Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

A Trecase la 41a Giornata nazionale per la vita “È VITA, È FUTURO”

Foto Domenica per la Vita 2019“È vita, è futuro” è stato lo slogan che la CEI ha coniato per la 41a Giornata nazionale per la vita, celebrata in tutte le Diocesi domenica 3 febbraio 2019. Anche a Trecase, comune alle falde del Vesuvio, le comunità parrocchiali di S. Antonio di Padova e del Santuario “S.M. delle Grazie e S. Gennaro”, con i rispettivi parroci don Federico Battaglia e don Aniello Gargiulo, hanno aderito in maniera sentita all’invito del Consiglio episcopale della CEI e dell’Arcivescovo Metropolita di Napoli il Cardinale Crescenzo Sepe, celebrando la giornata nazionale della vita con una corteo che, partito dalla chiesa di S. Antonio di Padova, è arrivato al Santuario “S.M. delle Grazie e S. Gennaro” per la celebrazione della S.Messa.

L’iniziativa, promossa dal Settore Laicato, Ufficio Famiglia e Vita dell’Arcidiocesi di Napoli, è stata organizzata dalle due comunità parrocchiali con la fattiva collaborazione dell’Azione cattolica, presidente Fabio Cacchione; Insieme per la Vita, presidente Luigi di Leva; Pro Loco, incaricato Luigi Trapani; Logos, presidente Lina Luppoli. Alla testa del corteo alunni e studenti con i loro docenti dell’ICS Sancia d’Angiò, dirigente Agata Esposito e la partecipazione dei rappresentanti dell’Amministrazione comunale di Trecase con il Sindaco Raffaele De Luca. All’iniziativa hanno dato la loro adesione anche l’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) Campania, presidente Giuseppe Blasi; la Fondazione Nazionale di Studi Tonioliani della Campania e l’associazione culturale Prometeo.

Il corteo, formato da numerose persone, dopo aver attraversato il corso principale della cittadina vesuviana, supportato dalla Protezione civile e dai Vigili urbani, è giunto al Santuario “S.M. delle Grazie e S. Gennaro” dove, in una chiesa gremita è stata celebrata la S. Messa, presieduta da don Aniello Gargiulo con don Federico Battaglia e con il diacono Francesco Ranieri. Don Federico Battaglia ha richiamato il messaggio del Consiglio episcopale della CEI ed esplicitato che, “quest’anno, per celebrare la Giornata nazionale per la Vita, si è voluto declinare la lettera pastorale del cardinale Crescenzio Sepe “Visitare gli infermi”, attraverso una serie di iniziative a favore della vita, che si tengono nelle due parrocchie, sottolineando l’importanza della “cultura della vita”. “Infatti, ha proseguito don Federico Battaglia, si sono avviati, tra gli altri, corsi di primo soccorso in preparazione alla certificazione BLS-D (Basic Life Support e Defibrillatore); nel percorso prematrimoniale che si tengono nelle due parrocchie è previsto l’inserimento della manovra Heimilich per disostruire le vie aeree; un corso di preparazione di base per i familiari dei malati allettati e per chi intende diventare assistente domiciliare; sostegno al progetto diocesano “Un farmaco per tutti” al fine di recuperare i farmaci inutilizzati per le persone disagiate; coinvolgere i gruppi parrocchiali per la visita ai malati che ricevono la comunione nella propria abitazione”. Durante la celebrazione alcuni bambini e ragazzi hanno letto messaggi sul tema “È vita, è futuro” per inneggiare alla Vita che è il dono più prezioso fatto da Dio all’uomo. Promuovere la Vita è promuovere il futuro, dalla nascita al suo naturale termine; è necessario anche custodire la sua dimora “la casa comune” per il conseguimento del “bene comune”. Concetti ribaditi anche da don Aniello Gargiulo che, a conclusione della celebrazione, ha esortato i fedeli e i presenti a diffondere comunque e sempre “la cultura della vita”; l’inviolabilità della vita umana, ricordando che la Vita è bella e come tale deve essere vissuta nella sua pienezza e interezza perché la Vita è un dono di Dio.

                                                                                                                                                Francesco Manca