Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 624

Con un incontro vertente la “Comunicazione” è ripartita l’A.D.A.

Con un incontro vertente la “Comunicazione” è ripartita l’A.D.A.

Al Grand Hotel Oriente di Napoli, successo ed interesse dei soci per la ripresa dell’attività associativa campana

IMG 1074 250Dopo un appuntamento con gli iscritti all’Associazione Direttori d’Albergo della Campania, promosso nel suo Hotel, il Majestic Palace Hotel di Sant’Agnello – Sorrento, che vanta anche il ristorante stellato “Don Geppy” Dry Martini By Janvier de Las Muelas, Lucio D’Orsi presidente campano dell’A.D.A., ha realizzato il primo incontro dei soci dopo il periodo estivo. Il 20 gennaio del c.a., è stata l’occasione per D’Orsi di rivolgere un saluto agli iscritti al sodalizio da nuovo eletto, dal 15 dicembre 2022 al vertice di A.D.A. Campania per i prossimi quattro anni. Ora, a termine del periodo estivo dove gli impegni non permettono ai soci A.D.A. di poter essere partecipi a riunioni o convegni, Lucio D’Orsi ha ripreso con un importante incontro l’attività di presidente del sodalizio. Per ospitare l’interessantissimo “Percorso formativo di crescita personale riservato ai soci A.D.A. d’Italia”, organizzato da A.D.A. e “Centro Studi Manageriali Raffaello Gattuuso”, è intervenuto il past president di A.D.A. Campania Giuseppe Bussetti, direttore del Grand Hotel Oriente al centro di Napoli che, nell’albergo da lui diretto, ha offerto il benvenuto a tutti gli ospiti, passati poi sul meraviglioso terrazzo per godere la visione del panorama di Napoli, prima di accedere ad una delle sale conferenze altamente funzionali che l’hotel possiede, per seguire la formazione denominata “Crea il tuo nuovo inizio”. Incontro programmato per sviluppare e focalizzare alcuni punti necessari all’attività dei direttori d’albergo: Fare chiarezza sui tuoi obiettivi professionali e sulle strategie per raggiungerli; Migliorare le tue competenze manageriali nella gestione delle relazioni; Gestire il tuo cambiamento e definire una nuova identità professionale; Aumentare la consapevolezza del tuo stile di leadership; Implementare la tua capacità di ascoltare e la qualità della tua comunicazione; Facilitare la gestione delle tue responsabilità nella costruzione del tuo team.

Artefici che hanno sviluppato l’incontro ADA, rendendolo un colloquio, costruttivo, partecipativo e formativo, trattando tre temi d’importanza strategica per le finalità lavorative dei direttori d’albergo: Comunicazione efficace; leadership; programmi mentali, ovvero quegli schemi operativi che la mente mette in atto dove o ci si capisce al volo o non ci si capisce per niente, sono stati al mattino Antonio Pipio Dr. In Psicologia e Health Coach ed al pomeriggio Romina Corbara Dr.ssa in Psicologia e Health Coach, entrambe Prof. Università Comunicazione e Coaching, CO Founder Health Coaching Academy. I due professori, che coniugano i loro successi professionali come quelli di vita familiare da coniugi, hanno annunciato anche una loro performance di tre giorni 24-25 e 26 novembre a Baia Flaminia di Pesaro con tema “Crea il tuo Successo”, Come realizzare la tua vita straordinaria – cosa stai facendo ora per realizzare la vita che vuoi?

Terminati gli interventi dei due grandi esperti di “Comunicazione”, dopo un Coffee break, i direttori di ADA, giunti da tutto lo stivale, si sono riuniti per discutere e sviluppare i programmi del loro sodalizio ed al termine dopo un Aperitivo Cocktail List Dry Martini Sorrento hanno concluso la giornata con un Community Dinner al famosissimo ristorante “Mimì alla Ferrovia” emblema dell’antica, alta, cucina tipica napoletana che, con il suo 32enne chef Salvatore Giugliano, offre anche l’innovazione nella tradizione.

Non poteva mancare una nostra intervista al presidente Lucio D’Orsi che ci ha detto: “Con questo incontro iniziamo dopo otto mesi della mia presidenza, una lunga carrellata di eventi, dopo una prima parte che ho dedicato allo scouting, ovvero avvicinare all’ADA persone che avevano voglia di farne parte ma non potevano essere soci effettivi. All’uopo abbiamo ampliato la categoria dei soci aspiranti, abbiamo poi avuti tantissimi soci effettivi, abbiamo allargato il bacino di utenza sulle isole e l’abbiamo portato in penisola, abbiamo allungato una costola dell’ADA molto centrata su Napoli, quindi quasi tutto il territorio. Da qui ovviamente l’espansione sarà quella della grande formazione che è in programma e tanti eventi ludici che serviranno a fare di building. Quello che andremo a fare nel periodo di meno lavoro per noi professionisti di direzione di alberghi, sarà l’analizzare tutto quanto accaduto nel periodo estivo, al fine di avere un confronto, una grande tavola rotonda che ci permetterà di migliorarci grazie alle nostre esperienze ed al nostro know-how e portare avanti sempre più qualità. Sono felicissimo di tanta partecipazione a questa giornata di lavori e desidero ringraziare i referenti dell’ADA con il mio stesso ruolo per altre regioni d’Italia come Chiara Mencarelli, Luigi Sciarra ed altri, ma soprattutto la presenza di tanti soci campani e non campani giunti da altre regioni e per la loro partecipazione il vice presidente nazionale Demetro Metallo dell’ADA Calabria, insieme a Danilo Bellomo e Giuseppe Bussetti, vice presidenti ADA, rispettivamente della Lombardia e della Campania. Assolvo questo mio mandato di presidenza ADA che, sulla carta, può apparire più semplice, rispetto al mio predecessore Bussetti, perché lui si è trovato nel pieno momento pandemico ad affrontare le grandi difficoltà che tutti conosciamo, ma anche per me, dopo due anni di fermo, rimettere in moto le attività in presenza rappresenta qualcosa di complesso che sto svolgendo, in quanto, dopo uno stop così lungo che soprattutto ha segnato anche nel carattere le persone, non è stato e non è ancora molto semplice. La prima cosa che abbiamo fatto è stato il dare una positività nuova e cercare di portare nuova gente, nuova linfa, nuove idee per iniziare un percorso tutti insieme”.

Giuseppe De Girolamo