Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Europa
  • Visite: 243

Il mercato unico compie 30 anni: le relazioni della Commissione confermano che il mercato unico sostiene la capacità dell'Europa di affrontare le sfide fondamentali

Il mercato unico compie 30 anni:
le relazioni della Commissione confermano che il mercato unico sostiene la capacità dell'Europa di affrontare le sfide fondamentali

 

LOGO Comm. EU 150La Commissione ha pubblicato oggi la relazione annuale sul mercato unico 2023 e il quadro di valutazione del mercato unico 2022 nell'ambito delle attività volte a celebrare il 30º anniversario del mercato unico. Le relazioni confermano che il mercato unico continua ad essere uno strumento fondamentale per affrontare le attuali sfide dell'Europa e sottolineano l'importanza di migliorarne costantemente il funzionamento, nonché di evidenziare l'impatto del mercato unico in termini di maggiore valore aggiunto per l'economia dell'UE.

Entrambe le relazioni forniranno un contributo alle discussioni con gli Stati membri sul rafforzamento del mercato unico e serviranno da base per i futuri lavori della Commissione intesi a garantire che il mercato unico realizzi appieno il suo potenziale in termini di sostegno alla resilienza e alla competitività dell'economia europea.

La relazione annuale sul mercato unico 2023 fa il punto sull'integrazione del mercato unico e analizza in che modo esso aiuta l'Europa ad affrontare le attuali tensioni geopolitiche, a migliorare la competitività dell'UE e a sostenere le transizioni verde e digitale della nostra economia.

Il quadro di valutazione del mercato unico 2022 evidenzia in che modo il mercato unico avvantaggia l'economia dell'UE. Fornisce una panoramica dettagliata delle modalità di applicazione delle norme del mercato unico dell'UE in tutto lo Spazio economico europeo, con l'obiettivo di individuare possibili miglioramenti per il mercato unico. Il quadro di valutazione esamina in particolare i progressi conseguiti nell'attuazione del diritto dell'UE, le condizioni generali delle imprese, l'integrazione del mercato unico e altri importanti obiettivi strategici quali la crescita e l'occupazione, la resilienza, l'economia digitale e verde.

Le principali conclusioni delle relazioni sono le seguenti:

  • un mercato unico forte sostiene la capacità dell'Europa di affrontare le sfide fondamentali- La relazione annuale sul mercato unico 2023 è incentrata sulla necessità di avvalersi delle potenzialità del mercato unico per garantire la disponibilità di beni, servizi, competenze e capitali essenziali, necessari per la duplice transizione dell'Europa. Nella relazione si rileva che sono necessari progressi per rafforzare la resilienza delle catene di approvvigionamento, affrontare le dipendenze strategiche, in particolare per quanto riguarda le materie prime critiche, migliorare l'integrazione nel mercato dei servizi e garantire che l'Europa disponga delle tecnologie e delle competenze necessarie per fare fronte a tali sfide. Il quadro di valutazione del mercato unico fornisce ulteriori dati sui risultati finora conseguiti in termini di competitività, scambi commerciali, resilienza economica e duplice transizione, indicando i settori che necessitano di miglioramenti. Tra questi figurano la riduzione degli ostacoli all'esercizio delle professioni (ad es. i servizi giuridici) o il riconoscimento transfrontaliero delle qualifiche professionali (ad es. le guide turistiche), il miglioramento degli investimenti pubblici e privati, il sostegno alle PMI e la prosecuzione delle azioni svolte a livello nazionale a sostegno della duplice transizione;
  • gli strumenti e i dati digitali hanno un forte potenziale per migliorare la governance del mercato unico- La relazione annuale sul mercato unico di quest'anno evidenzia in che modo i nuovi approcci, compreso un migliore utilizzo delle tecnologie digitali e delle soluzioni di e-government – ad es. lo sportello digitale unico e il sistema tecnico basato sul principio "una tantum" – accresceranno la fiducia tra le autorità e ridurranno gli oneri per le imprese e le amministrazioni;
  • il mercato unico apporta un crescente valore aggiunto all'economia dell'UE- Sia la relazione annuale sul mercato unico sia il quadro di valutazione del mercato unico valutano i vantaggi e l'aumento degli scambi tra gli Stati membri che il mercato unico ha reso possibili sin dalla sua creazione. Il quadro di valutazione indica una crescente integrazione commerciale dopo la pandemia di COVID-19: nel giugno 2022 gli scambi all'interno dell'UE rappresentavano il 60% degli scambi commerciali complessivi dell'UE;
  • le imprese beneficiano di una migliore applicazione delle norme e delle condizioni generali, ma permangono difficoltà- Il quadro di valutazione stabilisce che l'attuazione e l'applicazione delle norme del mercato unico stanno migliorando; ne è la prova il numero inferiore di procedimenti di infrazione nei confronti degli Stati membri registrato nel 2021 per la prima volta rispetto agli ultimi 4 anni. Il quadro di valutazione evidenzia inoltre un uso e un'applicazione migliori di diversi strumenti essenziali del mercato unico, quali il sistema di informazione del mercato interno, la direttiva sulla trasparenza del mercato unico e il maggiore utilizzo della rete SOLVIT, che contribuisce a prevenire o rimuovere gli ostacoli nel mercato unico. Inoltre le imprese della maggior parte degli Stati membri hanno percepito che gli oneri normativi sono diminuiti nel 2021, ma si trovano ad affrontare problemi crescenti in merito ai ritardi di pagamento da parte delle autorità pubbliche, soprattutto a causa dell'impatto della pandemia di COVID-19.

