Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Libri

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Libri
  • Visite: 130

Torna il Capitano Giulio Mariani, e lo fa in grande stile

Foto Locandina libro 250L’investigatore dell’Arma, protagonista dei romanzi scaturiti dalla penna del giornalista Giovanni Taranto, si presenta all’appuntamento pre-estivo con un’indagine nuova di zecca: “Requiem sull’ottava nota”.
Il nuovo giallo, che promette di bissare e superare il successo di “La fiamma spezzata”, è in tutte le librerie dal 17 giugno, e sta mietendo tantissimi “click” di prenotazione sulle piattaforme on line.
Già a pochissimi giorni dall’uscita ufficiale, il nuovo titolo è stato protagonista di presentazioni in tutta Italia, esordendo al Festival del Giornalismo organizzato da Leali delle Notizie, in Friuli.
La Avagliano Editore, con la pubblicazione del secondo “noir” del cronista campano, conferma di aver dato l’avvio alla serialità delle avventure dell’investigatore romano inviato al comando di una Compagnia della Benemerita ai piedi del Vesuvio.
Le due storie, pur essendo legate dalla presenza degli stessi protagonisti principali, sono perfettamente fruibili in maniera indipendente.
Dopo il cold-case che lo ha visto protagonista nel 2021 per risolvere il mistero della strana morte di un giovane Carabiniere, con “Requiem sull’ottava nota”, Mariani si troverà a dover fare i conti con racket, droga, omicidi e guerre fra cosche. Il tutto reso più complicato e intrigante da una serie di pizzini anonimi apparentemente incomprensibili. Sullo sfondo, la vita di caserma, le tradizioni pasquali, il folclore e la filosofia del Vesuviano.
Un libro, questo secondo giallo di Taranto, che può aprire gli occhi ai lettori su come i clan operino, su come le mafie gestiscano i propri affari, su cosa sia la “mafiosità” e come rischi di influire sulla vita di migliaia di giovani e giovanissimi, costretti, fin da bambini, a vivere immersi nella controcultura camorristica.
Questo romanzo, ha scritto nella prefazione Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia dal 2013 al 2017 è fondamentale “…per comprendere le cause storiche, economiche e sociali che hanno reso la camorra parte integrante del tessuto sociale Vesuviano, di Napoli e della sua area metropolitana”.
Quello di Giovanni Taranto, spiega ancora il magistrato, è “…un modo nuovo di raccontare la lotta per la legalità e la giustizia, guardandola in faccia, dall’interno. Fuori dal paralizzante giudizio sui mali di Napoli e della sua area metropolitana, che oscilla da sempre tra rassegnazione autoassolutoria all’ineluttabilità della camorra e ottimismo consolatorio di chi spera che, prima o poi, il bene prevarrà sul male. Qui si intravede una via di uscita”.
Intrigante la trama di questa nuova avventura del Capitano Mariani, ambientata negli anni ‘90, pochi mesi dopo gli avvenimenti narrati ne “La fiamma spezzata”.
In “Requiem sull’ottava nota” troviamo il nostro ufficiale alle prese con camorra, mafia, estorsioni, droga e microcriminalità. Pochi spiragli per la vita familiare. Pasqua è vicina. L’attività del racket si intensifica. Uno showroom viene devastato per costringere il titolare a pagare il pizzo. Gli scontri fra cosche per il controllo dello spaccio si inaspriscono. Un sedicenne, usato come sentinella da una delle “famiglie” rivali, rimane ferito gravemente in un raid. Mariani indaga, affiancato dal Nucleo Operativo, dalla Pm napoletana Clara Di Fiore, e dall’amico Gianluigi Alfano, nerista. Ai due casi si intrecciano omicidi irrisolti e nuovi scontri a fuoco. Ma un mistero complica le indagini. Mariani riceve dei messaggi anonimi, inizialmente indecifrabili. Il mittente sembra voler indicare ai Carabinieri i responsabili di episodi estorsivi, traffici di stupefacenti, boss e killer delle fazioni in guerra. C’è da fidarsi? Chi c’è dietro quelle soffiate? Qual è il suo vero interesse? Al capitano Mariani, l’onere di decifrare le criptiche indicazioni dell’enigmatico informatore e trovare prove concrete che le confermino. Per farlo, dovrà scavare nel ventre della città vecchia e confrontarsi con personaggi particolari, spesso inquietanti. Il tutto tentando di strappare il minorenne ferito e il suo fratellino a un destino segnato, al soldo della camorra.

