Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Cronaca

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Attualità
  • Visite: 45

1 Maggio, Miinsieme c: i musei italiani per la festa dei lavoratori

1 Maggio, Mic: i musei italiani insieme per la festa dei lavoratori

Dal Quarto al Quinto Stato: in mostra online le opere di Pellizza da Volpedo di Brera, Galleria Nazionale di Roma, Museo del Novecento di Milano

LAPILLI Foto dario franceschini 100In occasione della Festa dei Lavoratori, i musei italiani insieme online con una campagna che vede al centro le opere di Giuseppe Pellizza da Volpedo, autore del celebre dipinto il “Quarto Stato”, divenuto monumentale simbolo del mondo del lavoro. I profili social istituzionali del Ministero della Cultura guidato da Dario Franceschini e degli istituti coinvolti ospiteranno una vera e propria mostra virtuale che vede insieme la prima versione del dipinto conservata al Museo del Novecento di Milano; lo studio su cartone preparatorio esposto alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma; “Fiumana”, opera dello stesso artista esposta alla Pinacoteca di Brera; e infine, ospite d’onore, l’opera il “Quinto Stato” dell’artista Mario Ceroli, ispirato proprio all’opera di Pellizza da Volpedo e che è esposto alla Camera dei deputati.

Il “Quarto Stato”, opera del Museo del Novecento di Milano, viene terminato nel 1901 dopo un lungo decennio di appassionato impegno culturale e sociale e di un progressivo raffinamento della tecnica pittorica da parte dell’artista durato quasi dieci anni. La complessità dei valori e dei significati di questo quadro simbolo del XX secolo ne fanno una tra le opere che più hanno segnato la storia del Novecento non solo dal punto di vista artistico, ma anche sociale e della comunicazione: il quadro è il risultato di un lungo iter progettuale, scandito da due tappe fondamentali: “Ambasciatori della fame” (1892) e “Fiumana” (1895-96).

Proprio “Fiumana”, famosissimo dipinto conservato fino agli anni quaranta del Novecento dagli eredi del pittore, è entrato nella collezione di Brera nel 1986 grazie a una donazione. Risale al 1895-1896 e rappresenta uno snodo fondamentale nella produzione di Pellizza da Volpedo, legato alla maturazione della coscienza politica e sociale dell’artista e alla sperimentazione di nuove soluzioni espressive nell’ambiente della tecnica pittorica divisionista. L’elaborazione della scena monumentale della Fiumana di braccianti in sciopero fu preceduta da disegni, cartoni e bozzetti raccolti sotto il titolo di “Ambasciatori della Fame”. La tela rimase tuttavia incompiuta e fu abbandonata dall’artista insoddisfatto, che riprese il soggetto nel 1898 arrivando poi così proprio al “Quarto Stato” del Museo del Novecento. Tra i numerosi studi eseguiti in quel decennio vi sono anche i cartoni preparatori conservati alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Considerato il manifesto delle lotte sociali dei primi anni del Novecento, il “Quarto Stato” ha ispirato numerosi artisti tra cui Mario Ceroli, che realizza nel 1984 realizza l'opera il “Quinto Stato”.

 

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Attualità
  • Visite: 49

L’AMIRA, sezione Napoli-Campania, riparte dopo le restrizioni per Covid

L’AMIRA, sezione Napoli-Campania, riparte dopo le restrizioni per Covid

Visita alla “Cantine Astroni” del direttivo napoletano e referenti di territori limitrofi

