Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

dall'Europa

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 20

Al varo quattro inviti per un valore di 12 milioni di € a sostegno dei media e della sfera pubblica dell'UE

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250La Commissione ha pubblicato quattro nuovi inviti a presentare proposte diretti a stimolare una sfera pubblica vivace e diversificata e a promuovere l'accesso dei cittadini a informazioni affidabili in tutta l'UE.

Un invito andrà a sostenere la produzione e diffusione su piattaforme digitali di contenuti mediatici multilingue sugli affari europei, un secondo concorrerà ad aumentare la produzione di questo tipo di contenuti attraverso una rete di stazioni radio. A questi si aggiungono un progetto pilota per l'offerta di nuovi media online per giovani in grado di produrre contenuti stimolanti sull'attualità in formati ed eventi sui social e un'azione preparatoria sulle piattaforme mediatiche che intende migliorare l'accesso dei cittadini a informazioni affidabili, con la partecipazione di emittenti e editori.

Insieme i quattro inviti totalizzano quasi 12 milioni di € di finanziamenti UE. Tutti i progetti finanziati opereranno in totale indipendenza editoriale.

La Vicepresidente per i Valori e la trasparenza Věra Jourová ha dichiarato: "La pandemia ha messo in luce il ruolo chiave che rivestono i mezzi di informazione ma ne ha anche minato la situazione economica. Stiamo incrementando e diversificando le fonti di finanziamento a livello europeo, offrendo nuove opportunità, strumenti e assistenza. Ci aspettiamo che gli Stati membri facciano altrettanto, nel pieno rispetto dell'indipendenza dei media." 

Il Commissario per il Mercato interno Thierry Breton ha aggiunto: "La pandemia ha inferto un duro colpo al settore dei mezzi di informazione, è quindi più importante che mai accrescerne la resilienza e stimolare l'innovazione. È proprio grazie a queste iniziative che continueremo a promuovere e difendere un ecosistema mediatico libero e pluralistico, mettendo in primo piano i giovani europei e la collaborazione, per aiutare le persone a confrontare punti di vista diversi oltre le frontiere."

I nuovi inviti a presentare offerte fanno seguito ad altri due altri inviti recenti, sempre a sostegno del settore dei media: un invito a costituire partenariati per il giornalismo per incoraggiare la collaborazione settoriale transfrontaliera tra organizzazioni europee del settore nell'ambito del nuovo programma Europa creativa e un invito finanziato da Orizzonte Europa a sostegno di progetti incentrati sull'innovazione dei media.

Queste iniziative rientrano nel più ampio sforzo di sostenere un ambiente mediatico libero, sostenibile e pluralistico in tutta l'UE, come annunciato nel piano d’azione per la democrazia europea e nel piano d'azione per i media e l'audiovisivo.

Sono disponibili maggiori informazioni su questi e altri inviti a sostegno del settore dei mezzi d'informazione ed è stato pubblicato anche uno strumento per aiutare i media a trovare opportunità di finanziamento. I professionisti dei media possono avvalersi dell'assistenza a livello nazionale tramite dei desk Europa creativa

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Europa
  • Visite: 70

Sassoli: Costruire un nuovo umanesimo europeo

Sassoli 150Estratti del discorso del Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, alla commemorazione dell’eccidio nazista di Cibeno

 “Il mio pellegrinaggio oggi qui ha un solo motivo - ricordare che non basta credere di essere al riparo. Voglio ribadire che l'orrore che ci travolse nasceva dentro grandi culture democratiche, liberali, progressiste anche, in un tempo di grandi invenzioni tecnologiche, di scoperte, di artisti, letterati e filosofi cosmopoliti e pieni di ingegno, ma tutti, tutti, incapaci di fiutare per tempo il pericolo del fascismo e del nazismo.”


Il Presidente ha sottolineato il bisogno di essere vigili contro l’intolleranza crescente:
 
“Dicono lo stesso anche a noi oggi, quando diciamo di salvare i migranti ci dicono che stiamo facendo il gioco degli scafisti, oppure che la magistratura indipendente o il giornalismo sono espressioni di disordine, oppure che è meglio non agitare il buon senso quando difendiamo la dignità di persone che vogliono amarsi.”

“A Cibeno, qui a Fossoli è accaduto. Può accadere ancora.”

“Giuseppe Dossetti scrisse che la coscienza storica da sola non basta. La nostra coscienza deve essere “vigile”, capace cioè di “opporsi a ogni inizio di sistema di male, finché ci sia tempo”, Ecco perché non possiamo permetterci di sottovalutare le manifestazioni di odio, violenza, discriminazioni che si manifestano nello spazio europeo.”

Il Presidente ha proseguito concentrandosi su ciò che l’Europa ha fatto per proteggere i valori fondamentali e sul perché i regimi autoritari prendono sempre più di mira l'Europa:
 
“Bene che il dibattito sulla ripresa, sulla ricostruzione delle nostre economie, corra di pari passo con quello che riguarda la difesa dello Stato di diritto, dei nostri valori fondamentali, delle libertà che devono essere garantite ai nostri cittadini. Mai il dibattito, la denuncia e il richiamo verso fenomeni degenerativi presenti in alcuni Stati europei era stato così attento e ci vede pronti con nuovi e inediti meccanismi sanzionatori.”

