Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

in Mostra

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Mostre
  • Visite: 1029

Firenze. Costruire l’Architettura Gianfranco Franchi, Franchi + Associati

LAPILLI Franchi Associati Giardino degli Osservanti Lucca 2005Il 12 giugno, come tutti i venerdì, allo Spazio A di lungarno Benvenuto Cellini 13a, è il giorno di “Costruire l’Architettura”, il ciclo di incontri organizzato dalla Federazione Architetti PPC Toscani, realizzato in collaborazione con la casa editrice Forma e curato da Laura Andreini. Protagonista dell’appuntamento di questa settimana, alle ore 17.30 come sempre, sarà l’architetto Gianfranco Franchi, titolare dello studio Franchi+Associati. Titolo dell’incontro “Palinsesti e nuovi paesaggi”.

“Progettare paesaggi è un mestiere alquanto complesso e difficile. Mette assieme una moltitudine di conoscenze tecniche, storiche, sociali ed ecosistemiche che, se ben integrate tra loro, permettono a tutti i soggetti coinvolti di migliorare la propria qualità della vita.
Scopo del progetto di paesaggio è mettere in equilibrio interessi contrastanti per coniugare l'armonia delle forme e la ricerca del bello con i delicati equilibri delle componenti naturali. Questo percorso passa attraverso la lettura del palinsesto della storia del luogo.
Franchi+Associati presenta alcuni progetti e lavori che descrivono il percorso fatto in questi anni sul tema della trasformazione dello spazio urbano”.

Gianfranco Franchi è Architetto e Architetto del Paesaggio, ed è titolare di Franchi+Associati, studio diLAPILLI Franchi Associati Terrazza Petroni Lucca 1999 progettazione del paesaggio che si occupa principalmente di progettazione di parchi, aree verdi, riqualificazione di ambiti urbani.
Gli interessi e l'attività dello studio spaziano in diversi settori, dalla progettazione dello spazio pubblico all'urban design, dal progetto del giardino fino alla progettazione del parco. Lo studio si occupa anche di valutazione d'impatto ambientale per l'inserimento di infrastrutture nel paesaggio.
Gianfranco Franchi si è laureato a Firenze nel 1981. Nel 1993 si specializza in Architettura del paesaggio presso l'Università di Genova e dall'anno seguente partecipa alle attività didattiche della Scuola. Dal 1999 al 2012 è Professore a contratto di "Tecniche di costruzione delle aree verdi" presso il Corso di Laurea in Architettura del Paesaggio diretto dalla Prof.ssa Annalisa Maniglio Calcagno. Dal 2013 insegna "Progettazione di parchi e giardini" al Master di II livello in" Paesaggistica" dell'Università di Firenze.

Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali tra cui: Maghtab Park a Malta (2° premio), Piano strutturale del verde pubblico a Senigallia (AN) (1° premio), il Museo archeologico sull'autostrada Salerno Reggio Calabria (1° premio), parco urbano e dello sport a Sacile (1° premio), parco del Bullaque e del Guadiana, Spagna (1° premio), la riqualificazione del "Quartiere 8" a Valga in Estonia (1° premio).
Nel corso dell'attività professionale Franchi ha progettato e realizzato diversi parchi e spazi pubblici tra cui: i Giardini del Passeggio a Lodi, il parco degli Osservanti a Lucca, il parco S. Anna a Lucca, il Parco fluviale del Serchio. Attualmente è in corso di completamento la riqualificazione della passeggiata di Savona e del parco del Priamar. Dal 2006 al 2012 è stato Vicepresidente nazionale dell’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP).

Anche per questo incontro Forma Edizioni, ha avviato la procedura, presso il CNAPPC, per il riconoscimento ai partecipanti di 2 Crediti Formativi CFP. I posti disponibili sono 50. Le iscrizioni saranno accettate in ordine di arrivo. Per iscriversi è necessario inviare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando oltre ai dati anagrafici, l’ordine di appartenenza e il numero di matricola. Al fine del riconoscimento dei crediti formativi, l’iscritto dovrà essere presente dall’inizio del convegno fino alla sua effettiva conclusione attestando la presenza con le firme di entrata ed uscita su apposito registro.