Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Il centenario Telaio di Tonina Salvatore che gratis, durante la pandemia, ha realizzato le mascherine

il telaio di ToninaHo imparato a conoscere Tonina Salvatore, durante i giorni duri della pandemia. Di persona non l’ho mai incontrata, ma l'immagine buona che mi arrivava da Fb, mi faceva già credere in Lei, persona buona. Tonina è di Avigliano, la Lucania discosta, conosciuta nei miei primi 8 anni d'insegnamento e che per certi versi non è mai cambiata nei valori essenziali e fondanti, anche se la mano di vernice, giustamente di modernità se l’è data.

Tonina Salvatore, una bella signora di mezz' età, possiede un telaio centenario che utilizza per la produzione artigianale di manufatti in lana e stoffa. Durante il momento più tragico della pandemia, per mancanza di mascherine, Tonina non ci pensa due volte ed invece di starsene a girare i pollici, come la gran parte di noi, terrorizzata dalla paura, comincia a produrre mascherine gratis, per la comunità, arrivando a confezionarne in tessuto, oltre 2500. Così, anche con l'aiuto delle figlie Paola e Maria, ragazze generose, quanto la madre, hanno fornito interi reparti dell’ospedale San Carlo di Potenza, tra cui: pneumatologia, terapia intensiva, otorinolaringoiatra, olistica, ematologia, pediatria, pronto soccorso e 118. Un nobile impegno se si pensa che tanti medici ed infermieri hanno svolto il loro dovere lavorativo, senza nessuna protezione, lasciandoci la vita. Inoltre, chiunque abbia fatto richiesta al team di lavoro, sono state pronte a tranquillizzare, chi in quel momento fosse in difficoltà, per la paura di essere sfornita di un mezzo così importante a salvarsi la vita.tonina salvatore 2

 

Molti sono stati i riconoscimenti ricevuti per la prontezza, con la quale si sono attivate in una crisi mondiale, dove ognuno pensava al proprio particolare e a salvarsi a danno anche del proprio simile, per non parlare delle speculazioni, messe furbescamente in atto. Loro no, come damigelle del medio evo, si sono sedute al telaio, lavorando notte e giorno, per dare il loro contributo all’Italia.

E seguiamo la storia di questo telaio che già ad immaginarlo sembra una favola ascoltata da bambini, anche il linguaggio usato per conoscerlo, sa di arcaico e ci trasporta nei mitici paesi antichi, dove c’è sempre una principessa che lavora pensosa al telaio, aspettando il suo principe azzurro.

Il telaio di Tonina Salvatore ha una storia centenaria. La prima persona che utilizzò questa stupenda "macchina" fu sua nonna Domenica Maria Mancusi, conosciuta da tutti come zia Nenna Mussluong, che trasmise quest'arte alla nuora Vita Crescenzia Salvatore, madre di Tonina. All'epoca i teli prodotti venivano realizzati con lana di riciclo e venivano adoperati per coprire il pane detti " tr'zzarule" o a mo’ di coperte. Tonina, dopo aver lavorato per molti anni sempre nell'ambito dell'artigianato artistico, decise di riprendere la tradizione di famiglia, per suo conto, ed iniziò a realizzare tessuti tradizionali con un tocco d’innovazione, per cui alla produzione classica, si aggiunsero complementi d'arredo, capi di abbigliamento, accessori e calzature. Il nuovo avanza, Maria e Paola ne sono e saranno depositarie di questa antica virtù. Tutto viene rigorosamente tessuto e rifinito a mano, ogni pezzo realizzato è unico ed esclusivo a garanzia dell'originalità ed artigianalità del prodotto.

tonina salvatore3

La storia della tessitura segue passo, passo quella dell'umanità, i primi telai apparvero nel neolitico, costruiti semplicemente con rami di pali messi verticalmente, l’immagine la si trova, molto spesso, sui vasi greci unita all’immagine di Penelope I popoli antichi oltre al telaio con pesi, usavano telai orizzontali a terra. Questo tipo di telaio, solamente un po' più raffinato, continuò ad essere utilizzato per millenni, dagli Egizi e dai Romani. Nel medioevo il telaio verticale continua ad essere usato per il confezionamento degli arazzi, e nel 1250 fu dotato per la prima volta di pedale La tessitura diviene un'arte, grazie all'arrivo della seta dalla Cina e con la lavorazione di tessuti pregiati come rasobroccatodamascovelluto.

Nella seconda metà del Settecento nella nuova produzione industriale, il cotone è la più diffusa ed utilizzata delle fibre naturali ed è la maggiore coltura agricola non alimentare. Il cotone, dunque, ha antiche tradizioni, infatti, fu introdotto in Sicilia dai Saraceni, nel IX sec.

Nel 1787 per la prima volta al telaio, viene applicato il motore a vapore per muoverlo, nasce così, il telaio meccanico. Nel XIX secolo, invece, la produzione tessile esce dall’ ambito artigianale e domestico per diventare uno degli artefici della rivoluzione industriale.

Andare avanti, il progresso, la globalizzazione ci hanno risucchiati nel bene e nel male, ci sentiamo cittadini del mondo, capaci di gestire ogni cosa in ogni parte del globo, ma qualche falla c’è stata durante la pandemia a farci ridimensionare, ad indurre a scoprire di nuovo i confini, a considerare la solitudine, la malattia e la morte sola, senza nessun affetto ad accompagnarci nell’eternità. Per tutta questa ridda di sentimenti provati, ho apprezzato il lavoro messo in atto dal Telaio di Tonina, mi ha commosso e mi fa credere che l’umanità, per quanto selvaggia sia, nei momenti di distruzione, ha un briciolo, una scintilla in sé; che somiglia all’opera di Tonina. Grazie Signora!

Maria Serritiello