Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Europa
  • Visite: 527

Gli Stati membri avallano il piano d'investimenti messo a punto dalla Commissione nel settore dei trasporti per l'importo record di 13,1 miliardi di euro

LAPILLI LOGO Comm. EU ottobre 2013 250Bruxelles, 10 luglio 2015. Il piano d'investimenti per l'importo record di 13,1 miliardi di euro nel settore dei trasporti messo a punto dalla Commissione è oggi un passo più vicino alla realizzazione dopo che gli Stati membri dell'UE hanno approvato l'elenco dei progetti che saranno finanziati dal meccanismo per collegare l'Europa. Nella riunione odierna il comitato di coordinamento del meccanismo, in cui siedono i rappresentanti dei 28 Stati membri, ha dato parere favorevole sulla proposta presentata dalla Commissione il 29 giugno. Insieme al piano di investimenti da 315 miliardi di euro presentato dalla Commissione nel novembre 2014, il meccanismo per collegare l'Europa permetterà di ottenere risultati in una delle priorità assolute della Commissione: colmare la carenza di investimenti in Europa per instaurare condizioni propizie alla creazione di occupazione e alla crescita.

Violeta Bulc, Commissaria UE per i Trasporti, ha dichiarato: "Sono molto lieta che, in esito alle discussioni costruttive tenute dal comitato di coordinamento del meccanismo per collegare l'Europa, gli Stati membri abbiano approvato il piano d'investimenti proposto dalla Commissione, il più consistente mai realizzato dall'UE nel settore dei trasporti. I 276 progetti selezionati contribuiranno alla creazione di occupazione e al rilancio della crescita e della competitività in Europa. Mi compiaccio inoltre del fatto che, in molti casi, i progetti diano attuazione a priorità trasversali quali la digitalizzazione dei trasporti o la diffusione dei combustibili alternativi sul mercato."

L'ondata 2014 degli inviti a presentare proposte del meccanismo per collegare l'Europa ha attirato oltre 700 progetti, per una richiesta complessiva di finanziamenti superiore a 36 miliardi di euro. Poiché i fondi disponibili ammontavano a soli 13,1 miliardi di euro, la Commissione ha dato priorità ai progetti che presentavano il più alto valore aggiunto europeo. Nel processo di selezione i progetti sono stati valutati in base a una serie prestabilita di criteri: pertinenza, durata, impatto e qualità.

Nel rispetto dell'impegno a favore della trasparenza, la Commissione ha pubblicato oggi, insieme all'Agenzia esecutiva per l'innovazione e le reti (INEA), un opuscolo contenente informazioni generali sul meccanismo per collegare l'Europa e sui progetti valutati.

Prossime tappe La Commissione adotterà formalmente la decisione di finanziamento entro luglio 2015. L'INEA redigerà le singole convenzioni di sovvenzione dei progetti, che saranno in seguito firmati con i beneficiari. L'erogazione dei fondi inizierà a partire dall'ultimo trimestre 2015.

L'INEA e la Commissione vigileranno poi sulla corretta attuazione dei progetti.

Contesto

Nell'ambito del meccanismo per collegare l'Europa saranno resi disponibili 24,05 miliardi di euro provenienti dal bilancio UE 2014-2020 per cofinanziare progetti TEN-T negli Stati membri dell'UE. Di questo importo, 11,305 miliardi di euro saranno disponibili solo per progetti negli Stati membri ammessi a beneficiare del Fondo di coesione. I programmi di lavoro annuali e pluriennali specificano le varie priorità e l'importo totale del sostegno finanziario da impegnare per ciascuna priorità in un determinato anno. Il 2014 è stato il primo anno di programmazione nell'ambito del meccanismo per collegare l'Europa.

I benefici del meccanismo per collegare l'Europa si estenderanno, al di là dei trasporti, all'economia europea nel suo complesso: l'attuazione della rete transeuropea dei trasporti potrebbe creare fino a 10 milioni di posti di lavoro e aumentare il PIL europeo dell'1,8% entro il 2030.

Per ulteriori informazioni

Opuscolo sui progetti selezionati nell'ondata 2014 degli inviti a presentare proposte nel settore dei trasporti del meccanismo per collegare l'Europa

Studio dell'Istituto Fraunhofer sul costo del mancato completamento della TEN-T

IP/15/5336