Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Libri
  • Visite: 192

“L’amore in cui credo” Il libro che raccoglie gli scritti di mons. Giovanni Iaquinandi sarà presentato il 31 gennaio a San Marzano sul Sarno

copertina libro mons. Iaquinandi 250Sarà presentato venerdì 31 gennaio, alle ore 19.30, presso la parrocchia San Biagio V. e M. in San Marzano sul Sarno il libro “L’amore in cui credo” che raccoglie gli scritti di mons. Giovanni Iaquinandi, scomparso il 17 ottobre del 2018.

Ordinato presbitero il 28 giugno del 1965, don Giovanni ha guidato la comunità di San Marzano sul Sarno dal 1990 fino al 2013. Durante il suo ministero parrocchiale ha visto nascere e maturare la vocazione sacerdotale di don Luigi Lamberti, don Romualdo Calcide, a cui è attualmente affidata la parrocchia, don Antonio Adinolfi, don Andrea Annunziata e don Andrea Amato. Nel 2012, mons. Giuseppe Giudice lo ha nominato Vicario generale della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, incarico che ha ricoperto fino al 9 maggio del 2018 con saggezza, prudenza e lungimiranza.

Il libro “L’amore in cui credo”Riflessioni e preghiere di mons. Giovanni Inquinandi nasce dall’impegno di un gruppo di amici ed estimatori del sacerdote che, dopo la morte, ne ha raccolto gli scritti con l’intento di pubblicarli per conservarne la memoria e il vasto patrimonio culturale e di fede. «La lettura di questa raccolta ha un grande obiettivo – afferma il professore Pasquale Califano, curatore del testo –, rappresenta la continuazione dell’intento di don Giovanni di migliorarci l’esistenza, di guidare le nostre azioni alla conquista di quella serenità nei rapporti umani, che rappresenta il tronco dell’albero, quale è la vita». Nella prefazione, mons. Giuseppe Giudice, vescovo della diocesi di Nocera inferiore-Sarno, scrive: «Sono sicuro che questi testi, letti con occhiali adatti, potranno fare ancora molto bene a tanti: a San Marzano, alla parrocchia, alle anime assetate, ma specialmente ai sacerdoti, per i quali don Giovanni ha pregato e lavorato».

Il ricavato della diffusione del testo sarà devoluto per la realizzazione dell’altare della chiesa santi Luigi e Zelia Martin della cappella che sorgerà nell’omonima Cittadella nel comune di Saaba, in Burkina Faso.