Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

dall'Europa

La Commissione europea chiede all'Italia di presentare un documento programmatico di bilancio riveduto per il 2019

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Strasburgo, 23 ottobre 2018. La Commissione europea ha riscontrato nel documento programmatico di bilancio presentato dall'Italia per il 2019 un'inosservanza particolarmente grave della raccomandazione in materia di bilancio che il Consiglio ha rivolto al paese il 13 luglio 2018.

Conformemente alle norme pertinenti, la Commissione ha adottato un parere in cui chiede all'Italia di presentare un documento programmatico di bilancio riveduto entro tre settimane.

Avendo tenuto conto di tutti i fattori e avendo già consultato le autorità italiane, la Commissione ritiene che il documento programmatico di bilancio dell'Italia per il 2019 presenti una deviazione particolarmente grave rispetto alle raccomandazione del Consiglio del 13 luglio 2018. La Commissione rileva inoltre che il programma non è in linea con gli impegni presentati dall'Italia nel programma di stabilità dell'aprile 2018. La Commissione europea chiede pertanto all'Italia di presentare un documento programmatico di bilancio riveduto per il 2019. Tale documento dovrebbe consentire al paese di osservare la raccomandazione che le è stata rivolta dal Consiglio, in cui sedeva anche l'Italia, il 13 luglio 2018 e che era stata anche approvata dal Consiglio europeo il 28 giugno. È la prima volta che la Commissione richiede la presentazione di un documento programmatico di bilancio riveduto.

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per l'Euro e il dialogo sociale, nonché per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l'Unione dei mercati dei capitali, ha dichiarato: "La zona euro poggia su un forte rapporto di fiducia, sostenuto da norme che sono uguali per tutti. È nostro compito e nostro dovere difendere l'interesse comune e gli impegni reciproci assunti dagli Stati membri. Il debito italiano è tra i più elevati d'Europa e i contribuenti italiani spendono per il debito quasi quanto per l'istruzione. In tale ottica non abbiamo altra alternativa che chiedere al governo italiano di rivedere il documento programmatico di bilancio per il 2019 e auspichiamo di avviare un dialogo aperto e costruttivo nelle settimane a venire."

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: "Il parere adottato oggi dalla Commissione non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno, in quanto il progetto di bilancio del governo italiano rappresenta una deviazione chiara e intenzionale dagli impegni assunti dall'Italia lo scorso luglio. Tuttavia non chiudiamo la porta: desideriamo infatti continuare un dialogo costruttivo con le autorità italiane. Accolgo con favore l'impegno del ministro Tria in tal senso e dobbiamo procedere in questo spirito nelle prossime settimane."

La valutazione della Commissione del documento programmatico di bilancio indica uno scostamento significativo dal percorso di bilancio raccomandato dal Consiglio. Nel luglio 2018 il Consiglio ha raccomandato all'Italia di apportare un miglioramento strutturale dello 0,6 % del PIL. Il documento programmatico di bilancio presentato dall'Italia prevede invece un deterioramento strutturale pari allo 0,8 % del PIL nel 2019.

Il fatto che il documento programmatico di bilancio preveda un'espansione fiscale vicina all'1 % del PIL, mentre il Consiglio aveva raccomandato un aggiustamento di bilancio, e le dimensioni della deviazione (un divario dell'1,4 % circa del PIL pari a 25 miliardi di €) non hanno precedenti nella storia del patto di stabilità e crescita.

È importante sottolineare che gli obblighi di bilancio dell'Italia per il 2019, come per tutti gli Stati membri, sono stati approvati all'unanimità dal Consiglio europeo del 28 giugno 2018 e adottati dal Consiglio dell'Unione europea del 13 luglio 2018, anche con il consenso dell'Italia.

Il rapporto debito pubblico/PIL dell'Italia, pari al 131,2 % nel 2017, è il secondo più alto dell'Unione europea in termini relativi e tra i più alti al mondo. Ciò equivale a un onere medio pari a 37 000 € per abitante. I costi del servizio del debito assorbono un importo notevolmente maggiore di risorse pubbliche in Italia rispetto al resto della zona euro, a discapito della spesa produttiva del paese. Ad esempio, la spesa per interessi dell'Italia nel 2017 è ammontata a circa 65,5 miliardi di €, pari al 3,8 % del PIL, sostanzialmente la stessa quantità di risorse pubbliche destinate all'istruzione.

La prevista riduzione del rapporto debito/PIL è soggetta a marcati rischi, dato che essa si basa, nel documento programmatico di bilancio, su ipotesi ottimistiche di crescita. Ciò significa che anche il rispetto da parte dell'Italia del parametro per la riduzione del debito, che impone una decrescita costante del livello del debito verso il valore di riferimento del 60 % del PIL stabilito dal trattato, è a rischio.

