Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

dall'Europa

Dichiarazione del presidente Juncker sulla proclamazione del pilastro europeo dei diritti sociali

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Bruxelles, 17 novembre 2017. Oggi i leader dell'Unione europea hanno solennemente proclamato il pilastro europeo dei diritti sociali in occasione del vertice sociale per un'occupazione e una crescita eque di Göteborg (Svezia). Il pilastro, annunciato la prima volta dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell'Unione del 2015, è stato presentato dalla Commissione nell'aprile 2017. Oggi la proposta è stata firmata dal Presidente Juncker per la Commissione europea, dal Presidente Tajani per il Parlamento europeo e dal Primo ministro Ratas per il Consiglio dell'Unione europea.

In questa occasione, il Presidente Juncker ha dichiarato:

"È un momento storico per l'Europa. La nostra Unione è sempre stata fondamentalmente un progetto sociale. Va al di là del mercato unico, dell'economia e dell'euro e riguarda i nostri valori e il nostro modo di vivere.

Il modello sociale europeo rappresenta un successo e ha fatto dell'Europa un luogo di prim'ordine per vivere e lavorare. Oggi affermiamo i nostri valori comuni e ci impegniamo ad adoperarci per realizzare 20 principi e diritti che spaziano dal diritto a un'equa retribuzione al diritto all'assistenza sanitaria; dall'apprendimento permanente e una migliore conciliazione tra vita professionale e vita privata alla parità di genere e il reddito minimo: con il pilastro europeo dei diritti sociali, l'UE si batte per i diritti dei cittadini in un mondo in rapido cambiamento.

La proclamazione del pilastro al vertice sociale di Göteborg giunge in un momento cruciale e permetterà di far sì che la dimensione sociale costituisca uno degli elementi fondamentali del futuro dell'Unione europea. Quest'occasione è il frutto di una scelta precisa, che mira a fare della dimensione sociale dell'Europa la pietra miliare del nostro percorso verso Sibiu.

In un'epoca di profondi cambiamenti, in ambito politico come nella vita, la cosa più naturale è tornare a ciò che ci definisce e ci tiene insieme. Pertanto sono lieto che siamo riusciti a trovare un accordo sul pilastro europeo dei diritti sociali in meno di sei mesi da quando la Commissione europea ha presentato la proposta. Quest'impegno comune rappresenta una testimonianza forte dell'unità europea.

Il pilastro - e la dimensione sociale dell'Europa nel suo complesso - avrà il peso che vorremo attribuirgli. Si tratta di una responsabilità comune, che prende il via a livello nazionale, regionale e locale, per la quale le parti sociali e la società civile svolgono un ruolo di primo piano. Pertanto, pur rispettando pienamente e inglobando i diversi approcci esistenti in tutta l'Europa, dobbiamo ora tradurre gli impegni in azioni concrete. I cittadini europei non meritano nulla di meno.

Per ulteriori informazioni

Sito web del pilastro europeo dei diritti sociali

Sito web del pilastro europeo dei diritti sociali

Vertice sociale per un'occupazione e una crescita eque: rafforzare la dimensione sociale dell'Unione Europea

Vertice sociale per un'occupazione e una crescita eque:

Schede informative:

STATEMENT/17/4706

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 7

Futuro dell'Europa: uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Strasburgo, 14 novembre 2017. Con il dibattito sul futuro dell'Europa in corso, la Commissione europea definisce oggi il suo piano su come creare uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025.

Le idee formulate sono concepite come contributo alla riunione dei leader dell'UE del 17 novembre 2017, a Göteborg, durante la quale si discuterà il futuro dell'istruzione e della cultura. La Commissione ritiene che sia nell'interesse comune di tutti gli Stati membri sfruttare appieno il potenziale dell'istruzione e della cultura come motore per la creazione di posti di lavoro, la crescita economica e la giustizia sociale e come mezzo per fare esperienza dell'identità europea nella sua diversità.

Jyrki Katainen, Vicepresidente responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: "Uno sforzo collettivo consentirebbe all'Europa nel suo insieme di plasmare il suo futuro, di rispondere in modo più efficace alle sfide che si trova ad affrontare e di diventare più resiliente. Uno dei maggiori successi dell'Europa è stato gettare ponti che attraversano il continente grazie alla creazione di uno spazio di libera circolazione dei lavoratori e dei cittadini. Ma ci sono ancora ostacoli alla mobilità nel campo dell'istruzione. Entro il 2025 dovremmo vivere in un'Europa in cui i confini non impediscano le esperienze di apprendimento, studio e ricerca, in cui vivere in un altro Stato membro per studiare, apprendere o lavorare sia la norma."

