Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 45

Party di mezza estate nel Giardino degli Scalzi per 80 bambini del centro storico di Napoli

Party di mezza estate nel Giardino degli Scalzi per 80 bambini del centro storico di Napoli
L'iniziativa firmata AssoGioCa e Arciconfraternita dei Pellegrini si inserisce nell'ambito del progetto "Un campus per te!"

 

blurred 250NAPOLI - Nelle scorse ore, nello storico Giardino degli Scalzi del quartiere Materdei di Napoli, ora un fantastico agrumeto con orto sociale, un party di mezza estate ha visto 80 bambini del centro storico partenopeo festeggiare la bella stagione, bambini seguiti anche durante l’anno scolastico dagli educatori dell’AssoGioCa (Associazione Gioventù Cattolica).

Il campo estivo coinvolge e offre un'alternativa ai ragazzi del centro città che, fino al 29 luglio prossimo, si divertiranno con giochi, balli, tuffi in una splendida piscina fuori terra, giochi di educazione al verde urbano e cura dell’orto sociale: un percorso per socializzare e per coltivare il senso di rispetto e bene comune.

"Un campus per te!" è sostenuto dall’Arciconfraternita dei Pellegrini, ente proprietario del Giardino degli Scalzi. Al party, con i 36 giovani volontari ed educatori / animatori, giocolieri, trampolieri e mangiafuoco, hanno partecipato anche il neoeletto primicerio dell’Arciconfraternita Gianni Cacace, il governatore al patrimonio Nicola Lavorgna e il presidente di AssoGioCa (che quest’anno festeggia i 25 anni di attività a favore di minori a rischio) Gianfranco Wurzburger. «Dopo il triste periodo delle restrizioni – spiega Gianfranco Wurzburger – vogliamo riprendere l’idea che ora è il momento di uscire, di muoversi, di ripartire, di stare insieme».

«L’oratorio al Giardino degli Scalzi – aggiunge Gianni Cacace – è in linea con gli orientamenti statutari del nostro sodalizio. Si vogliono invitare i più piccoli a rispettare l’ambiente che li circonda, attraverso esperienze di gioco e di formazione. Questo è il punto da cui si parte per migliorare la città».