 

Foto Raffaele Taranto 150Giovanni Taranto, pur essendo nato a Vico Equense, vive da sempre a Torre Annunziata. È giornalista specializzato in cronaca nera, giudiziaria, investigativa. Sue, alcune delle più importanti inchieste sulla camorra del Napoletano. Dal 2019 al 2021 ha presieduto l’Osservatorio permanente per la legalità oplontino, il cosiddetto “Osservatorio anticamorra”. È stato tra i fondatori di Metropolis Network, dal 1995 al 2013 una delle realtà di punta del giornalismo in Campania. Come direttore di Metropolis TV, realizzando programmi con magistratura e associazioni antiracket, ha contribuito a svelare molti retroscena del crimine organizzato e della mafia del Vesuvio. Oggi è condirettore di «Social News», house organ di Auxilia Onlus, e tiene seminari di giornalismo in diversi atenei. Cintura nera 7° Dan di Taekwondo e 4° Dan di Hapkido (European Hapkido Federation), è Grand Master Unitam/Song Moo Kwan. Insegna arti marziali nella scuola pubblica, per l’autodifesa femminile e per il recupero dei minori a rischio. È un operativo del Gruppo di Fatto della sezione di Pompei dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

 

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Libri
  • Visite: 122

Si intitola “Cucina in rock” il libro recentemente pubblicato dallo chef Antimo Puca

0 250Si intitola “Cucina in rock” il libro recentemente pubblicato dallo chef Antimo Puca. Un libro che unisce due grandi passioni e che, a tempo di musica, esplora la vita e i piatti del pluripremiato chef di Aversa. Un excursus sulla sua carriera dalle origini ai giorni nostri. Tra le onorificenze più importanti ricevute da Puca quella dei “Discepoli di Escoffier” di cui Antimo tiene sempre presente la citazione “La semplicità non esclude la bellezza” riconducendola alla sua cucina. Nel libro lo Chef ripercorre con tono informale ed in prima persona le vicende della sua carriera che si fondono con le sue personali esperienze. Le cucine, gli incontri, i vinili, i concerti, tutto ciò che lo appassiona di più e che riesce a fondere per dar vita a piatti che si contraddistinguono per genuinità e per il ritmo delle note che ne hanno accompagnato il concepimento fino alla realizzazione. Un avvicendarsi di luoghi, persone, episodi, artisti e canzoni che hanno costellato il suo mondo, dall’Istituto Alberghiero di Sorrento all’Expo di Milano e oltre. Un’avventura costellata di tanti episodi, successi, ostacoli ma soprattutto un grande concentrato di realtà e di vita vissuta con le sfumature del rock. La vita e la cucina sono entrambe la fusione di vari stili che si amalgamano e danno vita sempre a nuove creazioni. E per Antimo mentre la passione per la cucina cresceva di pari passo aumentava quella per la musica. “Cucina in rock” racconta la passione per Bob Marley, il primo concerto visto da Antimo a Milano, il 27 giugno del 1980, “con un sacco a pelo e cinquemila lire in tasca” e l’apertura del concerto affidata ad un giovanissimo Pino Daniele. Nei viaggi dello chef sin da allora il fulcro sono stati i mercati, dove assaggiare i piatti tradizionali ed i cibi più esotici, ed i negozi di dischi, alla ricerca dei vinili migliori. Puca racconta i suoi inizi in Germania, il concerto dei Rolling Stones a Napoli nel 1982 e i numerosi concerti che seguirono. La passione per Anthony Bourdain ed il suo particolare e trasgressivo modo di intendere la cucina si unisce a quella per il classico e intramontabile Gualtiero Marchesi. Nel libro vengono riportati piccoli segreti e consigli di cucina. Seguono tredici ricette abbinate a tredici indimenticabili brani del rock, racconto di una vita tra gusto e ritmo. Musica come ispirazione, musica come accompagnamento, musica come esaltazione di sapori e forme, sempre con attenzione alle sonorità e ai colori. Così a “Natty dread” di Bob Marley & The Wailers, del 1974, e alla sfrenata passione per la Jamaica si affiancano le “Linguine alla Black Buona Donna”, ad “Aftermath” dei Rolling Stones, del 1966, è dedicata la “Sinfonia di spigola e patate alla fiamma”, e alla mitica “Napoli Centrale” dei Napoli Centrale del 1975 è abbinata la “Pasta e patate a modo mio”, un piatto tutto da scoprire, ricco di tradizione, passione e innovazione. Antimo dice che nella sua cucina c’è sempre una radio accesa per ascoltare musica proprio perché il collegamento tra queste due arti è per lui inscindibile.