Sebbene sia naturalmente prerogativa di ciascuno Stato membro stabilire priorità e determinare l'allocazione delle risorse di bilancio, occorre mantenere anche gli impegni assunti e decisi congiuntamente al fine di perseguire un percorso di bilancio sostenibile. È questa la logica che sottende alle norme applicabili.

La normativa pertinente prevede che le autorità italiane presentino il documento programmatico di bilancio riveduto quanto prima e comunque entro tre settimane dall'adozione del parere.

Contesto

Nel 2015 la Commissione ha presentato gli orientamenti sul modo in cui applicherà le norme vigenti del patto di stabilità e crescita per rafforzare il collegamento tra riforme strutturali, investimenti e responsabilità di bilancio, a sostegno dell'occupazione e della crescita. Essi si sono tradotti successivamente nella "Posizione comune sulla flessibilità nel patto di stabilità e crescita" e sono stati approvati dal Consiglio nel 2016. Tra il 2015 e il 2018 l'Italia è stata il principale beneficiario della flessibilità, per un importo dell'ordine di 30 miliardi di € (pari all'1,8 % del PIL). Tale flessibilità ha sostenuto l'attuazione delle riforme strutturali e gli investimenti, e ha aiutato l'Italia a far fronte a eventi eccezionali, quali le minacce alla sicurezza, la crisi dei rifugiati e i terremoti.

Negli ultimi anni l'Italia ha beneficiato di notevoli aiuti mediante finanziamenti sostenuti dall'UE. L'Italia è il secondo maggior beneficiario del "piano Juncker". A ottobre 2018 i finanziamenti nell'ambito del Fondo europeo per gli investimenti strategici dovrebbero aver generato oltre 50 miliardi di € di nuovi investimenti. L'Italia è inoltre il secondo maggiore beneficiario anche dei Fondi strutturali e di investimento europei. Nel periodo 2014-2020 il paese ha ricevuto 44,7 miliardi di € per sostenere, tra l'altro, la competitività delle piccole e medie imprese, la creazione di posti di lavoro di qualità, lo sviluppo delle competenze necessarie, un migliore accesso al mercato del lavoro e alla formazione professionale, la ricerca e l'innovazione, la protezione dell'ambiente e la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

Nel suo programma di stabilità dell'aprile 2018 l'Italia aveva annunciato che avrebbe perseguito un obiettivo di disavanzo dell'0,8 % del PIL nel 2019. Secondo il documento programmatico di bilancio per il 2019 il disavanzo pubblico dovrebbe aumentare notevolmente fino al 2,4 del PIL nel 2019, tre volte quanto previsto inizialmente.

L'articolo 7, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 473/2013 stabilisce che qualora, in casi eccezionali, previa consultazione dello Stato membro interessato entro una settimana dalla presentazione del progetto di documento programmatico di bilancio, la Commissione riscontri un'inosservanza particolarmente grave degli obblighi di politica finanziaria, questa può chiedere che sia presentato un documento programmatico di bilancio riveduto quanto prima e comunque entro tre settimane dalla data del suo parere.

Per ulteriori informazioni

Nota: Parere della Commissione europea sul documento programmatico di bilancio 2019 dell'Italia

Semestre europeo

Documenti programmatici di bilancio 2019

Regolamento (UE) n. 473/2013

Il Vicepresidente Dombrovskis su Twitter: @VDombrovskis

Il Commissario Moscovici su Twitter: @pierremoscovici

La DG ECFIN su Twitter: @ecfin

IP/18/6174

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 107

Acqua potabile: nuove regole per migliorare la qualità e ridurre i rifiuti di plastica

  • · Misure per ridurre sostanze inquinanti e migliorare la qualità dell'acqua di rubinetto
  • · Maggior accesso all'acqua di rubinetto in luoghi pubblici e ristoranti
  • · Impegno degli Stati membri a "promuovere l'accesso universale all'acqua"

Banner Parlamento europeo Servizio Stampa 25I deputati hanno approvato martedì nuove norme per aumentare la fiducia dei consumatori nell'acqua di rubinetto, più economica e pulita dell'acqua in bottiglia.

La legislazione inasprisce i tetti massimi per alcuni inquinanti come il piombo (da dimezzare), i batteri nocivi e introduce nuovi limiti per alcuni interferenti endocrini. Introduce inoltre il monitoraggio dei livelli di microplastica, un problema rivelato di recente.

Accesso all'acqua

 

Tra i nuovi doveri a carico degli Stati membri c'è quello di garantire l’accesso universale all’acqua pulita e migliorare l'accesso all'acqua nelle città e nei luoghi pubblici, attraverso la creazione di fontane gratuite, laddove ciò sia realizzabile dal punto di vista tecnico e proporzionato all’esigenza di tali misure. Il Parlamento chiede inoltre che l'acqua del rubinetto sia fornita gratuitamente, o a basso costo, nei ristoranti, nelle mense e nei servizi di ristorazione.

