Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Grande jazz al Moro di Cava de' Tirreni

Venerdì 25 marzo il jazz del batterista napoletano Elio Coppola al Moro di Cava de’ Tirreni. Special guest Flavio Boltro e Daniele Scannapieco

Elio Coppola 250Grande jazz al Moro di Cava de' Tirreni, che venerdì 25 marzo ospita la formazione del batterista Elio Coppola che nel suo classico trio completato da
Antonio Caps al piano e Antonio Napolitano basso, ospita due straordinari ospiti del calibro di Daniele Scannapieco al sax e di Flavio Boltro alla tromba (inizio ore 22, prenotazione obbligatoria al 3334949026).
Classe 1985, napoletano doc, il trentaseienne Elio Coppola si sta facendo prepotentemente strada nel panorama italiano ed internazionale della musica Jazz e non solo. Comincia gli studi col maestro Stefano Tatafiore e si perfeziona negli Stati Uniti col grande batterista Kenny Washington. I suoi “ritmi” hanno accompagnato alcuni tra i migliori musicisti al mondo tra cui Benny Golson. Joey De Francesco, Peter Bernstein, Dave Kikoski, Jerry Weldon, Gerald Cannon, George Cables, Dado Moroni, Ronnie Cuber, Enrico Rava solo per citarne alcuni. Apprezzatissimo dai suoi colleghi, è importante ricordare l’amicizia e la stima reciproca che lo lega al grande maestro Tullio De Piscopo che lo ha invitato recentemente al teatro Mercadante di Napoli per aprire un suo concerto. In carriera si é esibito in alcuni tra i più prestigiosi jazz club e jazz festival al mondo.
Accanto a lui sul palco del Moro ci saranno due tra gli artisti di jazz più richiesti sul panorama internazionale: il sassofonista Daniele Scannapieco, un virtuoso dello strumento, la cui “voce” è stata “al servizio” di alcuni tra i più grandi artisti internazionali, da Mario Biondi, a Dee Dee Bridgewater e Eduardo De Crescenzo. Altro speciale ospite il torinese Flavio Boltro, considerato uno dei più grandi trombettisti italiani. Michel Petrucciani lo aveva capito prima di molti altri chiamandolo a far parte di una delle sue migliori band. Affermatosi fin da giovanissimo all'attenzione della critica e dell'ambiente musicale, nella sua carriera Flavio Boltro ha collaborato con Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Steve Grossman, Cedar Walton, Billy Higgins e David Williams, Clifford Jordan, Jimmy Cobb, Joe Lovano, Dado Moroni, Andrea Pozza, Rosario Giuliani, Giovanni Tommaso, Billy Cobham.
Tra i brani presentati riarrangiamenti con momenti di improvvisazione su brani di Dizzy Gillespie ed il brano “Let’s” di Tommy Flanagan.