Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 62

ASSEGNATO IL PREMIO ISOLA SICILIA 2023 di Fondazione OELLE Mediterraneo Antico

ASSEGNATO IL PREMIO ISOLA SICILIA 2023 di Fondazione OELLE Mediterraneo Antico
Caroline Ricca Lee vincono la seconda edizione del Premio nato dalla collaborazione tra Artissima di Torino e Fondazione OELLE Mediterraneo Antico ETS di Aci Castello (Catania)

 

Foto Olle 250Caroline Ricca Lee vincono la seconda edizione del premio ISOLA SICILIA 2023, assegnato a Torino, nato dalla collaborazione tra Artissima, la più importante fiera d’arte contemporanea d’Italia, e Fondazione Oelle Mediterraneo Antico ETS di Aci Castello (Catania).

La Fondazione Oelle promuove, per il secondo anno, il Premio ISOLA SICILIA che prevede la selezione, da parte di una giuria internazionale, di un artista tra quelli rappresentati dalle gallerie della fiera che avrà l’opportunità di vivere una residenza ad Aci Castello, in provincia di Catania, durante la quale poter approfondire la ricerca sul concept Sicilia, Isola tra le Isole. Al termine della residenza verrà prodotta e organizzata una mostra che sarà accolta in una delle location in cui la Fondazione è solita operare. 

Il progetto ISOLA SICILIA, format esperienziale dedicato agli “artisti naviganti” del terzo millennio, è atto a valorizzare la ricerca artistica contemporanea indirizzata al campo delle arti visive, fotografia, video, sound art e altro: azioni intese come attraversamenti culturali in Sicilia.
Il premio è stato conferito da una giuria internazionale composta da Antonia Alampi (direttrice, Spore Initiative, Berlino), Caterina Riva (direttrice, MACTE, Termoli), Andrea Bellini (direttore, Centre d’Art Contemporain, Ginevra), con questa motivazione: 
«La pratica di Caroline Ricca Lee, che spazia dalla scultura alla performance e all’installazione, si basa su una ricerca che ha per oggetto la multiforme identità nell’era post-coloniale. Nati e residenti in Brasile, l’artista di origine sino-giapponese, crea narrazioni suggestive combinando in assemblage, costumi o collage, elementi d’uso comune, oggetti simbolici e naturali, foto d’archivio, calchi in ceramica. L’intreccio narrativo di ogni opera, con cui Caroline Ricca Lee getta un ponte tra il passato ancestrale e la contemporaneità, realtà e finzione, dà vita a un ritratto intimo dell’artista e al contempo aperto ad abbracciare la dimensione collettiva e comunitaria. La giuria ritiene che una residenza in Sicilia possa essere di stimolo per la ricerca di Lee – sia a livello di materiali e tecniche che di racconti – in una messa in relazione con il contesto siciliano, storico crocevia di identità, storie e culture».
«Per noi di Fondazione Oelle, dopo appena sei anni di lavoro, è un importante risultato consolidare il legame e le sinergie con la più importante fiera d’arte contemporanea italiana. Grazie al nostro premio ISOLA SICILIA assegnato a Caroline Ricca Lee, la progettualità che come Fondazione andremo a costruire con loro ci permetterà di apportare sul territorio un punto di vista diverso per interpretare la nostra contemporaneità, comprendendone tanto i drammi quanto la sconfinata bellezza; la potenza quanto le sue fragilità, in un contesto come la Sicilia, terra storicamente votata all’inclusione che vuol dire anche riscrittura dell’immaginario del nostro tempo», afferma Ornella Laneri, presidente di Fondazione Oelle.

La Fondazione Oelle Mediterraneo Antico ETS
La Fondazione Oelle Mediterraneo Antico ETS viene costituita nel 2017 ad Aci Castello, in provincia di Catania, con lo scopo di valorizzare il panorama culturale siciliano, “IsolaSicilia”.
La Fondazione Oelle ha dato vita negli anni a sinergie culturali con fondazioni, musei, accademie, università, al fine di intraprendere percorsi condivisi, volti a una ridefinizione di impegno culturale, come azione di presidio sul territorio e di valorizzazione del Mediterraneo, “Mare fra le Terre”, culla di importanti civiltà e crocevia di imponenti flussi culturali attraverso cui tradizioni, religioni e culture differenti possono interagire e arricchirsi, navigando tra le rotte del pensiero contemporaneo.