Foto AMIRA 250L’Amira Associazione Maître Italiani Ristoranti e Alberghi, sezione Napoli Campania, che con il suo Fiduciario Dario Duro, eletto dai soci nel gennaio 2020, unitamente a tutto il suo direttivo, aveva dato modo di far ottenere nuove conquiste di visibilità e fattività nel mondo dell’accoglienza e ospitalità con presenza in manifestazioni di gran spessore con proprio stand ricco di eventi di informazione, dibattiti e dimostrazione di operatività, fermate nel nascere a marzo per la pandemia, è riesplosa con un primo appuntamento in esterno. La genialità e l’amore che il 47enne Duro riversa verso la sua amata professione di maître, che l’ha portato anche ad essere proclamato alla guida della sezione Napoli per il quadriennio 10/01/2020 - 09-01-2024, arricchitasi poi della nomina di referenti di altre zone e provincie della Campania da lui inseriti nel direttivo, ha portato anche in questo lungo anno di fermo delle attività operative a causa del Coronavirus a poter far essere visibile l’AMIRA ed a restare sempre attivi con continue riunioni del direttivo in Web, continui incontri Webinar con i soci e simpatizzanti ed addirittura un concorso di Flambè riservato ai grandi espressionisti della “Cucina alla Lampada”. Un evento che, primo in Italia per tutti gli associati Amira, ha riscosso un successo al di sopra d’ogni più rosea previsione, con il plauso del presidente nazionale del sodalizio Valerio Beltrami, che è stato anche presidente di un qualificatissima giuria che ha determinato i vincitori della kermesse in Web. Ora, anche se non ci siamo liberati ancora della pandemia, ma comunque ci si augura di poterlo fare al più presto e del tutto, in virtù delle possibilità di ripresa generale e delle nuove regole imposte dal governo per ridare vita allo sviluppo della nazione, l’Amira Napoli Campania è tempestivamente partita realizzando un primo evento esterno del dopo Covid, che organizzato dall’attivissimo maître Antonio Scherillo, referente Amira per la zona Flegrea, ha portato il direttivo dell’Amira presieduto da Duro a visitare le “Cantine Astoni” situate in uno dei territori emblema delle bellezze della nostra regione ed in particolare della zona flegrea, dall’impronta naturalistica, riferimento della salvaguardia ambientale, il Cratere degli Astroni Riserva naturale - Oasi WWF. Il Cratere degli Astroni che è un vulcano spento facente parte del più complesso cratere di Agnano, inserito nella area vulcanica dei Campi Flegrei si trova all'interno di un Sito d'Importanza Comunitaria (SIC IT8030007) nei Comuni di Pozzuoli e Napoli ed è inoltre una Zona di protezione Speciale (ZPS IT8030007). L’azienda vinicola “Cantine Astroni”, nata nel 1892 quando Vincenzo Varchetta decise di rafforzare la propria attività vitivinicola e che poi attraverso quattro generazioni è divenuta una delle aziende campane ed italiane più qualificate nella produzione di vini da vitigni autoctoni tanto da produrre una eccezionale Falanghina a Km. ZERISSIMO, vanta vini che hanno ottenuto riconoscimenti mondiali di esportazione per le loro qualità di eccellenza di prodotto unico ed impareggiabili. Ad accogliere i graditi ospiti dell’Amira nel loro regno del vino, sono intervenuti Vincenzo Varchetta uno dei due enologi dell’Azienda insieme a Gerardo Vernazzaro, Armando Chirichella responsabile commerciale con Vincenzo Vivenzio e la responsabile dell’hospitality Cristina Varchetta che ha assunto i compiti che, prima di scegliere di dedicarsi alla professione di docente, svolgeva Emanuela Russo moglie di Gerardo. Vincenzo e gli altri hanno subito condotto i soci Amira in una eloquente visita ai terreni di loro proprietà a terrazze che, quasi dall’alto dei Camaldoli scendono verso il Cratere Astroni, delucidando loro sulle origini dell’azienda, i territori dove trovano vita i loro vitigni, le peculiarità che offrono per produrre i loro eccellenti vini offrendo anche cenni storici sui luoghi. Ha fatto seguito una visita alle cantine di produzione ed imbottigliamento per poi passare ad una degustazione guidata. Si è partiti, condotti da Cristina, a degustare “Astro” 100% Falanghina dei Campi Flegrei spumantizzata Brut con metodo Martinotti o Charmat, uno spumante tutto pasto, di seguito una “Falanghina” che vanta il primo “Tre Bicchieri” assegnato da “GamberoRosso” a Cantine Astroni, per un bianco cru non replicabile in altre zone, per terminare con un “Piedirosso”. L’interessante excursus ha permesso ai soci Amira di meglio conoscere questa oasi di biodiversità, che poggia su strati di lapilli e cenere, e che dalle viti coltivate su di essa portano nel bicchiere vini autentici e d’ispirata naturalezza espressiva, peculiarità che troviamo fedelmente nei cru Vigna Astroni e Vigna Imperatrice e da quelle parcelle come Vigna Camaldoli e Vigna Iossa. Cantine Astroni, pone quale sua mission, la valorizzazione dei vitigni autoctoni attraverso la salvaguardia della biodiversità e la difesa delle tradizioni vitivinicole del territorio, un tema di stringente attualità e di grande interesse nell’ottica di tutela dell’ambiente. Negli ultimi anni, l’azienda sta realizzando un grande lavoro di riconversione e di tutela del territorio. Nuove vigne si aggiungono a quelle già presenti ed ogni annata è un nuovo inizio, una nuova ricerca di margini qualitativi sempre più elevati. L’obiettivo primario è la ricerca continua delle potenzialità inespresse della Falanghina e del Piedirosso dei Campi Flegrei. Il percorso di Cantine Astroni è finalizzato pertanto ad elevare costantemente la viticoltura campana, soprattutto quella Flegrea, esprimendo raffinatezza ed eleganza e mantenendo lo spirito e la vocazione originaria. All’incontro hanno partecipato per l’Amira, oltre al fiduciario Duro, ed al referente per la zona flegrea Scherillo, anche Raffaele Beato Area Consulting: Istituzioni e Cultura, insieme al figlio Eugenio, la delegata Amirine Loredana Gaudiosi, l’addetto Stampa Giuseppe De Girolamo, i referenti territoriali: Egidio Fiorani Caserta, Arcangelo Farinato Paesi Vesuviani e Lucio Cammisa Avellino. L’incontro reciproco, per ora ristretto a causa del Covid, ha portato a concordare che appena ci sarà la possibilità si ripeterà la visita anche con i soci iscritti Amira, magari in due o tre gruppi per non superare le 20 persone per volta che l’Azienda si è detta lieta di ricevere.

