Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Le poesie di Suzana Glavaš (Zagreb, Croazia)

Appunti01Suzana Glavaš (Zagreb, Croazia), PhD in filologia romanza, è italianista, croatista, comparatista ed ebraista. Residente a Napoli e docente di lingua corata all’Università “L’Orientale”, volge gli interessi di ricerca ai rapporti letterari italo-croati da Dante ai giorni nostri, alla letteratura ebraica tra le due sponde dell’Adriatico, nonché alla poesia italiana del Novecento, in particolare a quella di Umberto Bellintani. Molte sono le sue traduzioni di autori italiani in croato e di autori croati in italiano. Scrive indistintamente in due lingue. In Croazia sono usciti su riviste letteraria due suoi cicli di poesie in lingua croata. La sua prima raccolta di poesie è stata pubblicata con Aracne Editrice nel 2013, dal titolo Sono donna che NON C’È (prefazione di Maria Roccasalva). La seconda è uscita nel 2015 con La Mongolfiera Editrice e Spettacoli: Ti suono le mie dita. Per mano sola (Prefazione di Maria Gabriella Mariani; Introduzione di Luca Signorini). Per la poesia ha vinto il Premio Positano “I Moti dell’Anima” (2015) e il Premio Speciale della Giuria della Città di Sant’Anastasia (2016).

È vincitrice del Premio Internazionale Umberto Bellintani (Mantova, 1° edizione 2002), per la ricerca scientifica in italianistica, e del Premio Internazionale Davidias (Zagreb-Split 2010), per la miglior traduzione dell’opera di un autore classico croato in lingua straniera (L’Avaro di Marino Darsa Raguseo, Cinquecento).

 

Le Poesie

 

L’IO TRIO

 

La mia città

è  il mio dentro

vulcano spento

magma irruento

la mia città

sei il Tu Suono

che mi cresci Albero

con chiome al vento

(da SONO DONNA CHE NON C’È)

***

 

mi tocchi

mi ritocchi

tocchi

e ritocchi

e mi suoni

conCorde

degli occhi

(da TI SUONO LE MIE DITA. PER MANO SOLA)

***

 

e cambio forma

e sono orma

l’idea del piede

sul bagnasciuga

che

a breve

l’oblio

dell’onda

inonda

(INEDITA)

***

 

liete le mie mani

oh liete le mie mani

come il gelso

con bachi da seta

tra i rami

(INEDITA)