Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Libri
  • Visite: 243

all’Akademia cucina and more di Pozzuoli sarà presentata una nuova edizione de “I delitti della Rue Morgue” di Edgar Allan Poe

“I delitti della Rue Morgue” di Edgar Allan Poe

è il primo racconto poliziesco della storia della letteratura mondiale

Giovedì 11 all’Akademia cucina and more di Pozzuoli sarà presentata una nuova edizione per la traduzione di Diego Guzzo

e le illustrazioni di Clelia LeBouef (Babel Books edizioni)

 

invito copertina 250Auguste Dupin è considerato l’archetipo dei detective della letteratura moderna. È un personaggio nato dalla penna di Edgar Allan Poe protagonista di tre soli racconti: “I delitti della Rue Morgue” del 1841, “Il mistero di Marie Roget”, pubblicato tra il 1842 e il 1843 e “La lettera rubata” del 1845.

Una nuova edizione de “I delitti di Rue Morgue” - considerato il primo poliziesco della letteratura -, è proposta da Babel Books con la tradizione di Diego Nuzzo e le illustrazioni di Clelia LeBoeuf. Il libro verrà presentato giovedì 11 maggio alle ore 18,30 all’Akademia cucina and more sul lago Lucrino, Pozzuoli.

L’evento è proposto da Ines Srl Edizioni con la sponsorizzazione dell’Istituto di Vigilanza “Il Notturno”.

Auguste Dupin - questo è il ritratto del protagonista - è un rampollo decaduto di un’illustre famiglia che vive quasi in miseria a Parigi insieme ad un suo anonimo amico-assistente che ne racconta le avventure. Benché sia un investigatore dilettante, è dotato di impressionanti capacità analitiche ed è capace di destreggiarsi con grande abilità anche laddove la polizia non riesce a trovare soluzioni (come nel racconto La lettera rubata) per giungere alla soluzione dei casi attraverso puri procedimenti razionali. Il metodo investigativo di Dupin ricalca alcune caratteristiche tipiche del pensiero scientifico: soprattutto la certezza che dietro l’apparente complessità di un mistero si nasconda una soluzione semplice. Spesso bisogna quindi concentrare l’attenzione su indizi e circostanze che a prima vista possono apparire di poca importanza, cercando di ricostruire il quadro generale da una parte di esso.