Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Salerno

  • Scritto da Arnaldo Iodice
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 572

Il doppio vantaggio non basta: Lanciano – Salernitana finisce 2 a 2

Coda porta i Granata sul 2 a 0. Piccolo firma il pareggio

LOGO U.S. SalernitanaDi buono c’è che Coda si è sbloccato e di gol ne ha fatti addirittura due. L’inizio della Salernitana è ottimo, con due reti firmate dall’ex attaccante del Parma in un quarto d’ora. La squadra di mister Torrente, però, non riesce a tenere il campo e si fa raggiungere dal Virtus Lanciano che, con due gol di Piccolo (al 26esimo del primo tempo e al sesto della ripresa) rimette in parità il risultato. Primo tempo vivace che vede un inizio colorato di Granata. I salernitani passano in vantaggio al sesto con Coda servito da Sciaudone. Raddoppio sette minuti dopo dello stesso Coda, che approfitta di una indecisione della difesa avversaria e trafigge per la seconda volta il portiere avversario. Accorcia le distanze Piccolo al 26esimo, che raccoglie una palla ribattuta da Strakosha e ribadisce in rete. Il pareggio arriva all’inizio del secondo tempo, quando lo stesso Piccolo batte dal dischetto il numero uno avversario, dopo un tocco di mano in area da parte di Moro. Portiere spiazzato e 2 a 2. Risultato che non cambia fino a fine gara. Si tratta del secondo pareggio consecutivo per la formazione campana e l’appuntamento con la prima vittoria stagionale è, ancora una volta, rimandato a data da destinarsi.

Virtus Lanciano – Salernitana 2 – 2

Reti: 6’ pt, 13’ pt Coda (S), 26’ pt, 6’ st rig. Piccolo (VL).

Virtus Lanciano: Aridità, Pucino, Amenta, Turchi (25’ pt Lanini), Piccolo (14’ st Marilungo), De Silvestro, Ferrari, Rigione, Vastola (35’ st De Araujo), Paghera, Di Cecco. All.: R. D’Aversa.

A disposizione: Casadei, Bacinovic, Di Francesco, Di Filippo, Crecco, Di Matteo.

Salernitana: Strakosha, Lanzaro, Colombo (25’ st Franco), Moro, Coda, Gabionetta, Empereur, Troianiello (28’ st Odjer), Sciaudone, Bovo (13’ pt Pestrin), Rossi. All.: V. Torrente.

A disposizione: Terracciano, Pollace, Perrulli, Trozzo, Milinkovic, Donnarumma.

Arbitro: Gianluca Manganiello di Pinerolo.

Assistenti: Stefano Liberti (sez. Pisa) – Maurizio De Troia (sez. Termoli).
IV Uomo: Enzo Vesprini (sez. Macerata).

Ammoniti: Vastola, Paghera (VL), Colombo, Troianiello, Sciaudone (S).

Angoli:  5 – 6

Recupero: 2’ pt, 3’ st.

Arnaldo Iodice

  • Scritto da Maria Serritiello
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 899

Alessandro Bolide inaugura la stagione teatrale “Che Comico 2015/2016” al Ridotto di Salerno

alessandro bolideÈ tornato al Ridotto di Salerno, dopo 4 anni, Alessandro Bolide e la stagione teatrale della comicità apre con il meglio che c’è in giro, fosse solo, ma non è così, per il suo “che ce ne fotte”, il mantra ripetuto più volte che mette allegria e spensieratezza. Il 24 sera e il 25 ottobre alle 19 è stato in città per dare il meglio di se stesso con il suo nuovo spettacolo dal titolo, neanche a dirlo, “Ma che ce ne fotte”.

Volto pulito, sorriso comunicativo, occhietti vispi e ammiccanti, non precisamente longilineo, Alessandro è il classico ragazzo della porta accanto, anche se sposato e padre di un bimbo di 3 anni. Ispira simpatia d'emblée con le sue battute scoppiettanti, gradevoli e pulite sulla famiglia, sulla lingua italiana e napoletana che il padre gli imponeva da piccolo, sulla fidanzata, sulle trasmissioni trash della tv: Grande fratello in primis, Pechino Express e l’Isola dei famosi. Nel monologo, rigorosamente scritto da lui, inserisce personaggi dello spettacolo, dello sport e della politica, sicché si presentano, con lui, in scena Bossi, Brunetta, Renzi, Federica Pellegrini, Belen e di striscio Briatore, per canzonare goliardicamente Elisabetta Gregoracci, sua moglie, facente parte del cast di “Made in Sud”, la fortunata trasmissione di Rai 2. Imita Al Bano, ma è con il raffrontare lo stile di vita napoletano, rispetto al resto dell’Italia, che gli vengono le battute migliori. Ha partecipato a tutte le edizioni di Made in Sud, per la verità un po’ sacrificato dagli autori (ndr), lanciando all’indirizzo dei presenti “Ma che ce ne fotte” a sottolineare che si può vivere bene anche senza i tanti orpelli della vita quotidiana.

