Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 54

Restituita alla religiosità l’edicola votiva della Madonna di Piedigrotta

edicola votiva piedigrotta foto 250È tornata al culto dei fedeli, dopo un accurato restauro, la tela raffigurante la Madonna di Piedigrotta, posizionata nell’edicola votiva di via Santa Caterina civ.19, nella città di Napoli nei pressi di Piazza dei Martiri. La tela è stata riposizionata lunedì 31 maggio, ore 12, con la benedizione del parroco della Basilica di S. Maria di Piedigrotta don Piero Milani; presenti don Giuseppe Cipolloni, Abate Emerito dell’Ordine dei Canonici Regolari Lateranensi e don Giovanni Pochini, viceparroco. Hanno preceduto la benedizione alcune testimonianze di devoti storici, come l’attore e regista Benedetto Casillo, che da oltre 40 anni si prodiga, con altri fedeli della comunità parrocchiale a tenere vivo il culto, con la “Serenata alla Madonna” ricordando anche la pia pratica dei “Nove sabati”, consolidata devozione popolare, che un tempo vedeva coinvolte più zone di Napoli, oggi rimane viva solo nei dintorni della Basilica. Particolarità della pia pratica è la “voce”, di cui hanno dato un cenno Lucia e Fulvia, con cui alcuni fedeli. Nel passato, alle prime luci del giorno la “voce” richiama i devoti per dirigersi verso la Basilica e la presenza delle edicole votive, dedicate, consentiva un appuntamento e la ripresa del cammino verso la chiesa. La risolutezza e la devozione alla Madonna da parte del diacono, avv. Giuseppe Fiumanò, hanno dato la spinta al restauro della tela dell’edicola di Santa Caterina, individuando i due maestri per il restauro: Arturo Masullo e Guido Balsamo, che hanno eseguito un magistrale intervento di recupero, sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza di Napoli. Il curatore Bonelli, presente all’evento, ha ringraziato il parroco don Piero Milani per l’invito per partecipare alla restituzione della tela, ai fedeli e al mondo intero, simbolo di Fede, della cultura e della tradizione napoletana.

Fulvio Mastroianni