Right2Water

Facendo seguito alla loro risoluzione sull'iniziativa popolare “Right2Water”, i deputati ribadiscono la necessità che gli Stati membri si concentrino anche sulle esigenze dei gruppi vulnerabili della società in termini di accesso all'acqua. In particolare, dovrebbero identificare le persone senza accesso, o con accesso limitato all'acqua, compresi i gruppi vulnerabili ed emarginati, e valutare i modi per migliorare il loro accesso. Dovrebbero inoltre informarli in modo chiaro su come allacciarsi alla rete di distribuzione o sui modi alternativi di accesso all’acqua potabile.

Citazione

Il relatore Michel Dantin (PPE, FR) ha dichiarato: "Il modo in cui utilizziamo l'acqua definisce il futuro dell'umanità. È chiaro che tutti dovrebbero avere accesso ad acqua pulita e di buona qualità, e noi dovremmo fare del nostro meglio per renderla il più possibile accessibile a tutti. Insistere affinché i Paesi assorbano i costi attraverso i loro bilanci statali va contro le tradizioni nazionali esistenti, ed è solo un miraggio perché, alla fine, è sempre il contribuente che paga il conto".

 

Prossime tappe

La relazione è stata adottata con 300 voti favorevoli, 98 contrari e 274 astensioni. Il Parlamento avvierà i negoziati con il Consiglio non appena i ministri dell'UE avranno stabilito la propria posizione.

Contesto

Queste proposte mirano ad accrescere la fiducia dei cittadini nell'approvvigionamento idrico e ad aumentare l'uso dell'acqua di rubinetto per dissetarsi. Ciò potrebbe contribuire a ridurre l'uso della plastica e i rifiuti.

Secondo la Commissione europea, un minore consumo di acqua in bottiglia potrebbe aiutare le famiglie dell'UE a risparmiare oltre 600 milioni di euro all'anno. Inoltre, grazie alla maggiore fiducia nell'acqua di rubinetto, i cittadini possono contribuire a ridurre i rifiuti di plastica dall'acqua in bottiglia, compresi i rifiuti marini. Le bottiglie di plastica sono uno degli articoli di plastica monouso più diffusi sulle spiagge europee. Con l'aggiornamento della direttiva sull'acqua potabile, la Commissione compie un importante passo legislativo verso l'attuazione della strategia UE sulle materie plastiche presentata il 16 gennaio 2018.

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 70

Altri articoli...

  1. Testimonianze di impegno civico: premiati a Firenze i Cittadini europei
  2. Norme UE per la tutela dei consumatori: Airbnb si impegna a conformarsi alle richieste della Commissione europea e delle autorità dell'UE per la tutela dei consumatori
  3. Stato di diritto in Ungheria: Il Parlamento chiede all'UE di agire
  4. Copyright: il Parlamento adotta la sua proposta di riforma
  5. Protezione dei dati personali: ultimi step per la creazione del più grande spazio di circolazione sicura di dati al mondo
  6. L'Europa della ricerca premia gli italiani
  7. Tajani in Niger: con partenariato e fondi Ue migranti verso Libia e Europa ridotti del 95%
  8. Norme UE di tutela dei consumatori: la Commissione europea e le autorità dell'UE di tutela dei consumatori spingono Airbnb a rispettarle
  9. Dichiarazione comune per far avanzare la cooperazione tra UE e NATO
  10. Dichiarazione del Presidente Tajani a conclusione della sua visita in Libia
  11. Norme UE rafforzate per prevenire il riciclaggio di denaro e combattere il finanziamento del terrorismo
  12. Anteprima della sessione plenaria 2 – 5 luglio 2018, Strasburgo
  13. Tajani ai Leader UE: per gestire crisi migratoria dobbiamo fermare partenze, rafforzare frontiere esterne, riformare Dublino e stabilizzare Libia
  14. Presidente Tajani ha inaugurato la Conferenza di alto livello sul Patrimonio culturale europeo
  15. Tajani apre domani Conferenza alto livello sull’anno europeo del Patrimonio culturale
  16. Patrimonio culturale, conferenza ad alto livello il 26 giugno
  17. Riunioni di commissioni e gruppi politici, Bruxelles
  18. 20 anni di Copernicus
  19. Avvio di negoziati commerciali tra l'UE e la Nuova Zelanda
  20. Incontro Tajani-Kurz: migrazione è sfida più grande, da Presidenza Austria risposte concrete
  21. Politica di coesione oltre il 2020: la Commissione aiuta le regioni d'Europa a diventare più innovative
  22. Il Presidente del Parlamento europeo, Tajani, incontra il Direttore generale della FAO, José Graziano da Silva
  23. Differenze di qualità nei prodotti alimentari: la Commissione pubblica una metodologia comune di prova
  24. Bilancio dell'UE: la Commissione propone un bilancio di 1,26 miliardi di € per potenziare il corpo europeo di solidarietà
  25. DiscoverEU: 15 000 biglietti in palio per esplorare l'UE quest'estate