Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

FRATI ASSISI: ALBERO E PRESEPE TRENTINO PER NATALE DI PACE E CURA DEL CREATO

FRATI ASSISI: ALBERO E PRESEPE TRENTINO PER NATALE DI PACE E CURA DEL CREATO. LUCI E VIDEO PROIEZIONI MULTIMEDIALI SU FACCIATA BASILICA

Giovedì 8 dicembre alle 17 Santa Messa nella chiesa inferiore della Basilica di san Francesco. Alle 18.10 benedizione del presepe e accensione dell’albero di Natale

Basilica San Francesco Natale 250Al via il programma natalizio dei frati della Basilica di San Francesco in Assisi. Giovedì 8 dicembre alle 17 si terrà la Santa Messa Solenne nella chiesa inferiore presieduta dal Custode del Sacro Convento di Assisi, fra Marco Moroni, OFMConv, e a seguire, alle 18.10, la benedizione del presepe e l’accensione dell’albero di Natale nella piazza antistante la Basilica. Il tema di quest’anno è l’acqua e i cambiamenti climatici. Ad allietare la serata un coro di circa 100 bambini di Assisi e della provincia di Trento che intoneranno canti della tradizione natalizia. Quest’anno l’albero e il presepe sono stati donati dal Comune di Romeno (TN).

L’albero di Natale, installato nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco, è un abete bianco di 14 metri che proviene dalle foreste del Comune di Romeno ed è stato scelto dal Corpo Forestale provinciale, per favorire il rinnovo naturale del bosco.

Il presepe, in legno di cirmolo proveniente da boschi della Val di Non, è stato scolpito dall’artista trentino Livio Recla e rappresenta la Sacra Famiglia. La capanna costruita da alcuni cittadini volontari, si ispira alle antiche “baite” montane del Trentino e riporta al centro un grande fiocco di neve, simbolo dell’acqua e della vita che germoglia.

Il tema di quest’anno è l’acqua che a causa dei cambiamenti climatici sta diventando un bene comune sempre più prezioso da tutelare e condividere. Un’idea nata alla popolazione di Romeno, dall’esperienza della scorsa estate in cui le comunità montane hanno dovuto aprire le dighe affinché gli abitanti a valle avessero l’acqua.

Le decorazioni dell’albero sono a forma di fiocco di neve, richiamando strettamente il tema. Sono state costruite con materiale legnoso proveniente dai boschi trentini, realizzate da volontari e arricchite, con pensieri e desideri, dai bambini e dalle insegnanti della scuola primaria di Romeno.

Durante l’inaugurazione i bambini della scuola primaria di Romeno, in gemellaggio con i bambini della scuola primaria Istituto Comprensivo Assisi 1, si esibiranno in canti della tradizione natalizia e bagneranno le radici di quattro piccoli abeti posti a fianco della capanna e ai piedi dell’albero principale per valorizzare l’acqua come fonte di vita. Un gesto di fraternità sociale e sensibilizzazione delle giovani generazioni alla salvaguardia del Creato. Durante la cerimonia si esibirà anche la corale San Romedio, composta da 33 elementi, provenienti dalla Val di Non con canzoni tipiche di montagna.

Un Natale, come già annunciato, che coinvolgerà l'intera città di Assisi che si trasformerà in un grande presepe. Statue e video mapping riproporranno gli affreschi di Giotto della Basilica di San Francesco, legati al tema della Natività, sulle facciate delle chiese e dei principali monumenti della città. Anche dalla valle, fino all’8 gennaio, sarà visibile questo “percorso” che esce dalle mura urbiche e raggiunge i luoghi francescani della Basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola e del Santuario del Sacro Tugurio di Rivotorto.

Le iniziative dell’8 dicembre dei frati del Sacro Convento e del “Natale di Assisi” sono patrocinate e sostenute da Regione Umbria e Città di Assisi, con la collaborazione di Enel a completamento del progetto avviato tre anni fa. L’intervento illuminotecnico è stato eseguito da Enel X.

Per maggiori informazioni www.nataledifrancesco.it