Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 202

L’Arcivescovo Metropolita di Napoli, don Mimmo Battaglia, da domani a Roma per il Sinodo dei Vescovi della Chiesa universale

L’Arcivescovo Metropolita di Napoli, don Mimmo Battaglia, da domani a Roma per il Sinodo dei Vescovi della Chiesa universale

Foto don Mimmo Battaglia 150Come già annunciato nei mesi scorsi, il nostro Arcivescovo, insieme agli Arcivescovi di Milano, Torino e Chieti e al Vescovo di Novara, è stato nominato rappresentante della Conferenza Episcopale Italiana alla XVI Assemblea Generale Ordinaria dei Sinodo dei Vescovi che, presieduta da Papa Francesco, si riunirà il 4 ottobre prossimo e si chiuderà il giorno 29 per poi riunirsi ancora nel mese di ottobre 2024.

È il caso di ricordare che il cammino sinodale ha avuto inizio a ottobre del 2021 e si sarebbe dovuto concludere a ottobre di quest’anno, ma è stato lo stesso Papa Francesco a volere che ci fosse un prolungamento: “I frutti del processo sinodale avviato sono molti, ma perché giungano a piena maturazione è necessario non avere fretta. Pertanto, allo scopo di disporre di un tempo di discernimento più disteso, ho stabilito che questa Assemblea sinodale si svolgerà in due sessioni. La prima dal 4 al 29 ottobre 2023 e la seconda nell’ottobre del 2024. Confido che questa decisione possa favorire la comprensione della sinodalità come dimensione costitutiva della Chiesa e aiutare tutti a viverla in un cammino di fratelli e sorelle che testimoniano la gioia del Vangelo”. 

Fu proprio Papa Francesco, fin dall’inizio del suo Pontificato, a riprendere e riproporre lo strumento del Sinodo che fu creato da Papa Paolo VI, nel 1965 subito dopo il Concilio Vaticano Ii, per coinvolgere tutto il popolo di Dio nella vita della Chiesa

Tutto il percorso sinodale è incentrato sul tema “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”.

Sino ad ora le Chiese locali di tutto il mondo hanno avviato la consultazione del Popolo di Dio sulla base dell’interrogativo di fondo: «come si realizza oggi, a diversi livelli quel “camminare insieme” che permette alla Chiesa di annunciare il Vangelo, conformemente alla missione che le è stata affidata e quali passi lo Spirito ci invita a compiere per crescere come Chiesa sinodale?».

I frutti della consultazione sono stati raccolti e inviati ai Sinodi delle Chiese Orientali Cattoliche e alle Conferenze Episcopali. A loro volta, questi hanno redatto una sintesi che è stata trasmessa alla Segreteria Generale del Sinodo.

Sulla base di tutto il materiale raccolto durante la fase dell’ascolto, e in particolare dei Documenti finali delle Assemblee continentali, è stato redatto il documento Instrumentum Laboris. Con la sua pubblicazione si è chiusa la prima fase del Sinodo e si apre ora la seconda, articolata nelle due sessioni, come detto, innanzi, della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (ottobre 2023 e ottobre 2024). L’obiettivo è quello di rilanciare il processo e di incarnarlo nella vita ordinaria della Chiesa, per camminare insieme come Popolo di Dio, nella fedeltà alla missione che il Signore ha affidato alla Chiesa.

Napoli, 29 settembre 2023