Tibor Navracsics, Commissario per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: "Nel guardare al futuro dell'Europa, dobbiamo dotarci di un programma comune ambizioso su come sfruttare la cultura e l'apprendimento per promuovere l'unità. L'istruzione è un fattore chiave, in quanto fornisce le competenze necessarie per diventare membri attivi di società sempre più complesse. È l'istruzione che ci permette di adattarci a un mondo in rapido cambiamento, di sviluppare un'identità europea, di comprendere altre culture e di acquisire le nuove competenze necessarie in una società mobile, multiculturale e sempre più digitale."

Durante l'incontro di marzo 2017 i leader europei si sono impegnati a realizzare "un'Unione in cui i giovani ricevano l'istruzione e la formazione migliori e possano studiare e trovare un lavoro in tutto il continente". La Commissione ritiene che l'istruzione e la cultura possano essere una parte importante della soluzione per affrontare le sfide dell'invecchiamento della forza lavoro, della digitalizzazione continua, del futuro fabbisogno di competenze, della necessità di promuovere il pensiero critico e l'alfabetizzazione mediatica in un'epoca in cui i "fatti alternativi" e la disinformazione possono proliferare online, come pure dell'esigenza di promuovere un maggiore senso di appartenenza di fronte a populismo e xenofobia.

Uno spazio europeo dell'istruzione dovrebbe comprendere gli elementi di seguito elencati.

  • Rendere la mobilità una realtà per tutti, capitalizzando sulle esperienze positive del programma Erasmus+ e del corpo europeo di solidarietà ed ampliando la partecipazione ai due programmi, oltre che mediante la creazione di una Carta europea dello studente per offrire un modo nuovo e facile di conservare informazioni sul curriculum accademico.
  • Riconoscere reciprocamente i diplomi con l'avvio di un nuovo "processo della Sorbona", che sviluppi il "processo di Bologna", al fine di preparare il terreno per il riconoscimento reciproco dei diplomi di istruzione superiore e di conclusione degli studi.
  • Incrementare la collaborazione sull'elaborazione dei programmi scolastici e dei piani di studi, formulando una serie di raccomandazioni per garantire che i sistemi d'istruzione impartiscano tutte le conoscenze, le capacità e le competenze considerate fondamentali nel mondo di oggi.
  • Migliorare l'apprendimento delle lingue, fissando un nuovo parametro di riferimento in base al quale entro il 2025 tutti i giovani europei che completano l'istruzione secondaria superiore dovrebbero avere una buona conoscenza di due lingue straniere oltre alla propria lingua madre (o alle proprie lingue madri).
  • Promuovere l'apprendimento permanente, mirando alla convergenza e aumentando la quota di persone che partecipano ad attività di apprendimento lungo tutto l'arco della vita, con l'obiettivo di raggiungere il 25% entro il 2025.
  • Integrare l'innovazione e le competenze digitali nell'istruzione, promuovendo corsi di formazione innovativi e digitali e preparando un nuovo piano d'azione per l'istruzione digitale.
  • Sostenere gli insegnanti, moltiplicando il numero di insegnanti che partecipano al programma Erasmus+ e alla rete eTwinning e offrendo orientamenti strategici sullo sviluppo professionale di insegnanti e dirigenti scolastici.
  • Creare una rete di università europee cosicché possano collaborare fattivamente a livello transfrontaliero e sostenere l'istituzione di una scuola di governance europea e transnazionale.
  • Investire nell'istruzione servendosi del semestre europeo per sostenere le riforme strutturali volte a migliorare la politica dell'istruzione, facendo ricorso ai fondi e agli strumenti di investimento dell'UE per finanziare l'istruzione e definendo un parametro di riferimento per cui gli Stati membri investano il 5% del PIL nell'istruzione.
  • Salvaguardare il patrimonio culturale e promuovere un senso di identità e cultura europee, sviluppando – anche grazie allo slancio dell'Anno europeo del patrimonio culturale 2018 – un'agenda europea per la cultura e redigendo una raccomandazione del Consiglio sui valori comuni, sull'istruzione inclusiva e sulla dimensione europea dell'insegnamento.
  • Rafforzare la dimensione europea di Euronews, creato nel 1993 da un gruppo di emittenti pubbliche europee, con l'ambizione di disporre di un canale europeo che offra accesso a informazioni indipendenti di elevata qualità con una prospettiva paneuropea.

Contesto

La responsabilità principale in materia di istruzione e cultura spetta agli Stati membri, a livello nazionale, regionale e locale. Nel corso degli anni l'Unione europea ha tuttavia svolto un ruolo complementare importante, soprattutto per quanto riguarda le attività transfrontaliere. Ad esempio, in 30 anni il programma Erasmus (Erasmus+ dal 2014) ha permesso a 9 milioni di persone di studiare, formarsi, insegnare o fare volontariato in un altro paese.