Giuseppe De Girolamo

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Libri
  • Visite: 72

NUOVI CITTADINI. Diventare italiani nell’era della globalizzazione

PRESENTAZIONE LIBRO
NUOVI CITTADINI. Diventare italiani nell’era della globalizzazione
di Salvatore Strozza, Cinzia Conti, Enrico Tucci
Edizioni Il Mulino, 2021

Martedì 7 giugno 2022 ore 15.30
Officine Gomitoli
Lanificio, Piazza Enrico De Nicola, 46 Napoli

L'iniziativa rientra tra le attività ricreative e culturali della rassegna Giugno dei Giovani 2022 del Comune di Napoli


Locandina presentazione libro Nuovi Cittadini 250Martedì 7 giugno, nella sede di Officine Gomitolo all’ex Lanificio di Piazza Enrico De Nicola, dalle ore 15.30 si presenta il libro NUOVI CITTADINI. Diventare italiani nell’era della globalizzazione di Salvatore Strozza, Cinzia Conti e Enrico Tucci. Introduce Elena de Filippo, Presidente Dedalus cooperativa sociale È previsto l’intervento di Non siamo (ius) soli giovani fruitori e fruitrici degli spazi pomeridiani interculturali dedicati allo studio e alla creatività che accolgono il pubblico giocando al Gioco dell’Oca sulla cittadinanza. A dialogare con Salvatore Strozza e Cinzia Conti ci sono Achouek Zouari e George Osayande, peer tutor del progetto B.Es.T; Ruwani Perera e Fatima Ouazri, operatrici interculturali Dedalus; Chiara Marciani, Assessora Politiche Giovanili Comune di Napoli; Nilla Romano, Docente vicaria I.C. Bovio Colletta. Modera Ismahan Hassen, operatrice interculturale Dedalus.
La società italiana sta diventando sempre più multiculturale. Negli ultimi anni la popolazione residente ha preso a trasformarsi in un insieme più complesso ed eterogeneo di individui per via di importanti cambiamenti, lenti ma strutturali. Oltre ai 5 milioni di stranieri residenti, oggi vivono stabilmente in Italia più di 1 milione e 500 mila nuovi cittadini, cioè persone straniere alla nascita che sono poi diventate italiane.
Il volume dà volto e voce alle ultime generazioni, ai nuovi e nuove italiane, mostrando le loro caratteristiche, ricostruendo i percorsi di accesso alla cittadinanza, individuando le ragioni che ne hanno determinato le scelte e tracciando le prospettive che il futuro riserva loro. Figlie e figli di stranieri, nati sul territorio italiano, devono attendere il 18esimo anno di età per accedere alla cittadinanza, che è un riconoscimento formale ma anche identitario. Consente di godere degli stessi diritti in ambito politico, elettorale, ma anche di potersi spostare in Europa, per studio, lavoro. L’acquisizione della cittadinanza è per molte persone il raggiungimento di un traguardo o il riconoscimento dell’appartenenza alla comunità nazionale. In un mondo sempre più interconnesso riconoscere l’appartenenza a persone che sono diventate parte integrante e costitutiva della nostra società vuole dire collegarsi con altre realtà del pianeta capaci di produrre occasioni di progresso.

Salvatore Strozza, è ordinario di Demografia dell’Università Federico II di Napoli, coordina il Master in Gestione delle migrazioni e dei processi di accoglienza e inclusione, è Presidente della Società Italiana di Economia Demografia e Statistica. Cinzia Conti è ricercatrice presso l’Istituto Nazionale di Statistica.
Il Gioco dell’Oca sulla Cittadinanza, di cui daranno un assaggio le ragazze e i ragazzi che frequentano il laboratorio interculturale di Officine Gomitoli, è nato con l’obiettivo di sensibilizzare e informare sulla legge 91/1992 che regola il diritto alla cittadinanza italiana. Una legge ormai superata, che presenta un iter tortuoso e complicato per le seconde generazioni. Permette di conoscere, in maniera ludica, attraverso imprevisti e difficoltà, le complicazioni che si incontrano nella trafila che si è costretti a sperimentare per diventare cittadine e cittadini italiani.

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Libri
  • Visite: 66

Ottaviano. La presentazione del libro di Eliana Di Caro "Le Madri della Costituzione"

