Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

Migranti e accoglienza di Carlo Avvisati

Foto migranti 250

Venti anni fa, già affrontavo e descrivevo nel mio poemetto “ ‘O ritorno d’’o Pataterno” il problema della migrazione e dell’accoglienza per questa gente che scappava da guerre, pestilenze, e carestie… eccovene uno stralcio.

È san Gennaro che si rivolge al Padreterno descrivendogli la terribile situazione dei migranti

 

… Pòvera gente c’ha passato ‘o mare

lassanno ‘a terra soia pe campà meglio,

abbandunanno lla mugliere e figlie,

ll’amice, ‘a mamma, ‘o pate, ‘e ccose care.


Fujenno strazie, guerre e carastie

se so’ credute ca venenno cca

scanzavano pe sempe ‘ e mmalatie:

chiste so’ figlie a vuje. So’ ‘e "vuo’ cumprà".


Mo campano vennenno ‘e scartapelle

fanno na vita ‘e cane, nun ve dico;

‘a sera , quacche vota, sott’’e stelle,

s’addormono ‘mbriache int’a nu vico.


Uocchie ‘e brillante, ‘e ffemmene, v’’o giuro,

vann’ a servizio ‘ncopp’ a da ‘e signure.

Stentano a faticà na vita sana.

Quaccuna campa meglio: fa ‘a puttana!


Chesto, vuie me dicite, è malamente.

È ‘o vero. Nun ve pozzo criticà.

Ma ‘o munno è addeventato na samenta,

ognuno nciarma e sciarma pe campà…

 

Carlo Avvisati