Negli ultimi dieci anni l'Unione europea ha inoltre sviluppato una serie di strumenti non vincolanti per aiutare gli Stati membri nell'elaborazione di strategie nazionali in materia di istruzione. A partire dal 2000 gli Stati membri collaborano nell'ambito del quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell'istruzione e della formazione, che fissa obiettivi e parametri di riferimento comuni.

Nel 2010 l'Unione europea si è prefissata due obiettivi in materia di istruzione nell'ambito della strategia Europa 2020 progressi concreti. L'abbandono scolastico è passato dal 13,9% del 2010 al 10,7% del 2016; l'obiettivo è raggiungere il 10% entro il 2020. Il tasso di istruzione terziaria è passato dal 34% del 2010 al 39,1% del 2016; l'obiettivo è raggiungere il 40% entro il 2020.

La Commissione ritiene che sia giunto il momento di sviluppare queste basi ed essere molto più ambiziosi.

Per guidare questa riforma e stimolare il dibattito in un contesto in cui l'Europa guarda al suo futuro, nel discorso sullo stato dell'Unione del 13 settembre 2017 il Presidente Juncker ha proposto una tabella di marcia per un'Unione più unita, più forte e più democratica. La riunione di Göteborg del 17 novembre 2017 offrirà ai leader l'occasione di discutere il rafforzamento dell'identità europea grazie all'istruzione e alla cultura.

Per ulteriori informazioni

Comunicazione: Uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025: rafforzare l'identità europea grazie all'istruzione e alla cultura

Serie di schede informative sul rafforzamento dell'identità europea grazie all'istruzione e alla cultura

Nota strategica del Centro europeo di strategia politica (EPSC) sulle 10 tendenze che trasformano l'istruzione così come la conosciamo

Relazione di monitoraggio del settore dell'istruzione e della formazione per il 2017: cifre chiave sulla situazione di istruzione e formazione nell'UE

#FutureOfEurope #EURoad2Sibiu

IP/17/4521

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 6

Altri articoli...

  1. Nuova rete per la risoluzione delle controversie dei consumatori nel settore dei viaggi
  2. Al via il 13 Novembre da Novara gli incontri del ciclo “L'Europa e il lavoro”.
  3. Preparazione delle riunioni dell'Eurogruppo e del Consiglio ECOFIN
  4. Dalla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di Bonn l'UE si aspetta significativi progressi nell'attuazione dell'accordo di Parigi
  5. Sprechi alimentari: la terza piattaforma dell'UE produce risultati concreti
  6. Il Presidente Juncker in visita al porto spaziale europeo
  7. Riforma bancaria: accordo raggiunto sulle prime misure chiave
  8. Partenariato orientale: forum della società civile e forum delle imprese
  9. Il Commissario Navracsics chiude la Conferenza europea sui giovani a Tallinn
  10. Continua il trend positivo delle esportazioni agroalimentari dell'UE
  11. Nuovo pacchetto di aiuti da 106 milioni per le persone colpite dalle crisi in Sudan
  12. Trasporto marittimo: navi passeggeri più sicure grazie all'UE
  13. Investimenti pubblici più efficaci grazie ad appalti efficienti e professionali
  14. Europe Direct – Emilia alle celebrazioni dei 30 anni di Erasmus dell’Università di Modena e Reggio Emilia
  15. UE e ONU: insieme per eliminare la violenza contro le donne e le ragazze
  16. Un quadro per il libero flusso dei dati non personali in Europa
  17. Stato dell'Unione 2017: un quadro per il libero flusso dei dati non personali in Europa
  18. Stato dell'Unione 2017 - Cibersicurezza: la Commissione intensifica la risposta dell'UE ai ciberattacchi
  19. Stato dell'Unione 2017 - Strategia di politica industriale: Investire in un'industria intelligente, innovativa e sostenibile
  20. Sicurezza: l'UE è alla guida dei lavori finalizzati a scambiare informazioni, combattere il finanziamento del terrorismo e proteggere i cittadini europei online
  21. Piano Juncker: la BEI finanzia una migliore assistenza sanitaria nella Regione Veneto
  22. Ricollocazione: la Commissione passa alla fase successiva nelle procedure d'infrazione contro la Repubblica ceca, l'Ungheria e la Polonia
  23. Migrazione: mese record di ricollocazioni dall'Italia e dalla Grecia
  24. La Commissione interviene per aiutare le regioni a costruire economie resilienti nell'era della globalizzazione
  25. Dibattito sul Futuro dell'Europa - Più di 1 750 eventi per più di 30 milioni di Europei