Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Pendrive

  • Scritto da Super User
  • Categoria: Letture
  • Visite: 900

Just Job alla libreria Tasso

Grande riscontro per “Just Job” di Filomena Baratto, Graus editore, presentato per la prima volta a Sorrento martedì 2 febbraio presso la Libreria Tasso in piazza Angelina Lauro. Il romanzo affronta, con la grazia ed eleganza proprie dell’autrice vicana, un argomento di scottante attualità, il dramma della perdita del lavoro da parte di una persona di cinquant’anni, un uomo costretto a rimettersi in gioco in un momento della vita in cui si ritiene di aver conseguito oramai una meritata tranquillità. “In questi tempi di crisi- ha commentato l’appassionato relatore, l’ispettore del lavoro Franco Gallo- in molti si trovano a fare i conti con il problema della inoccupazione, cioè la perdita del lavoro, anche in età matura o avanzata, anche quando si credevano ormai arrivati. Il romanzo affronta la drammatica esperienza della perdita del lavoro guardandolo da un punto di vista insolito, quello di un’opportunità, il pretesto per una ricostruzione dell'Io, di riflessione su se stessi e, dunque, di rinascita”. Precisa Carlo Alfaro, che ha orchestrato l’incontro con la consueta disinvoltura: “il romanzo spazia a trattare di tutti i nodi del vivere, amore, adolescenza, famiglia, emigrazione, società, crescita interiore, interrogativi esistenziali, tempo, vecchiaia, religione,valori. Un romanzo psicologico e introspettivo, che mette l’accento su aspetti cruciali dell’esistenza e della società, che pone domande e fa riflettere”. “Ho affrontato questo tema – spiega Filomena Baratto – perchè il lavoro è un punto fermo nella vita dell’uomo e che gli conferisce dignità, e perderlo significa scardinare le basi della propria sicurezza. Nel romanzo esamino tutti gli aspetti che ruotano intorno a un uomo che perde il lavoro. Il lavoro per certi aspetti è un universo e nella sua orbita ruotano tante altre cose. La perdita del lavoro rende l’uomo un essere inutile, che perde il suo centro di gravità, la sua voglia di vivere. Il protagonista non accetta di perdere il ruolo sociale cui era stato assegnato e non accetta di doverne assumere uno diverso dal precedente. Questo lo deprime, pensando di perdere la stima degli altri, la famiglia, gli amici, le persone che ama. Questa caduta lo porta ad esaminare con profondità la sua vita dove trova vuoti esistenziali, vacuità e quasi non si riconosce più. Il travaglio sarà lungo, ma alla fine troverà un uomo nuovo”. Scrittrice, pittrice, poetessa, l’eclettica Filomena Baratto è arrivata con “Just Job” alla sua quarta pubblicazione, dopo le liriche “Ritorno nei prati di Avigliano” (Alberti Editore, 2009), seguite dal romanzo “Rosella” (Sangel Edizioni, 2012) e ai racconti “Sotto le stelle d’agosto”(2013), Graus Editore.

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Poesie&Racconti
  • Visite: 377

Migranti e accoglienza di Carlo Avvisati

Foto migranti 250

Venti anni fa, già affrontavo e descrivevo nel mio poemetto “ ‘O ritorno d’’o Pataterno” il problema della migrazione e dell’accoglienza per questa gente che scappava da guerre, pestilenze, e carestie… eccovene uno stralcio.

È san Gennaro che si rivolge al Padreterno descrivendogli la terribile situazione dei migranti

 

… Pòvera gente c’ha passato ‘o mare

lassanno ‘a terra soia pe campà meglio,

abbandunanno lla mugliere e figlie,

ll’amice, ‘a mamma, ‘o pate, ‘e ccose care.


Fujenno strazie, guerre e carastie

se so’ credute ca venenno cca

scanzavano pe sempe ‘ e mmalatie:

chiste so’ figlie a vuje. So’ ‘e "vuo’ cumprà".


Mo campano vennenno ‘e scartapelle

fanno na vita ‘e cane, nun ve dico;

‘a sera , quacche vota, sott’’e stelle,

s’addormono ‘mbriache int’a nu vico.


Uocchie ‘e brillante, ‘e ffemmene, v’’o giuro,

vann’ a servizio ‘ncopp’ a da ‘e signure.

Stentano a faticà na vita sana.

Quaccuna campa meglio: fa ‘a puttana!


Chesto, vuie me dicite, è malamente.

È ‘o vero. Nun ve pozzo criticà.

Ma ‘o munno è addeventato na samenta,

ognuno nciarma e sciarma pe campà…

 

Carlo Avvisati

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Poesie&Racconti
  • Visite: 363

