Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Europa
  • Visite: 70

Vaccinazione COVID-19: i deputati chiedono la solidarietà dell'UE e del mondo

Per soddisfare le aspettative dei cittadini, l'UE deve prendere misure urgenti per aumentare la produzione dei vaccini e continuare gli sforzi congiunti per combattere la pandemia.

 

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Mercoledì, nel corso del dibattito in Plenaria con la Presidenza portoghese e la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen, i deputati hanno commentato lo stato di avanzamento della strategia UE di vaccinazione COVID-19.


Molti deputati hanno sottolineato che l'UE ha preso le giuste decisioni chiave, in particolare sull'approccio collettivo europeo alla vaccinazione e sulla difesa dei diritti dei suoi cittadini, mettendo al primo posto la sicurezza e facendo rispettare le norme europee sulla responsabilità.


La Presidente von der Leyen ha difeso la scelta dell'UE di ordinare i vaccini collettivamente, la necessità di solidarietà globale e la decisione di non prendere scorciatoie sulla sicurezza e l'efficienza dei vaccini.


Ha poi riconosciuto che bisogna trarre lezioni dagli errori del passato, poiché "non siamo ancora dove vogliamo essere nella lotta contro il virus".


Secondo i deputati, "nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro" e le soluzioni per uscire dalla crisi devono essere trovate nello spirito di solidarietà, sia tra i Paesi UE che a livello globale. L'UE ha una responsabilità verso il resto del mondo e deve garantire che i vaccini siano distribuiti equamente a livello globale.

I deputati hanno riconosciuto che l'UE ha sottovalutato le sfide relative alla produzione di massa dei vaccini e che è necessario prendere con la massima priorità delle misure concrete per aumentare la produzione. Molti deputati hanno esortato la Commissione a far rispettare i contratti esistenti e, allo stesso tempo, a sostenere gli Stati membri nelle loro strategie di vaccinazione.


Secondo alcuni deputati, per costruire la fiducia dei cittadini negli sforzi di vaccinazione ed evitare la disinformazione, l'UE deve "dire la verità". A tale proposito, molti deputati hanno ricordato la necessità di trasparenza sui contratti, oltre a dati completi e chiari sulla distribuzione a livello nazionale dei vaccini.


Tenendo conto delle grandi quantità di denaro pubblico investito, diversi deputati hanno chiesto un maggiore controllo parlamentare sull'attuazione della strategia dei vaccini.


Registrazione video del dibattito


Per rivedere i singoli interventi, cliccare sul nome dell’oratore:


Ana Paula Zacarias, Presidenza portoghese


Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea:

prima parte

seconda parte

terza parte


Manfred Weber (PPE, DE)


Iratxe García Pérez (S&D, ES)


Dacian Cioloş (Renew Europe, RO)

Marco Zanni (ID, IT)


Ska Keller (Verdi/ALE, DE)

Beata Szydło (ECR, PL)


Manon Aubry (La Sinistra, FR)


Contesto


Il 12 gennaio 2021, i deputati hanno interrogato la Commissione sugli ultimi sviluppi dei vaccini COVID-19. Il 19 gennaio, si è tenuto un dibattito in Plenaria sulla strategia globale UE per il COVID-19. Lo stesso giorno, la Commissione ha pubblicato un aggiornamento del piano d'azione per rafforzare la lotta contro la pandemia.


Nel corso del dibattito in Plenaria di gennaio, i deputati hanno espresso un ampio sostegno per l'approccio comune UE alla lotta contro la pandemia e hanno chiesto la completa trasparenza sui contratti e sulla distribuzione dei vaccini COVID-19.