La sua storia artistica risale agli anni scolastici, quando faceva divertire compagni e professori con le sue performance, testando l’indice di gradimento, fino a giungere a considerare di fare l’attore come stabile lavoro. Molto ha influito, nella sua scelta definitiva, la famiglia “Tortora”, una dinastia importante per il cabaret che conta, offrendogli la possibilità di esibirsi nelle manifestazioni più prestigiose del salernitano.

La consacrazione di comico televisivo, Bolide, l’ha ottenuto all’interno del citato spettacolo “ Made in sud”,  registrato al teatro “Tam” di Napoli e trasmesso in prima serata su Rai 2. Sempre grazie a questo spettacolo, è stato scelto da Carlo Vanzina per affiancare Raul Bova, nella parte del tassista, nel film “Ti presento un amico”. In seguito è lo sesso Bova ad offrirgli di partecipare alla fiction “Come un  delfino”, da lui prodotta. Ha partecipato allo sceneggiato, su canale cinque, dal titolo “Pupetta Maresca”, con la partecipazione di Manuela Arcuri e per la Sperling Kupfer Edizioni ha scritto un libro, con discreto successo di vendita, dal titolo, che altro se no, “Ma che ce ne fotte”.

Due ore di spettacolo di grande godibilità, con la risata spontanea che viene facile, perché lui sa porgere e dialogare bene con il pubblico che lo segue divertito. Prima di lasciare il Ridotto, Bolide regala ai presenti un’anteprima di un nuovo personaggio che per il momento resta top secret, ma che spera di poter presentare al più presto ad un pubblico più ampio.

Maria Serritiello

Altri articoli...

  1. Due gol e tre legni. 1 a 1 tra Salernitana e Cesena
  2. Castel San Giorgio la V Edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano”
  3. Strasalerno, la 21° edizione, domenica 25 Ottobre 2015
  4. Al civico 63 di Via Lungomare Colombo di Salerno, un prolungamento del Centro Campano di Cultura “Luigi Francavilla”
  5. Picentini Arte 2015 1° Rassegna d’Arte Contemporanea
  6. La solita Salernitana lascia i 3 punti all'Entella
  7. Domenica 18 ottobre il Convegno “Salerno, un porto sul Mediterraneo”
  8. Mostra Pittorica di Lucia Schiano
  9. Il Messi di Fisciano spegne la Salernitana
  10. Giornata del contemporaneo 2015 al Museo Città creativa di Ogliara
  11. Alla Caffetterie di Via Torretta 24 di Salerno presentato Carlo Escoffier pronipote del re dei cuochi Auguste Escoffier
  12. Una Salernitana troppo brutta perde 4 a 0 a Crotone
  13. Ancora Gabionetta. Salernitana batte Ternana 2 a 1
  14. La Salernitana rimonta in 10. 1-1 a Pescara
  15. Una brutta Salernitana perde in casa contro lo Spezia
  16. Il Mito, dai Vasi Attici al Web
  17. La Salernitana rimonta con l'uomo in meno. 2 a 2 al Rigamonti di Brescia. Campani secondi dietro il Livorno a 4 punti
  18. “Zevi Show”, nell’omonimo quartiere di Salerno sesta edizione
  19. Le maglie della Salernitana in mostra a Palazzo Genovese
  20. Paolantoni, artista Pop Art, in esposizione a Salerno
  21. Salernitana-Avellino. Spettacolo sul campo e sugli spalti. Quattro gol e 22mila spettatori all'Arechi
  22. “R…Estate giovani” lo dice ai piccoli l’associazione “Campanile” di Ogliara
  23. Intervista al Maestro Mario Carotenuto, premio Mario Perrotta 2015
  24. Peppe Barra in concerto ai “Barbuti” di Salerno per i trent’anni del Teatro
  25. Enzo Avitabile e i Bottari in concerto a Cetara