Tiempo ‘e zampogne di Carlo Avvisati

                                                                   Tiempo ‘e zampogne

alcuni zampognari 250L’avimmo visto, st’anno, n’ata vota,
‘o tiempo ‘e quanno sonano ‘e zzampogne:
ma comme vota ‘e pressa chesta rota
haie voglia d’’a fremmà cu ddiente e ogne.
Se sente addore ‘e ‘ncienzo mmiez’ â via,
sciùliano ‘a dint’’e spase ‘e capitune,
na vecchia murmurea n’Avummaria,
sparano quacche ttracco ruie guagliune;
ullero - ullero, abboffa ‘o zampugnaro,
ullero – ullero, canta ’a ciaramella,
mente cu ‘o ffuoco sotto, int’’a caurara,
se coceno ‘e ccacace cu ‘e nnucelle.
‘o pasticciero, dint’’a na vetrina,
mo spanne ‘e roccocò cu ‘e susamielle;
‘o verdummaro, ‘e canto ê mannarine,
ha fatto nu Vesuvio cu ‘e friarielle.
Pitta nu San Giuseppe ‘o pasturaro,
‘mperetta ‘o canteniero tutt’’o vino.
Na figliulella, doppo ‘o paro e ‘o sparo,
accatta, p’’o presebbio, nu Bammino.
Ntratanto, ‘o zampugnaro cagna casa,
e abboffa n’ata vota int’’a zampogna,
mente pe ssott’’e pporte sisca e trase
                                                                            na tramuntana ca ne zompa ll’ogne.
                                                                             Venuto è ‘o tiempo ca nascette Dio,
                                                                       pe chist’at’anno e pe tant’anne ancora,
                                                                        ma nun vola p’’o munno l’alleria
                                                                       saglieno ‘e vvoce ‘ncielo a d’’o Signore:
                                                                     «nu’ cchiù trivule e gguaie, arrassusia,
                                                                   u’ cchiù, nu’ cchiù, Signò, taluorno e gguerre!
                                                                      Tu ca si’ ‘o pate ‘e tutte, ca si’ Ddio,
                                                                        mànnace ‘a pace ncopp’a chesta terra».

               Carlo Avvisati, giornalista e scrittore si occupa di cultura napoletana, poesia, archeologia e teatro.                                                                        Scrive per il Mattino, il Giornale dell'Arte, Panorama.

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Poesie&Racconti
  • Visite: 420

GELOSIA di Gianni Gentile

GELOSIA

( Quello che è successo prima … Omaggio, indegno,  a Salvatore Di Giacomo - 2001 )

 

 

Nennè, mò statte zitta!!... N’alluccà!!..

Famme capì ‘nu poco ch’è ‘sta cosa!!..

Me staje dicenne c’aggia restà ccà?

Sisì dimmello  ‘nfaccia  :  si’ gelosa?

 

Sta tiritera   è ‘nu mutivo antico!!..

A figlia do furnaro ‘o Vico Stuorto?

Me chiamme tutt ‘e juorne pe fatica.

Nunn’alluccà!!... Oi Né : hai tuorto!!

 

A pacchianella  ‘ncopp‘o Pallunetto?

Vaco a truvà ‘u frate : sta malato!!

Porto penniello, sapone e ‘na lametta,

ce faccio ‘a barba a chillu scunsulato!!

 

La marchesina  ca sta a Via Toledo?

‘A guagliuncella ormai è da marito,

me cerca nu’  cunsiglio p’o curredo : 

il mio giudizio assaje le è gradito..

 

Ma c’aggia  fa, si ‘ncapa nun te trase?

Aggia capito : mò lasso stu’ paese!!.

Sisì,  mò  me  ne  vaco  da  la  casa

e vaco vennenne spingule  francese…

 

Gianni Gentile

 “A Napoli siamo di versi”- 2016

( Edizione Indipendente  in rete)

 

Gianni Gentile, agronomo che si diverte a "giocare" con le parole!

Altri articoli...

  1. Le poesie di Suzana Glavaš (Zagreb, Croazia)
  2. VIII Edizione del Premio Artisti per la Pace Città di San Vitaliano
  3. SETTEMBRE IN PIAZZA DELLA PASSERA XVI edizione
  4. Lo spettro che venne dal marmo
  5. Le poesie di Giuseppe Lauriello
  6. Le poesie di Francesco Agresti
  7. Le poesie di Antonio Verolino
  8. Le poesie di Mariano Ciarletta
  9. Le poesie di Chiara Ripoli
  10. Le poesie di Gianfranco Gaglione
  11. In Campania la prima Fiera del Libro italiana
  12. Peregrini dal 4 marzo in tutte le librerie italiane il Saggio del torrese Giovanni Cardone
  13. Il «caso Balzac». Storie di diritto e letteratura
  14. Esce domani 29 settembre il nuovo libro di Padre Enzo Fortunato. LA TUNICA E LA TONACA
  15. In tutte le librerie “Inferno 1860 – Un noir napoletano” di Marco Lapegna, Rogiosi Editore
  16. Quarantena d’autore, a Ischia libri gratis con Graus e Pro Loco Pithecusae
  17. POZZUOLI 1970-2020
  18. Nola. Francesco Grillo presenta "Lezioni Cinesi. Come l’Europa può uscire dalla crisi"
  19. Al Liceo de Chirico. Presentazione del libro "L'ignoranza dei numeri"
  20. “L’amore in cui credo” Il libro che raccoglie gli scritti di mons. Giovanni Iaquinandi sarà presentato il 31 gennaio a San Marzano sul Sarno
  21. Lunedì 20 gennaio Marco Montemagno a Napoli per il tour di presentazione del suo secondo libro "Lavorability"
  22. Al Liceo dell'Arte e della Comunicazione "Giorgio de Chirico” di Torre Annunziata la presentazione del libro "Con tanto affetto ti ammazzerò" di PINO IMPERATORE
  23. Il mistero Greta Garbo. L’elogio della solitudine. La cover in anteprima del nuovo romanzo biografico di Raffaele Lauro in uscita nel 2020
  24. Roma Senato. Terzo successo del romanzo biografico di Raffaele Lauro
  25. Dopo il successo di Milano, “L’universo delle fragranze” di Raffaele Lauro è stato presentato a Sorrento