Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 395

Presentazione del libro La Cucina di Napoli di Maria Teresa Di Marco e Lydia Capasso, fotografie di Maurizio Maurizi

la cucina di napoli 250Giovedì 28 febbraio alle ore 16.30 nella Sala Rari della Biblioteca Nazionale di Napoli, in Piazza del Plebiscito la presentazione del libro La Cucina di Napoli di Maria Teresa Di Marco e Lydia Capasso, fotografie di Maurizio Maurizi. Interverrà il direttore della Biblioteca, Francesco Mercurio, gli autori e l'editore Guido Tommasi, coordinati da Mirella Armiero del Corriere del Mezzogiorno.
Dopo la cucina siciliana e toscana, quella di Roma e Venezia, la casa editrice milanese rende omaggio a una grande tradizione gastronomica, che più di ogni altra s'identifica con la sua città e ne rappresenta lo spirito. Il libro raccoglie oltre 150 ricette che non solo illustrano le preparazioni, ma raccontano la storia di come una tradizione popolare, ingegno del poco e del niente, si è intrecciata ai percorsi aristocratici della corte borbonica, segnata dall'influsso spagnolo ma soprattutto francese, generando piatti sontuosi come i timballi, i sartù o la pasticceria raffinatissima.

Semplicità, eccellenza dei prodotti e creatività gioiosa sono gli ingredienti essenziali di ogni piatto. Cucinare la pasta, per esempio, secondo le autrici Maria Teresa Di Marco, veneziana con  origini sicule, dottorato in cinema e media e Lydia Capasso napoletana doc,restauratrice con il pallino del cibo, può diventare un esercizio di estro se si celebrano le vongole che sono, fujute e si fa dello scammaro di magro un piatto che consola. Oppure un atto d'amore e di pazienza quando si scammaro attorno alla pasta fastose architetture con crostate, timpani, timballi, lasagne e si dedicano i grandi sughi di lenta cottura (ragù, genovese, glassa e bolognese). Per non parlare della pizza, un vero e proprio stile di vita a Napoli, che nel volume rappresentata con le ricette di quattro esperti maestri pizzaioli.

 

Mario Carillo

  Il volume  La Cucina di Napoli con illustrazioni a colori della Collana Cucina Regionale di Guido Tommasi Editore, 264 pag., ? 25, dal 7 febbraio in libreria. L'ufficio stampa è stato curato da Elena Maccone.