Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Mostre
  • Visite: 178

Roma. Al Mangiaparole Angelo Cesselon. Pittore di cinema (1922 - 1992)

Una mostra e un corto teatrale per scoprire la vita e le opere di una delle più importanti figure artistiche del ‘900

Roma, Mangiaparole Caffe Letterario

Via Manlio Capitolino, 7

29 maggio – 12 Giugno 2019

Nell’ambito delle lezioni: Arte per immagini

Incontri artistico/culturali curati dalla dott.ssa Alessandra Cesselon

per approfondire temi e contenuti della storia dell’arte

2018 04 29 12.42.48 1 250Roma, 28 maggio 2019. La storia di Angelo Cesselon, maestro del ritratto cinematografico del ‘900, la sua vita con sua moglie e compagna, Lina Forte, sono raccontate con una mostra e tramite un corto teatrale nello spazio del Caffè Letterario Mangiaparole a Roma. La carriera di questo capostipite del movimento dei Cartellonisti Italiani inizia a partire dal 1950: il primo dopoguerra è il momento più importante per l’artista che, corteggiato da registi e case cinematografiche prestigiose, è alla ricerca di un nuovo linguaggio col quale, tramite vibranti colori e volti straordinari, sintetizza la vicenda del film. In quel periodo Cesselon realizza migliaia di manifesti cinematografici a tempera su carta che ritraggono i ritratti dei divi più famosi e le suggestive immagini dei film internazionali più noti in quel periodo. La sua carriera, sempre coronata da successo e riconoscimenti, durerà fino a metà degli anni ’80. Nel 1988, precocemente colpito a 65 anni dal morbo di Alzheimer, malattia che nel 1992 lo porterà alla morte, ha cessato la propria attività. Le sue opere si potranno conoscere e ammirare al Caffè Letterario Mangiaparole. Nel giorno del vernissage mercoledi 29 maggio e nel finissage, mercoledi 12 giugno dopo la visita alla mostra delle ore 18.30, sarà possibile assistere alla recitazione del Corto Teatrale: “Angelo Cesselon, L’uomo dei sogni”, dedicato alla vita dell’artista e a quella della moglie e compagna Lina Forte (1921- 2013), che gli è sopravvissuta di venti anni e alla quale si deve la tutela dei materiali e delle opere dell’archivio oggi curato dalla figlia Alessandra Cesselon. Il corto teatrale, scritto come un monologo a due voci dalla figlia Alessandra, parte dall’infanzia di Angelo dove egli narra del suo stupore per la natura e del piacere nel raffigurarla. Successivamente si snodano le vicende di un giovane artista dalle particolari doti pittoriche che, dalle nebbiose terre di un piccolo paese della provincia veneta, arriva nella capitale negli anni '30, per diventare uno dei più importanti pittori di manifesti e di ritratti dei divi del cinema internazionale. Tutto questo sarebbe stato impossibile senza l’amore e la stima di una grande donna: sua moglie: Lina Forte. Lettura recitata con: Antonio Scatamacchia e Alessandra Cesselon nelle vesti di Angelo e di Lina.

- Caffè Letterario Mangiaparole - Dal 29 maggio al 12 giugno 2019, Mostra “Angelo Cesselon pittore di cinema”. Nell’ambito di: Arte per immagini, Arte e cinema, Angelo Cesselon e il manifesto cinematografico degli anni ’50.

In esposizione quindici opere, alcune inedite, tutte provenienti direttamente dall’Archivio Cinema Cesselon.

La mostra, promossa da Mangiaparole, Retecultura, Arte per Immagini, si avvale del patrocinio dell’Archeoclub Italia e Museo Cinema a Pennello, ed è organizzata da Arte per Immagini, con il sostegno di Alessandra Cesselon, curatrice dell’Archivio di pittura Cinematografica Angelo Cesselon.

L’esposizione, a cura di Alessandra Cesselon e Marco Limiti, sarà inaugurata Mercoledì 29 maggio alle ore 18.30. Servizi ReteCultura.

Il percorso della mostra comprende immagini degli anni più significativi per lo sviluppo della pittura di Angelo Cesselon, tra ilAngelo Cesselon lultimo apache 250 1950 e il 1960, un periodo che ha visto grandi successi segnare la storia del design del manifesto cinematografico in Italia, opere che rispecchiano l’evoluzione artistica e il gusto del tempo. L’excursus cronologico presenta opere meravigliose ed esemplari unici le cui radici trovano ispirazione nella tradizione tecnica della pittura pop contemporanea ma anche riferimenti all’arte dell’800.

Le opere esposte saranno accompagnate da materiali provenienti dall’Archivio Cinema Cesselon, dove si conservano più di 300 opere, disegni e foto, e documenti relativi all’artista e alla sua attività.

I bozzetti definitivi dei film dipinti da Cesselon, furono stampati di migliaia di esemplari come manifesti in offset e distribuiti in tutta Italia; essi furono creati con tecnica della tempera su carta, sia acquerellata che a campitura compatta, e con colpi di spatola. Ma su tutte prevalse il colore come mezzo di definizione delle opere, la composizione equilibrata ed elegante e la grande capacità ritrattistica che è il vero marchio distintivo delle opere di questo maestro del cartellonismo italiano.

La mostra, collocata nello spazio informale del Caffè Letterario Mangiaparole, consente la visione dal vivo di un’interessante sezione della storia culturale e artistica del Novecento.

EVENTI

In occasione della mostra, i visitatori potranno partecipare alle seguenti iniziative:

Mercoledi 29 maggio, vernissage

Mercoledi 12 giugno, finissage

Ore 18.30 -

Visita della mostra con Alessandra Cesselon, storica dell’arte ed erede dell’Archivio Cesselon, per approfondire lo stile dell’artista e della pittura di cinema.

Ore 19.00 - “Angelo Cesselon. L’uomo dei sogni”. Corto Teatrale con Antonio Scatamacchia e Alessandra Cesselon