Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Log in
A+ A A-

Salerno

Ettore Massa in “Omm un Napoletano in Tibet” al Teatro Ridotto di Salerno

ettore massaEttore Massa, ospite del secondo spettacolo, dal titolo “Omm un Napoletano in Tibet”, all’interno della rassegna annuale “Che Comico 2017-2018” del Teatro Ridotto di Salerno, direttore artistico Gianluca Tortora, ha una particolare aspirazione ad una comicità o meglio a fare teatro con una proposta alternativa e cioè di rivolgere un sorridente invito alla felicità e alla bontà, rifuggendo dalla dilagante comicità sguaiata e volgare. Un volto del tutto normale, senza particolari segni, ma padrone del palcoscenico con una notevole scioltezza linguistica, mai banale o volgare, al contrario invece ricercata, fluente, colta e civile. Si potrebbe pensare ad una funzione educativa- didattica/pedagogica, all’ interno della quale una qualificata e significativa verve scenica, quasi a voler nascondere o ridimensionare la sua napoletanità’, fa da filo conduttore al suo monologo pulito, cortese eppure comico/satirico. Intrattiene il pubblico con classe, ordine, pulizia alternando brani d’autore a scampoli di bravura vocale, accompagnato da due musici professionisti: Ettore Gatta (al piano) e Gabriele Borrelli alla percussioni, che condividono la sua stessa gentilezza e religiosità. È un sentire piacevole e allo stesso tempo propositivo, che gratifica il corpo, quando non vuole lasciarsi andare a risate grasse. Prova timidamente, quasi a non voler urtare la suscettibilità di alcuno, a dire la sua, a proporre ciò che gli studi, intrapresi da dieci anni sul buddismo, gli suggeriscono e lo fa quasi giustificandosi per aver forse tradito le attese di chi si aspettava altro. Ha garbo Ettore Massa e una mente affamata di verità e questo basta e avanza per provare a seguire i suoi progetti. Il pubblico esperto del Ridotto l’ha apprezzato sinceramente, ringraziandolo finanche per la difficile strada intrapresa. Gilet con bordini in pelle, tenuta casual, in uno spazio angusto, tra l’altro invaso da una tastiera, da una completa batteria e da uno stelo per il microfono, si è mosso con eleganza e versatilità, sfoggiando altresì varie mise per i suoi personaggi abbastanza caricaturati e misurati o temi a lui cari sviluppati dall’alto di una cultura ben al di sopra della media. Termini, per molti versi, estranei al mondo dello spettacolo e del teatro in genere, come “impermanenza, attaccamento, meditazione, mindfulness, termini che si sarebbero trovati facilmente negli studi della Neurobiologia interpersonale di Daniel Siegel, notevole studioso e psichiatra americano, sono circolati nel piccolo teatro e tra il pubblico ammirato. Gradita sorpresa, quindi, Ettore Massa al Teatro Ridotto, diversa l’attuale comicità, se si fa riferimento a vent’anni fa quando era la vittima di turno del trio Ardone, Peluso e Massa di cui faceva parte. Un bravo va anche a Gianluca Tortora e alla capacità di scelte innovative e giuste che, ormai da anni, porta avanti.

Maria Serritiello

  • Scritto da Maria Serritiello
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 101

All’Archivio di stato di Salerno il secondo concerto della stagione 2017-18 previsto dall’Associazione Cypraea.

Alessandro AmendolaEsibizione del pianista Alessandro Amendola, nel pomeriggio di mercoledì 8 novembre scorso, all’Archivio di stato di Salerno, nell’ambito del programma dell’Associazione Cypraea, Presidente provinciale di Salerno, la stimata pianista Pina Gallozzi, che ha l’obbiettivo precipuo di far conoscere i talenti emergenti nel campo della buona musica in Campania ed oltre. Sotto la direzione di Giuseppe Squitieri, altro valente musicista, dal fiuto professionale di talent scout, il giovane Alessandro, con uno studio intenso, sta cercando di entrare, nell’empireo delle promesse/realtà musicali.

 A vederlo seduto al piano mentre esegue brani impegnativi, a difficoltà elevata, si ha la sensazione di trovarsi di fronte ad un personaggio forte duro sanguigno e tracotante, tanta è la sua bravura. E sì che i brani richiedono concentrazione, forza fisica, attenzione cerebrale e memoria di ferro, ma la mano, leggera e dolce, virtuosa e titanica, vola tra i tasti e le note ne escono cristalline e leggiadre, pure e gentili, tenere ed appassionate. L’emotività cerebrale tutta ne esce soddisfatta ed appagata. Tutti i suoi canali restano saturati e la sensazione di armonia si spande nell’ aria. E pensare che a provare a stringergli la mano si ha la sensazione di toccare un uccello implume, un alito di vento, una eterea presenza. E non parliamo della riservata modestia, delle scuse che quasi abbozza per essere così bravo. Ha una sua vita privata di adolescente o si sente già carico della responsabilità di provare ad essere ancora più grande se non il più grande? Chissà! E il prof Squitieri non demorde! Presenterà altri e altri ancora perché per lui è tutto scritto già. Non può non presentare prossimi numeri uno, perché per lui quest’ attività è la vita. Il Prof Giuseppe Squitieri è un grande musicista ma sfornare nidiate di campioni è un suo brand, il brand che gli restituisce carica vitale.

Maria Serritiello

  • Scritto da Maria Serritiello
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 55

Altri articoli...

  1. Festival internazionale delle Mongolfiere: in volo sui templi di Paestum
  2. Vietri sul mare. La XII edizione della "Festa dei Boccali"
  3. A Salerno i Musei si aprono al “brunch” e al Silent Disco
  4. “Al Postale” di Armando Cerzosimo, all’insegna del sogno possibile
  5. “Candele sotto le stelle” al Postale di Armando Cerzosimo
  6. Salta tutto" del salernitano Pierangelo Consoli finalista al Premio Rai " La giara"
  7. È' "Salifornia " il corto di Andrea Beluto ad inaugurare il Barbuti Festival di Salerno
  8. Ravello for Africa - Un concerto per il Burkina Faso
  9. Buccino, alle Historiae Volceianae è l’anno di Papa Urbano VI
  10. 20 coristi del Teatro Verdi si sono esibiti all'Arena del Mare di Salerno
  11. Capitello. VI edizione del Festival gastronomico
  12. Sfogliatelle, Sfogliacampanelle e Babà a portata di click
  13. Vietri in Scena, squadra già al lavoro per la stagione 2018
  14. I Concerti di Villa Guariglia in tour ventesima edizione
  15. Filippo Morace e Rosalba Vestini chiudono la Stagione "Vietri in Scena"
  16. Buccino, il Volcei Wine Jazz cresce e si fa in tre
  17. La Bottega della Ribalta porta in scena Napoli tra arte e guerra
  18. Musica e poesia a Villa Guariglia a Vietri sul Mare
  19. A Villa Guariglia di Vietri sul Mare, dal 26 al 28 luglio, Caleidofonìe
  20. Concerti d'estate a Vietri sul Mare
  21. Villa Guariglia, prima serata dedicata al teatro del cartellone "Vietri in Scena"
  22. Con il progetto Dream, della Comunità di Sant’Egidio, curare l’Africa dall’AIDS si può
  23. Tramonto in Armonia quarta edizione fa rivivere il Masso della signora di Salerno
  24. All’Arco Catalano Franco Arminio per il Salerno Festival della Letteratura
  25. Salerno Festival della letteratura quinta edizione