Giuseppe De Girolamo

Altri articoli...

  1. L’importanza di Giuseppe Toniolo nel Cattolicesimo italiano
  2. 29 aprile 2012 – 29 aprile 2021 9° anno Beatificazione di Giuseppe Toniolo
  3. Arcidiocesi di Taranto. Il Giubileo per i 950 anni del ritrovamento del corpo di San Cataldo e della ricostruzione della Cattedrale
  4. Cultura, innovazione e coesione sociale: così si fa impresa nel territorio vesuviano
  5. Cultura, musei riaprono dal 26 aprile anche nel fine settimana su prenotazione
  6. Natale di Roma, MiC: al Pantheon la luce è un effetto speciale
  7. Ue, Franceschini: serve piano europeo di ripartenza della cultura
  8. Italian Council arriva alla decima edizione
  9. Tutela dell’ambiente. È il momento della consapevolezza per salvare il nostro pianeta
  10. Alla Basilica-Santuario di Capodimonte in Napoli i festeggiamenti in onore della “Madre del Buon Consiglio”
  11. G20 cultura, Casini (MiC): armonizzare e riallineare i contenuti della formazione alle reali esigenze del patrimonio culturale
  12. Spettacolo, Franceschini a Cts: riapertura in zona gialla con più pubblico per cinema, teatri e negli spazi all’aperto
  13. G20, Fondamentale tutelare il patrimonio dai rischi del cambiamento climatico
  14. Dante 2021, al via la nuova campagna del MiC con le opere dantesche di archivi, biblioteche e musei
  15. Art Bonus, al Restauro della Fonte di San Francesco di Perugia il premio miglior progetto dell’anno
  16. Art Bonus, Franceschini: cresce mecenatismo, superato mezzo miliardo donazioni Agevolazione fiscale funziona, oltre 555 milioni di € raccolti
  17. Primo giorno ufficiale a Pompei per il neo Direttore Generale del Parco Archeologico Gabriel Zuchtriegel
  18. L’evoluzione artistica di Olga De Maio e Luca Lupoli
  19. Il Forum delle Associazioni sociosanitarie per “Costruire un mondo più giusto e più sano”
  20. Cinema, Franceschini: abolita definitivamente la censura cinematografica
  21. Don Mimmo Battaglia incontra una rappresentanza dei mercatali
  22. L’istituto alberghiero l’Ipseoa Petronio dona pastiere e dolci pasquali per le famiglie bisognose di Pozzuoli
  23. 18app, Franceschini: al via il primo aprile il bonus cultura per i nati nel 2002
  24. Dantedì, Franceschini: centinaia di eventi per la seconda edizione Grande mobilitazione digitale nel nome di Dante
  25. La Fondazione Rachelina Ambrosini sostiene la campagna di vaccinazione contro il covid-19 in Mozambico