locandina evento 7 giugno 250Ottaviano onora le donne che contribuirono alla nascita della Repubblica Italiana. Lo farà con la presentazione del libro di Eliana Di Caro Le Madri della Costituzione (ed. Il sole 24 Ore) giornalista del Sole 24 Ore e storica. La manifestazione è promossa dalla sezione Fidapa locale, dalla associazione culturale Dies Artis Semper e dall’Amministrazione Comunale. “La presentazione del libro di Eliana Di Caro a Ottaviano è l’ennesima testimonianza dell’attivismo dell’associazionismo in città, sempre teso a fare proposte culturali valide. Ringrazio di cuore la Fidapa e Dies Artis Semper che hanno voluto organizzare l’iniziativa. Peraltro, nel libro viene citata anche una ottavianese, Maria De Unterrichter Jervolino, che fu eletta nell’Assemblea Costituente: un motivo in più per accogliere con orgoglio e soddisfazione questa presentazione “ afferma il sindaco Luca Capasso.“ Queste 21 donne di cui parleremo sono state straordinarie, con la loro determinazione hanno avuto un ruolo significativo per l’affermazione della democrazia in Italia, siamo ben felici di ricordarle” afferma Elvira Troianiello presidente della Fidapa ottavianese. 21 furono le madri costituenti e tra esse cinque svolsero questo ruolo insieme ai mariti. Una di queste coppie fu quella di Angelo Raffaele Jervolino e Maria De Unterrichter. Di origini ottavianesi il primo altoatesina la seconda che a seguito del coniuge spesso soggiornò nel paese vesuviano e ebbe forti relazioni in particolar modo con il sindaco di allora il cav Enrico Jervolino. “Con questo evento intendiamo avviare una progettualità tesa a fare Memoria di questi nostri illustri concittadini verso cui gli italiani tutti hanno un debito di riconoscenza. Mi emoziona molto pensare che la nostra bella Costituzione italiana ha una matrice ottavianese. In questo evento attenzioneremo particolarmente la figura di Maria De Unterrichter grazie al libro di Eliana Di Caro ma seguiranno altre manifestazioni dedicate ad entrambi i coniugi Jervolino-DeUnterrichter. Furono antifascisti e pagarono un prezzo altissimo per questo. La loro storia fatta va fatta conoscere e indicata a modello” dichiara Rosa Carillo Ambrosio presidente della Dies Artis Semper

La presentazione vedrà la partecipazione oltre che dell’autrice anche di Francesca Russo, vicepresidente della Fondazione Nilde Jotti e docente di storia delle dottrine politiche all’Unisob ma soprattutto nipote dei coniugi Jervolino in quanto figlia di Rosa Russo Jervolino più volte ministro e sindaco di Napoli.

L’appuntamento è alle ore 18:00 presso la sala consiliare Pasquale Cappuccio del comune di Ottaviano in p.zza San Francesco.

Altri articoli...

  1. Gli appuntamenti del Centro per il libro e la lettura per Il Maggio dei Libri al XXXIV Salone Internazionale del Libro di Torino
  2. Enrico Ianniello presenta il suo ultimo libro al liceo Manzoni di Caserta
  3. Viandanti. Itinerario Storico, Culturale e Mitologico alla scoperta del Mezzogiorno
  4. Alla Galleria Barbato di Scafati la presentazione del libro “La fiamma spezzata” (Avagliano Editore) del giornalista Giovanni Taranto
  5. La pizza fatta in casa di Davide Civitiello
  6. IL MIRACOLO DI PENTECOSTE di Sibylle Lewitscharoff
  7. Napoli, il colore della speranza
  8. Associazione Guida alla Cultura. I prossimi eventi di Dicembre 2021
  9. Portici. Presentazione del libro di Antonio Fabozzi "Dentro la notizia e oltre. La coscienza critica"
  10. Dominus, il codice del destino, il nuovo romanzo storico di Eleonora Davide. La presentazione a Mercogliano
  11. Guida editori pubblica il nuovo inedito di Mastriani
  12. Il destino di un amore Tiziano Vecellio e Cecilia
  13. XXX Premio Fiesole Narrativa Under 40 – Scelti i tre finalisti
  14. In Campania la prima Fiera del Libro italiana
  15. Peregrini dal 4 marzo in tutte le librerie italiane il Saggio del torrese Giovanni Cardone
  16. Il «caso Balzac». Storie di diritto e letteratura
  17. Esce domani 29 settembre il nuovo libro di Padre Enzo Fortunato. LA TUNICA E LA TONACA
  18. In tutte le librerie “Inferno 1860 – Un noir napoletano” di Marco Lapegna, Rogiosi Editore
  19. Quarantena d’autore, a Ischia libri gratis con Graus e Pro Loco Pithecusae
  20. POZZUOLI 1970-2020
  21. Nola. Francesco Grillo presenta "Lezioni Cinesi. Come l’Europa può uscire dalla crisi"
  22. Al Liceo de Chirico. Presentazione del libro "L'ignoranza dei numeri"
  23. “L’amore in cui credo” Il libro che raccoglie gli scritti di mons. Giovanni Iaquinandi sarà presentato il 31 gennaio a San Marzano sul Sarno
  24. Lunedì 20 gennaio Marco Montemagno a Napoli per il tour di presentazione del suo secondo libro "Lavorability"
  25. Al Liceo dell'Arte e della Comunicazione "Giorgio de Chirico” di Torre Annunziata la presentazione del libro "Con tanto affetto ti ammazzerò" di PINO IMPERATORE