Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Agenda

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 638

Vico Equense. Presentato il programma della V edizione del Social World Film Festival

Foto Raffaele Lauro 100“Il Social World Film Festival giunge alla sua quinta edizione e si trasforma da Festival del cinema sociale a Mostra internazionale del cinema sociale, grazie all’istituzione del Museo del cinema del Territorio e della Penisola Sorrentina”. Così, il direttore generale del Social World Film Festival, Giuseppe Alessio Nuzzo, durante la conferenza stampa di presentazione, tenutasi ieri mattina al Maschio Angioino. Saranno 30 i film in concorso per la “Selezione Ufficiale”, che provengono da 14 nazioni diverse, a mostrare il legame sempre più forte tra la manifestazione di Vico Equense e la cinematografia mondiale. Inoltre, 23 film in anteprima, di cui 8 in anteprima italiana, 6 in anteprima europea e altri 9 in anteprima mondiale. Il Social World Film Festival si terrà a Vico Equense dal 4 al 12 luglio, quando piazza Kennedy di Vico Equense sarà trasformata nell’Arena Loren, con le proiezioni dei film di maggior successo della passata stagione cinematografica e importanti serate omaggio, fra cui quella dedicata a Francesco Rosi e Virna Lisi e quella in memoria di Totò ed Eduardo De Filippo (presenti sulla locandina di questa edizione). Tra gli ospiti attesi, Franco Nero e Alessandro Haber (5 luglio), Riccardo Scamarcio (9 luglio), Leo Gullotta (10 luglio), Andrea Osvart e Renato Scarpa (11 luglio). La madrina di questa edizione sarà l’attrice Valeria Golino, mentre a presiedere la Giuria di Qualità 2015 è il regista Stefano Incerti. La kermesse verrà inaugurata sabato 4 luglio, con la proiezione del documentario fuori concorso “Normale #lavita” di Giuseppe Alessio Nuzzo, che narra la storia di una giovane ragazza, Federica Paganelli, unica al mondo a vivere con la patologia della Sma (Atrofia muscolare spinale), all’età di 20 anni, di contro alla mortalità attestata intorno ai due anni. Tra gli eventi serali, il 7 luglio ci sarà la proiezione, in anteprima mondiale, del documentario “Lucio Dalla e Sorrento - I Luoghi dell’Anima” di Raffaele Lauro, con la partecipazione dell’Autore e l’ospite d’onore Violetta Elvin, e l’inaugurazione della mostra fotografica “Lucio Dalla e Sorrento” a cura di Antonino Fattorusso (la mostra è organizzata in collaborazione con il Comune di Sorrento e resterà aperta tutti i giorni, fino alla conclusione del festival). Intervenuto in conferenza stampa, il sindaco di Vico Equense, Benedetto Migliaccio, ha voluto ribadire che “il legame tra il Social World Film Festival e la Città di Vico Equense cresce ogni anno ed è ormai indissolubile”.

  • Scritto da Giuseppe De Girolamo
  • Categoria: Appuntamenti
  • Visite: 764

Cenando sotto un cielo diverso

Tra cielo e Mare, con grandi intendimenti di socialità

LAPILLI Castello medioevale Lettere MG 3663Attraverso una conferenza stampa che ha visto la partecipazione di un gran numero di operatori dell’informazione, è stata presentata nel Castello Medievale di Lettere in Via S. Nicola Castello la seconda edizione di “Cenando sotto un cielo diverso”. La manifestazione, che si realizzerà, nella stessa location, domenica 28 giugno, dalle ore 19.00 fino a tarda notte, nata per promuovere il recupero dei ragazzi portatori di handicap mentali, e che vede gli stessi ragazzi coadiuvare i master chef ed allo stesso tempo valorizzare i prodotti tipici Campani, dopo il successo ottenuto lo scorso anno con considerevoli presenze di pubblico, si ripresenta forte di queste prerogative, con un ampliamento di partecipanti sia nel numero degli chef che in quello dei ragazzi con disagio mentale di varie associazioni che hanno inteso aderire al progetto della dottoressa Alfonsina Longobardi, presidente dell’Associazione “Tra cielo e Mare” che si occupa appunto della riabilitazione di ragazzi con queste problematiche. L’evento, promosso in collaborazione con il Comune di Lettere, che ha ottenuto anche il patrocino morale della Regione Campania, si articolerà con un confronto, di ben 35 chef stellati e non, di tutta la Campania (22 in più dell’edizione 2014), e con altrettanti ragazzi che pur avendo i disagi mentali suddetti, dimostreranno la loro possibilità di partecipazione alla vita sociale e la possibilità di inserimento nella stessa senza nessuna discriminazione, attraverso l’elaborazione un piatto creato ciascuno con lo chef assegnato per dar luogo al miglior piatto della serata. Una competizione entusiasmante che vede uniti tre obiettivi strategici per la valorizzazione di questi ragazzi, della professione degli chef, dell’enogastronomia campana attraverso i suoi prodotti d’eccellenza e la promozione di un territorio ricco di storia che proprio dal belvedere di questo Castello porta a recepire e comprendere le potenzialità di diffusione turistiche che attraverso i nostri, così meravigliosi luoghi, dobbiamo ampliare per sviluppare quel dono che la natura ci ha regalato e con il quale potremmo avere una grande risorsa finanziaria creatrice di lavoro, che aimè ancora oggi, nonostante la crisi, non riusciamo a creare e mettere in atto. La serata si proporrà con varie postazioni per gli chef e per il beverage, più una postazione per Slow Food ed una esposizione di quadri dipinti dai ragazzi soggetto dell’evento, mentre Loredana Cirillo allieterà gli ospiti interpretando brani di musica classica napoletana, un gruppo di giovani con chitarra e mandolino ed ancora bossa nova e tango argentino.

