Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Libri
  • Visite: 270

MNEMOSYNE Il teatro della memoria Presentazione del volume a corredo dell’esposizione

MNEMOSYNE

Il teatro della memoria

Presentazione del volume a corredo dell’esposizione

 

Giovedì 13 aprile 2023, ore 18

Castello Visconteo di Pavia – Sala del Collezionista

 

 

Mnemosyne. Il teatro della memoria Volume Sagep Editori Copertina 250Giovedì 13 aprile, alle 18.00, presso la Sala del Collezionista del Castello Visconteo di Pavia, si terrà la presentazione del volume Mnemosyne. Il teatro della memoria, edito da Sagep Editori e a cura di Paolo Linetti, realizzato a corredo dell’omonima mostra, visitabile negli ambienti del museo civico fino al 25 aprile 2023. Ad introdurre il libro, insieme a Paolo Linetti, sarà Stefano Maretti, Curatore della sezione Zoologia del Museo Kosmos di Pavia e parteciperà all’evento anche Elena Carozzi, la pittrice e decoratrice che ha realizzato le scenografie dell’esposizione.

Oltre a presentare le opere esposte, il volume ripercorre l’intera storia del collezionismo, dai primordi fino ai giorni nostri. A partire dalle raccolte dell’uomo preistorico che, migliaia di anni fa, iniziò ad accumulare oggetti, soprattutto conchiglie destinate a diversi usi, fino ad arrivare alla civiltà romana e a quella greca, dove collezioni di opere d’arte venivano radunate in appositi edifici chiamati “tesauri” per manifestare ai nemici la potenza e la ricchezza della pòlis, il libro approfondisce le origini, antichissime, di questa attività universale, insita in ognuno di noi.

Particolare attenzione è dedicata agli studioli, luoghi intimi e privati tipicamente italiani, in auge nei palazzi signorili tra il XV e XVI secolo, dove i sovrani e i governanti si raccoglievano per studiare e prepararsi al proprio compito, circondandosi di oggetti rari e preziosi come volumi antichi, libri, dipinti, calami, anfore, orologi, astrolabi, strumenti musicali e curiosità. Il catalogo si concentra infine sulle Wunderkammer o “camere delle meraviglie”, in cui si collezionavano gli oggetti più differenti, cercando di raccogliere in un unico ambiente tutto lo scibile umano. Qui, proprio come su un palco, venivano messe in scena le meraviglie del Creato e la storia dell’uomo, per questo queste stanze erano anche chiamate “Teatri delle memoria”.

Con l’arrivo dell’Illuminismo, le Wunderkammer furono smembrate in nome del razionalismo, per lasciare il posto ai moderni musei di storia naturale, geologia, preistoria, alle pinacoteche e gipsoteche, dove gli esemplari erano catalogati ed esposti secondo rigorosi criteri scientifici. Mnemosyne. Il Teatro della Memoria illustra la nascita e il tramonto di queste stanze delle curiosità, spiegando come, tra il XIX e il XX secolo, furono poi riscoperte grazie all’avvento del Romanticismo e al Decadentismo.

La mostra Mnemosyne. Il teatro della memoria ricostruisce nella Sala del Collezionista del Castello Visconteo di Pavia una di queste “camere delle meraviglie” che si diffusero soprattutto in Europa, tra il XV e il XVIII secolo. Visitandola è possibile ammirare, in un unico stupefacente allestimento, opere d'arte mai esposte prima, provenienti dai depositi dei Musei Civici di Pavia, modelli botanici dell’Orto botanico dell’Università di Pavia, opere di tassidermia del Museo Kosmos, opere africane gentilmente concesse dalla Fondazione Frate Sole e numerosi prestiti dal Museo della Scienza di Milano e dal Museo d’arte orientale Mazzocchi di Coccaglio.

MNEMOSYNE

Il teatro della memoria

Castello Visconteo di Pavia

20 ottobre 2022 – 25 aprile 2023

Tutti i giorni (escluso il martedì), dalle 10 alle 18

Ingresso: 5 euro, ridotto 3 euro

www.vivipavia.it