Contesto

Le relazioni annuali preparano il terreno fornendo analisi di fondo per la comunicazione "Il mercato unico compie trent'anni", che sarà pubblicata dalla Commissione nelle prossime settimane.

La relazione annuale sul mercato unico è stata pubblicata per la prima volta nel maggio 2021 a corredo dell'aggiornamento della strategia industriale, che ha analizzato lo stato di avanzamento dell'economia europea e valutato i progressi compiuti nell'attuazione della strategia industriale europea 2020. Oggi la Commissione pubblica la terza edizione della relazione annuale sul mercato unico, che ne celebra anche il 30º anniversario.

Il quadro di valutazione del mercato unico è stato pubblicato per la prima volta nel 1997.  L'edizione 2022 del quadro di valutazione del mercato unico comprende, oltre agli indicatori tradizionali, nuovi indicatori del contesto imprenditoriale per quanto riguarda la reattività amministrativa e l'onere della regolamentazione, come pure informazioni sull'accesso ai servizi e ai mercati dei servizi, sulla mobilità del lavoro e sull'accesso ai finanziamenti. Riferisce inoltre in merito ai risultati conseguiti dal mercato unico in termini di crescita, occupazione e indicatori sociali, integrazione di beni e servizi, resilienza economica, transizioni digitale e verde.

Per ulteriori informazioni

Relazione annuale sul mercato unico 2023: 30 anni di mercato unico

Quadro di valutazione del mercato unico 2022

Citazioni

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva per Un'Europa pronta per l'era digitale

Da 30 anni il mercato unico apporta innumerevoli vantaggi alle imprese, ai consumatori e ai cittadini europei. Ha garantito prosperità e pace. Occorre tuttavia fare di più per garantirne il corretto funzionamento, preservare la parità di condizioni e liberare il suo potenziale inutilizzato a vantaggio dei cittadini e delle imprese.

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno

Le relazioni odierne forniscono ulteriori prove del ruolo centrale che il mercato unico svolge nella nostra vita quotidiana e nell'aiutare le imprese e le PMI dell'UE a crescere ed espandersi. Sulla scia del successo riscosso negli ultimi 30 anni, continueremo a collaborare con gli Stati membri per garantire che applichino correttamente il diritto dell'UE e che le loro amministrazioni non elevino nuovi ostacoli, in particolare nel settore dei servizi. Nell'attuale contesto geopolitico e con una concorrenza mondiale agguerrita, un mercato unico ben funzionante sarà particolarmente cruciale per la competitività, la creazione di posti di lavoro e la resilienza dell'UE.