La psicologa Alfonsina Longobardi, titolare del ristorante “Nonna Giulia” aLAPILLI Cristina LongobardiI IMG 3688 Lettere, che ha creato l’associazione “Tra cielo e mare” ci dice: “da un anno abbiamo iniziato un progetto nel mio ristorante, mettendo alla prova cinque ragazzi che hanno un disagio psichiatrico che danno una mano in cucina e sala. Siamo partiti un po per gioco, con la volontà di dare opportunità a figli di amici che avevano questo disagio, la nostra accoglienza e la volontà dei ragazzi hanno dato vita ad un gruppo di lavoro familiare che con gran successo ed aspirazione di nuovi e sempre più concreti risultati, sta ottenendo plausi dai nostri clienti che sempre più apprezzano ed elogiano il nostro lavoro in tutti i suoi momenti e sfaccettature. Noi rispettiamo molto la persona ed io, in particolare, essendo psicologa vado oltre, notando anche la loro personalità, cosa che i ragazzi sentono e di conseguenza cercano di rispondere dando il meglio di loro stessi, e ad esempio preparano dei grissini buonissimi come anche nel servizio esprimono un savoir faire nella conoscenza e nell’approccio al cliente in sala. L’età di queste persone varia dai 22 ai 48 anni proprio perché la schizzofrenia può colpire tutti ed a qualsiasi età e noi intendiamo respingere questa società che ancora denigra e mette da parte queste persone pure e vere, alle quali, dando loro una mano, si riescono a creare delle situazioni di soddisfazione reciproca per loro che vengono valorizzati e per chi riesce a dare questo contributo alla loro valorizzazione e a provare valori umanitari che necessitano sempre più nel nostro mondo moderno”. Alla manifestazione parteciperanno diverse condotte Slow Food e con la dottoressa Patrizia Spigno realizzeranno il - mercato della terra - e creeranno anche loro un piatto e dei laboratori per bambini ed adulti per il riconoscimento di semi e piante. Alla conferenza di presentazione sono intervenuti Il sindaco di Lettere Sebastiano Giordano, l’assessore alle Politiche Sociali Anna Amendola, il vice presidente della comunità montana Monti Lattari Peppe Giordano, per l’A.I.S. il fiduciario della penisola Sorrentina Emanuela Izzo, l’educatore dell’Associazione I Vesuviani Gianluca Belfiore, il Maestro Chef Corrado Parisi, 2 stelle Michelin, che dalla sua Sicilia si è trasferito in terra campana interpretando piatti del Regno delle Due Sicilie. Parisi ha affermato.”

LAPILLI Chef Corrado Parisi IMG 3661Voglio dare il mio contributo a questa kermesse cucinando insieme ad uno di questi ragazzi con problemi della psiche e dimostrare che il vero disagio l’abbiamo noi, i veri problemi ce li creiamo noi e che prestiamo molta poca attenzione dando del diverso a qualcuno che ha qualcosa che non è uguale alla normalità mentre a volte il diverso può essere un pregio e non necessariamente un difetto”. Anche lo Chef panificatore Filippo Cascone presente alla conferenza ci ha espresso i suoi alti intendimenti alla partecipazione a “Cenando sotto un cielo diverso” ci ha anticipato, che elaborerà per l’occasione, dei grissini e panini impastati con passata di pomodoro e farciti in vario modo come mozzarella, foglia di cappero, varie spezie e gusti a cui si aggiunge l’atra sua originalità della graffa al limoncello impastata con limoni locali e con una vaporizzazione di artigianale limoncello. Altra presenza scontata è stata e sarà lo chef di Nonna Giulia, Gennaro Longobardi.

Giuseppe De Girolamo