Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Europa
  • Visite: 25

Parlamento mobilitato per convogliare i fondi UE in favore delle persone colpite da Coronavirus

Foto Parlamento europeo 250Tutte le misure per combattere il COVID-19 e i suoi effetti sono una priorità per il Parlamento in quanto colegislatore e autorità di bilancio

Commissione sviluppo regionale inizia a lavorare sulle misure proposte per sostenere le regioni e le comunità più colpite

La commissione sviluppo regionale è pronta a trovare il modo più efficiente possibile per consentire l'adozione e la rapida attuazione della ‘Corona Response Investment Initiative’.

Il Presidente della commissione per lo sviluppo regionale del PE, Younous Omarjee (GUE/NGL, FR) ha dichiarato: "L'Europa deve mostrare solidarietà in questo momento. La politica di coesione è intrinsecamente legata alla solidarietà e ora più che mai deve essere all'altezza della sfida, in modo che sia attuata nel modo più efficiente possibile. La commissione per lo sviluppo regionale farà tutto il possibile per garantire che i fondi siano a disposizione dove è più necessario".

Prossime tappe

La modifica delle regole di finanziamento dell'UE rientra nella procedura di codecisione, quindi sia il Parlamento che il Consiglio dovranno adottare l’atto. L'ufficio di presidenza e i coordinatori della commissione per lo sviluppo regionale discuteranno la procedura e annunceranno i prossimi passi da compiere il prima possibile. La commissione si adopererà per concludere l'esame della proposta il più rapidamente possibile.

L'adozione della proposta consentirà di convogliare i finanziamenti verso le aree e i settori interessati.

Contesto

Il 10 marzo, la Commissione europea ha annunciato che avrebbe lanciato una "Corona Response Investment Initiative" diretta ai sistemi sanitari, alle PMI, ai mercati del lavoro e ad altre parti vulnerabili delle economie degli Stati membri dell'UE. Il 13 marzo è stata pubblicata una proposta legislativa per modificare il regolamento sulle disposizioni comuni, il Fondo europeo di sviluppo regionale e i regolamenti del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.

La Commissione ha proposto di destinare 37 miliardi di euro nell'ambito della politica di coesione alla lotta contro la crisi del Coronavirus, rinunciando quest'anno all'obbligo di chiedere la restituzione dei prefinanziamenti per i fondi strutturali. Si tratta di circa 8 miliardi di euro del bilancio dell'UE, che gli Stati membri potranno utilizzare per integrare 29 miliardi di euro di fondi strutturali, per tutta l'UE. Inoltre, la Commissione ha proposto di estendere il campo di applicazione del Fondo di solidarietà dell'UE includendo anche la crisi della sanità pubblica, in vista di una eventuale mobilitazione per gli Stati membri più duramente colpiti.