Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 649

A rischio di vendita a privato il Museo Archeologico di Villa Arbusto di Lacco Ameno

LAPILLI Foto Targa LaccoAmenoCartelloMuseoPotrebbe succedere che il Museo Archeologico di Pithecusae a Lacco Ameno (il nome dalla prima colonia greca d'Italia istallatasi sull'isola) inglobato nella Villa Arbusto, dal Comune venga venduto a privati per fare cassa. Priva di fondi l'Amministrazione comunale non è più in grado di mantenere un patrimonio artistico che al suo interno conserva la famosa "Coppa di Nestore" datata VIII secolo prima di Cristo, sulla quale vi è' scritto " Io sono la bella coppa di Nestore, chi berrà da questa coppa subito lo prenderà il desiderio di Afrodite dalla bella corona".

Giorgio Buchner, archeologo nativo d'Ischia, di origini tedesche, negli anni '40 del secolo scorso, ha scavato e catalogato oggetti provenienti da più di 700 tombe greche, fenice, campane e laziali, tra il settimo secolo a.c e l'età imperiale. Un valore immenso, il Museo di Pithecusae, per l'isola e i tanti turisti che la frequentano, eppure l'apertura è affidata a quattro giovani volontari dalle 9 alle 13.
Nessuna meraviglia se dovesse succedere, ci si augura, intanto in un intervento del Ministero e della Regione, da adesso sensibile allo sviluppo culturale, civile e turistico di essa.

Maria Serritiello

Foto: Fonte internet