsi di apprendimento work-based per i propri discenti, realizzati in strutture aziendali europee, nel nostro caso a Siviglia, al fine di promuove l’internazionalizzazione delle scuole coinvolte e migliorare le prospettive professionali degli studenti potenziando quei tratti della personalità che il 92% dei datori di lavoro ricercano nei candidati, in particolare la tolleranza, la fiducia in sé stessi, le abilità di problem solving, la curiosità, la consapevolezza dei propri punti di forza e di debolezza e la risolutezza (The Erasmus Impact Study, 2014). Inoltre, non si limita a migliorare le prospettive professionali, ma allarga anche gli orizzonti degli studenti e la loro rete di relazioni”, ha concluso la prof.ssa Scognamiglio. Gli studenti, accompagnati dalle docenti Avitabile e Simonetti e coordinati dalla prof.ssa Scognamiglio, hanno avuto l’opportunità di svolgere un tirocinio professionale della durata di un mese presso strutture recettive della bella capitale andalusa e di seguire un corso di lingua spagnola per potenziare le conoscenze linguistiche. Hanno soggiornato in residenze per studenti, imparando ad autogestirsi ed a gestire la coabitazione. Il tutto a spese del fondo stanziato dal progetto. Tutti i partecipanti hanno ricevuto valutazioni positive sulle competenze maturate sia in ambito personale che professionale. Infine, i docenti accompagnatori hanno acquisito conoscenze e competenze necessarie allo sviluppo di pratiche di work-based learning nel contesto europeo e sviluppato conoscenze relative ai meccanismi di valutazione, certificazione e riconoscimento delle competenze e al sistema E.C.V.E.T. da condividere con le scuole di appartenenza.