Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

Tratta di esseri umani: la Commissione fissa le priorità dell'azione dell'UE

  • Published in Europa

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Oggi la Commissione europea ha presentato un elenco di azioni concrete per contrastare più efficacemente la tratta di esseri umani. Sulla base della strategia dell'UE e alla luce delle recenti sfide migratorie, economiche e per la sicurezza, le priorità definite oggi dalla Commissione identificano ambiti fondamentali che richiedono l'intervento immediato dell'UE e degli Stati membri per smantellare il modus operandi dei trafficanti, garantire maggiori diritti alle vittime e intensificare gli sforzi interni ed esterni.

Il Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza Dimitris Avramopoulos ha dichiarato: "Non è accettabile che nel 21° secolo né in Europa, né in nessun'altra parte del mondo gli essere umani siano ancora oggetto di traffici alla stregua di merci e di sfruttamento. Nel corso degli anni l'UE ha sviluppato strumenti giuridici e operativi contro questo crimine odioso, ma è necessario fare di più, perché la crisi migratoria e le minacce transnazionali alla sicurezza hanno reso le persone più vulnerabili alle reti criminali e allo sfruttamento. Esorto tutti gli Stati membri a intensificare urgentemente le indagini e le azioni penali nei confronti di questi spregiudicati trafficanti, a garantire maggiore protezione alle vittime e ad applicare pienamente le regole dell'UE per la loro protezione. Chiedo anche a tutti di lavorare più a stretto contatto con i partner internazionali. La tratta di esseri umani non è soltanto un problema europeo e dobbiamo fare tutto il possibile per eradicarla ovunque si verifichi".

La Commissione seguirà i progressi compiuti in merito alle azioni definite nella comunicazione presentata oggi e riferirà al Parlamento europeo e al Consiglio entro fine 2018.