Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Poesie
  • Visite: 223

" ‘A bballata d’’a povera ggente" di Carlo Avvisati

‘A ballatta d’’a povera ggente” di Carlo Avvisati

carlo avvisati1 21 100Il dolore per la tragedia, l’ennesima, dei migranti consumatasi sulla spiaggia di Cutro, a pochi metri dalla salvezza, ha spinto Carlo Avvisati, giornalista, scrittore, poeta, a mettere su carta questi quattro verdi di denuncia per la stagione di aridità  che il cuore degli esseri umani sta vivendo, e non da poco tempo.

Sono scritti in napoletano, la sua, la nostra, lingua madre, quella pregnante ed esaustiva.

 

‘A bballata d’’a povera ggente

‘O mare vatte ll’onne ncopp’‘a rena,

purtanno a rriva na pupata ‘e pezza; 

nu poco cchiù luntano, ‘int’a na rezza,

hanno truvato miezo piezzo ‘e pane. 

Chest’è ‘a canzone d’ ‘a povera ggente

chisti so’ strille, iastemme, so’ cchianti

‘e chi ‘nt’all’onne sperduto se sente

‘e chi ‘a sta vita nun tene ‘a sperà.

Dint’ a la rezza na nenna durmeva

cu ‘e vvracce attuorno a nu piezzo ‘e lignammo;

chi sape si durmenno se sunnava

che s’abbracciava e sse vasava ‘a mamma 

Chest’è ‘a bballata d’’a povera ggente

‘e chi ha perduto famiglia e ppariente, 

 ‘e chi jastemma ‘o destino fetente,

‘e chi  sperava cchiù mmeglio ‘e campà.

“Maronna! … aiuto… ‘o mare ce zeffonna!”:

ma nun ce stanno santi, nun ce stanno,

nisciuno sente a cchi mo st’alluccanno…

ca nzieme cu li pisce scenne nfunno.

Cheste so’ vvoce ca stracceno ‘o core,

chest’è ‘a canzone ‘e chi more pe mmare,

e chi ha perduto li ccose cchiù care,

chist’è ‘o destino ‘e chi maje turnarrà.