Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Attualità
  • Visite: 79

Ritmo intenso di attività per l’AMIRA in Campania con il suo fiduciario Dario Duro

Ritmo intenso di attività per l’AMIRA in Campania con il suo fiduciario Dario Duro

La sezione Napoli-Campania, si aggiudica il “1° Trofeo Flambè Procida Capitale Italiana della Cultura”

2 il gruppo A.M.I.R.A. vincente con il Vice presidente nazionale A.M.I.R.A. Antonio Rotondaro il Cerimoniere nazionale dellA.M.I.R.A. Giovannangelo Pappagallo 250Continua con ritmo intensissimo il lavoro che, iniziato nel gennaio 2020, Dario Duro, fiduciario della sezione Napoli-Campania dell’Associazione Maitre Italiani Ristoranti e Alberghi, sta conducendo con grande successo, ottenendo plausi per ogni iniziativa promossa e portata avanti con il suo direttivo e l’attiva partecipazione dei tanti soci. Ultimamente, dopo il periodo estivo che per motivi di lavoro i maître impegnatissimi non avrebbero avuto modo di partecipare ad incontri promossi dalla sezione AMIRA Napoli-Campania, si è ripreso con una riunione nella quale, oltre a festeggiare due nuovi soci iscrittisi al sodalizio, sono state individuate strategie e modalità per interessare, sempre più, i giovani alla partecipazione attiva all’associazionismo per meglio costruire progetti e successi per l’AMIRA che possano rendere sempre più nota ed apprezzata da tutti questa associazione. A distanza di pochi giorni da questa riunione del direttivo A.M.I.R.A., ospitato dall’Hotel Paradiso con la solita accoglienza riservata dal direttore dell’albergo Alberto Sorrentino e dal maître Amira Ciro Caruso responsabile della ristorazione, terminata con un brindisi di degustazione vini offerti da Arianna Di Costanzo, titolare dell’omonima azienda vinicola, produttrice fra altro di uno stupendo ”Asprinio”, si è passati all’attuazione di uno degli ultimi eventi in programma: la partecipazione della squadra napoletana al ”1° Trofeo Procida Capitale della Cultura 2022”, un contest dedicato a Procida Capitale della Cultura 2022 svoltosi a Ischia. Il concorso enogastronomico organizzato dall’AMIRA nazionale in collaborazione con il maître Salvatore Trapanese del collegio Probiviri del direttivo nazionale ed il referente della sezione Ischia e Procida Giovangiuseppe Trani, ha avuto luogo ospitato dall’I.P.V.S. Telese di Ischia. L’intero istituto con il Dirigente scolastico Mario Sironi, i direttori di sala Massimo De Simone e di cucina Angelo Imparato, il coordinatore del ricevimento Carmen De Simone ed il referente eventi Luciano Mattera, hanno accolto festosamente e con gran gioia tutti i partecipanti al concorso giuria, concorrenti, pubblico e giornalisti.

I concorrenti si sono esibiti alla “Lampada” in una performance di flambè con una libera elaborazione di una ricetta utilizzando prodotti esclusivamente dell'enogastronomia procidana.

Sono scese in competizione la sezioni A.M.I.R.A. di Ischia & Procida con il suo piatto “Il Suono di Graziella”. La sezione Napoli-Campania con “Filetti di - Luvarus imperialis - ai profumi di Prochyta”. La sezione Paestum con “Spaghettoni con alici procidane flambé, colatura di alici, finocchio selvatico e pane croccante”. Tutti i piatti, un primo, un secondo ed ancora un primo, sono stati accompagnati da vino “IGT 2021 Antonio Mazzella Bianco Epomeo” dell’azienda vinicola Villa Campagnano.

La squadra di Ischia è stata composta dal maître Salvio Di Scala, dal maître sommelier Raffaele Ruggiero e il maître assistente al Flambè Giovangiuseppe Trani. Per la squadra di Napoli, con il coach G.M.R. Enzo D'Adamo, vice fiduciario della sezione, hanno gareggiato il maître Giovanni Sansone referente di sezione Napoli per Monti Lattari - Castellammare di Stabia e Penisola Sorrentina, il maître Sommelier Valerio Del Giudice e il maître assistente al Flambè Arcangelo Farinato referente della sezione per i paesi vesuviani. Per la squadra di Paestum sono scesi in gara il maître Mariassunta Cioffi, il maître sommelier Francesca Caruccio e il maître assistente al Flambè Bianca Elena Cionca.

A determinare il team vincente è stata impegnata una competentissima giuria tecnica composta dal Cerimoniere nazionale dell’A.M.I.R.A. Giovannangelo Pappagallo, dal Presidente A.I.S. Associazione Italiana Sommelier Regione Campania Tommaso Luongo e dalla chef Luisana Merola segretaria dell’Associazione Cuochi Caserta della F.I.C. Federazione Italiana Cuochi e Consigliere dell’U.r.c.c. Unione Regionale Cuochi della Campania.

La squadra napoletana, grazie al lavoro di coordinamento, affiatamento, incitamento e sprono che il fiduciario Dario Duro ha messo in atto con il coinvolgimento del suo direttivo e dell’intero gruppo di soci ha portato i suoi frutti con la conquista del podio più alto e l’assegnazione alla squadra di Napoli-Campania della coppa di vincitore del Flambè “1° Trofeo Procida Capitale Italiana della Cultura 2022”.

Fra i presenti alla kermesse: il Vice presidente nazionale A.M.I.R.A. Antonio Rotondaro ed il direttore della rivista “Ristorazione& Ospitalità” organo ufficiale di informazione A.M.I.R.A. il giornalista Diodato Buonora.

Presenti, inoltre, per il direttivo della sezione Napoli anche il Prof. Piero Ferretti con delega alle Istituzioni e Cultura che, invitato a prendere la parola, al termine dell’intervento ha ricevuto scroscianti applausi e la professoressa Isabella Sorgente Delegata nazionale per le Amirine.

Terminato questo nuovo grande successo è già pronta la convocazione per la prossima riunione del Direttivo A.M.I.R.A. Napoli-Campania che, giovedì 17, alle ore 18:00, si riunirà ospitata dal famoso ristorante “Gianni al Vesuvio” di Ciro Fornito, che dalle falde del Vulcano sovrastanti Ercolano, permette di godere la visione, a 360 gradi, del più bello e completo panorama del Golfo partenopeo. L’incontro, oltre all’intendimento di valutazione dei successi ottenuti e allo studio di nuove conquiste, sarà oggetto anche di una visione delle problematiche che i delegati della sezione Napoli-Campania, con le sue zone campane dove i referenti di Duro svolgono una intensa e produttiva attività associativa, dovranno e vorranno portare in discussione al prossimo 66° Congresso Internazionale A.M.I.R.A., in programma dal 20 al 24 novembre, all’Hotel Corallo di Riccione.

Giuseppe De Girolamo