Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

  • Categoria: Libri
  • Visite: 400

Giovanni Taranto con il romanzo “Requiem sull’ottava nota” (Avagliano Editore) è il vincitore del Premio MyssterY

Giovanni Taranto con il romanzo “Requiem sull’ottava nota” (Avagliano Editore) è il vincitore del Premio MyssterY

Foto Premio Giovanni Taranto 250Giovanni Taranto, giornalista, scrittore, domenica 28 maggio ha ricevuto il Premio MyssterY, risultando vincitore assoluto dell’ambito Premio con il suo romanzo “Requiem sull’ottava nota”, Avagliano editore. La kermesse, organizzata grazie alla collaborazione fra la libreria Iocistò e GIALLI.IT., direttore artistico Ciro Sabatino e presidente onorario dell’evento Maurizio de Giovanni, che ha visto la partecipazione di oltre 60 scrittori candidati al Premio, di fama nazionale e internazionale che scrivono “gialli”, si è svolta a Napoli presso l’Istituto di cultura francese, presente la Console Lise Moutoumalaya.

Grazie al voto popolare il romanzo “Requiem sull’ottava nota” era stato inserito tra i cinque finalisti, la giuria di esperti ne ha poi decretato la vittoria, riconoscendo a Giovanni Taranto il Premio Mysstery, uno dei più ambiti riconoscimenti nel campo della letteratura “gialla” “noir” e “poliziesca”.

Nella prefazione del romanzo, Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia 2013-2017, scrive: “Per comprendere le cause storiche, economiche e sociali che hanno reso la camorra parte integrante del tessuto sociale Vesuviano, di Napoli e della sua area metropolitana. E come liberarsene per sempre. Un modo nuovo di raccontare la lotta per la legalità e la giustizia, guardandola in faccia, dall’interno. Fuori dal paralizzante giudizio sui mali di Napoli e della sua area metropolitana, che oscilla da sempre tra rassegnazione autoassolutoria all’ineluttabilità della camorra e ottimismo consolatorio di chi spera che, prima o poi, il bene prevarrà sul male. Qui si intravede una via di uscita”.

Nel suo romanzo Giovanni Taranto, giornalista specializzato in cronaca nera, giudiziaria, investigativa racconta le vicende che hanno come protagonista il capitano Giulio Mariani, comandante di una compagnia dei carabinieri del vesuviano nella lotta ai clan del territorio alle falde del Vesuvio. “Siamo negli anni ’90. Camorra, mafia, estorsioni, droga e microcriminalità sono gli avversari quotidiani del capitano Giulio Mariani, romano de Roma, al comando di una compagnia dei Carabinieri nel Vesuviano. Pochi gli spiragli per la vita familiare. Pasqua è vicina. L’attività del racket si intensifica. Uno showroom viene devastato per costringere il titolare a pagare il pizzo. Gli scontri fra cosche per il controllo dello spaccio si inaspriscono. Un sedicenne, usato come sentinella da una delle “famiglie” rivali, rimane ferito gravemente in un raid. Mariani indaga, affiancato dal Nucleo Operativo, dalla Pm napoletana Clara Di Fiore, e dall’amico Gianluigi Alfano, nerista. Ai due casi si intrecciano omicidi irrisolti e nuovi scontri a fuoco. Ma un mistero complica le indagini. Mariani riceve dei pizzini anonimi, inizialmente incomprensibili. Il mittente sembra voler indicare ai Carabinieri i responsabili di episodi estorsivi, traffici di stupefacenti, boss e killer delle fazioni in guerra. C’è da fidarsi? Chi c’è dietro quelle soffiate? Qual è il suo vero interesse? Al capitano Mariani, l’onere di decifrare le criptiche indicazioni dell’enigmatico informatore e trovare prove concrete che le confermino. Per farlo, dovrà scavare nel ventre della città vecchia e confrontarsi con personaggi particolari, spesso inquietanti. Il tutto tentando di strappare il minorenne ferito e il suo fratellino a un destino segnato, al soldo della camorra. Sullo sfondo, la vita di caserma, le tradizioni pasquali, il folclore e la filosofia del Vesuviano. Dopo La fiamma spezzata (Avagliano 2021), Taranto coinvolge i lettori in un’altra appassionante vicenda e svela i meccanismi dei clan”.

Giovanni Taranto è giornalista specializzato in cronaca nera, giudiziaria, investigativa. Sue, alcune delle più importanti inchieste sulla camorra del Napoletano. Dal 2019 al 2021 ha presieduto l’Osservatorio permanente per la legalità oplontino. È stato tra i fondatori di Metropolis Network, dal 1995 al 2013 una delle realtà di punta del giornalismo in Campania. Come direttore di Metropolis TV, realizzando programmi con magistratura e associazioni antiracket, ha contribuito a svelare molti retroscena del crimine organizzato e della mafia del Vesuvio. Oggi è condirettore di «Social News», house organ di Auxilia Onlus, e tiene seminari di giornalismo in diversi atenei. Cintura nera 7° Dan di Taekwondo e 4° Dan di Hapkido, è Grand Master Unitam/Song Moo Kwan. Insegna arti marziali nella scuola pubblica, per l’autodifesa femminile e per il recupero dei minori a rischio. È un operativo del Gruppo di Fatto della sezione di Pompei dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Con Avagliano editore ha pubblicato La fiamma spezzata (2021). Vive a Torre Annunziata.

Al vincitore del Premio Premio MyssterY Giovanni Taranto abbiamo chiesto se le indagini del protagonista del romanzo il Capitano Mariani continueranno. “Vedere il mio Capitano Mariani riscuotere tanto apprezzamento, non soltanto attraverso il voto popolare di tutta Italia, ma anche dalla giuria di esperti che ha decretato la vittoria di "Requiem sull'ottava nota" assegnandogli il Premio Mysstery, mi dà una carica importante. Come il Capitano protagonista dei miei gialli, non ho intenzione di fermarmi. Le indagini di Mariani vanno avanti, e presto ne sentirete parlare di nuovo". 

 Francesco Manca