“La pandemia ha colpito e ha fermato l’Europa e il mondo. Questa volta però l’Europa non è stata passiva come avvenne in occasione della grave crisi finanziaria di dieci anni or sono. Questa volta l’Europa è stata capace di compiere un balzo in avanti. Non una risposta ordinaria, ma un cambio di paradigma. Che prelude – così vogliamo pensare – a una Europa più giusta e più forte nella dimensione globale”

“Perché tutti i regimi autoritari si preoccupano di noi? Vi è un solo motivo. I valori europei mettono paura, perché le libertà consentono uguaglianza, giustizia, trasparenza, opportunità, pace. E se è possibile in Europa, è possibile ovunque.”

 “Per questo non tolleriamo che nello spazio europeo vi siano paesi in cui la magistratura o il giornalismo vengano umiliati nella loro funzione, in cui un vento antisemita costringa famiglie ebree europee a trasferirsi in Nord America o in Canada, in cui gli immigrati e i rifugiati vengano considerati uno scarto, in cui le donne siano sottopagate, in cui leggi nazionali producano discriminazioni, in cui si sostenga che territori europei vengono dichiarati “LGTBI free zone”. In Europa i diritti di ogni persona sono diritti di tutti.”

Infine, il Presidente Sassoli ha spiegato perché l’Europa deve continuare a svilupparsi:

“L’Europa è una costruzione sempre in divenire. E non dovrà mai fermarsi. È un cantiere che non smette mai di operare, o se si vuole, è una cattedrale la cui officina richiede l’impegno di successive generazioni.”

 “Per questo motivo siamo così determinati ad imprimere velocità al processo di adesione dei Balcani Occidentali, e a mantenere le promesse fatte dall’Europa per una riconciliazione dello spazio politico con lo spazio geografico. Non vogliamo che la delusione di Albania e Macedonia del Nord prevalga e il loro sguardo si rivolga altrove. E lo stesso vale per tutti quei paesi che sentono ancora forte il desiderio di far parte della nostra famiglia.”

Altri articoli...

  1. La Commissione eroga 14,1 miliardi di € a 12 Stati membri nell'ambito di SURE
  2. Sassoli: Fatti di Minsk gravissimi. Chiediamo una immediata inchiesta internazionale e la liberazione degli arrestati
  3. Cina: PE rifiuta di approvare l’accordo finché le sanzioni sono in vigore
  4. Recovery: il Parlamento chiede un controllo democratico sui piani nazionali
  5. Antitrust: la Commissione infligge ammende ad alcune banche di investimento
  6. Migrazione: Il PE chiede vie legali per l’ingresso di lavoratori in UE
  7. Sassoli: Ora basta con le diseguaglianze. Questo è l'impegno europeo.
  8. Russia: I Presidenti UE condannano le sanzioni russe contro i cittadini dell'Unione
  9. PREMIO LUX 2021
  10. Sassoli: Migranti: Governi nazionali incapaci di gestire emergenza con umanità ed efficacia
  11. La Presidente von der Leyen al vertice dei leader sul clima ospitato dal presidente degli Stati Uniti Biden e alla conferenza sul nuovo Bauhaus europeo
  12. Libertà dei media: la Commissione consulta sulla raccomandazione sulla sicurezza dei giornalisti
  13. La Commissione accoglie con favore l'accordo provvisorio sulla legge europea sul clima
  14. Sassoli: Troppa povertà in Europa. Affrontiamo il problema in modo strutturale
  15. Lotta alla criminalità organizzata: la Commissione accoglie la relazione di Europol sulla valutazione della minaccia
  16. La Commissione propone l'esenzione dall'IVA di beni e servizi essenziali in tempi di crisi
  17. Conferenza sul futuro dell'Europa: coinvolgere i cittadini per costruire un'Europa più resiliente
  18. Il PE adotta il programma InvestEU per gli investimenti strategici e innovativi
  19. Sassoli: La pandemia sta mettendo a rischio decenni di progressi nella lotta per i diritti delle donne
  20. Sassoli al Consiglio Europeo: Non si può tornare al mondo di prima della pandemia. Più democrazia, più solidarietà, più Europa. La Salute sia competenza UE.
  21. Il PE condanna la violenza nello Yemen e il colpo di stato in Myanmar
  22. Vaccinazione COVID-19: i deputati chiedono la solidarietà dell'UE e del mondo
  23. Sassoli agli Stati membri: Voto storico del Parlamento europeo, ora non c’è tempo da perdere
  24. Sassoli, Commissione dei diritti umani del Senato - Internet come diritto umano
  25. Sassoli, Giornata della Memoria: Comprendere è impossibile, conoscere è necessario