Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

“Io trotula?” il libro di Dora Memoli rappresentata al Teatro Genovesi con l’adattamento e la regia di Anna Rotunno

dora memoli“Io Trotula?” lo spettacolo rappresentato il 6 aprile presso il Teatro Genovesi di Salerno è tratto dal libro della Prof.ssa Dora Memoli, prestigiosa docente di Latino e Greco, ma ancor prima, brillante alunna del Liceo Torquato Tasso di Salerno. Tra il pubblico tutte le maggiori associazioni culturali della città: Si parla di cuore, Parco storico Sichelgaita Salerno, Inner Wheel, F.D.A.P.A., BPW Italia Sez. Salerno, 50&Più, Fai Delegazione di Salerno, Compagnia dell’Eclissi, Hortus Magnus e nell’ambito del service nazionale del Soroptimist International dedicate alle patologie cardiovascolari delle donne. Terzo step per parlare di Ars Medica con lo spettacolo messo in scena dalla volontà e la passione per il teatro di alcune docenti del liceo De Sanctis di Salerno, avvalendosi della collaborazione di loro alunni passati che hanno dato una testimonianza di rispetto, di ammirazione nei confronti delle loro professoresse, dando il meglio di se stessi e mettendo in campo tutta la loro semplicità e la forza giovanile. La storia ripercorre la vita di una delle prime donne ad interessarsi alla salute di esse nel momento più significativo della loro vita, come la gravidanza e il parto ed a curarne l’estetica, preparando creme e lozioni di bellezza, mentre correva l’anno mille nella città di Salerno, già sede della famosa Scuola Medica Salernitana. Una vita che pur svolgendosi su binari di una comprensibile normalità, è stata rappresentata in modo lineare, semplice, leggibile e godibile, anche per l’uso della lingua latina a riportarci indietro, un’autentica narrazione, dunque, di una figura controversa, l’esistenza che nel libro è certa, nell’adattamento teatrale all’Io Trotula viene aggiunto un punto interrogativo, per dare un segnale di dubbio. Certe scelte scenografiche, la freschezza degli attori, l’originale quanto efficace colonna sonora, dovuto ad un gruppo valdostano “La Lionetta” specialisti in musica medievale, una sceneggiatura esemplare per linearità ed eleganza, la pièce, tradotta in modo leggero ed ammirevole, con effetti speciali e semplici, grazie alla mano greco/classica della Prof.ssa Anna Rotunno, ha fatto sì che l’adattamento del saggio di Dora Memoli, risultasse una prova egregia di alunni e non da professionisti e nemmeno da dilettanti ma solo frutto di lavoro costante appassionato della Prof.ssa Anna Rotunno che riesce ogni anno a portare in scena ex alunni ed attuali, appassionati della sua passione. Costumi suggestivi ed evocativi di tempi remoti, semplici e leggeri, ma con un richiamo ben preciso all’epoca rappresentata. Una clessidra rudimentale, enorme sta per scandire il tempo, veli colorati mossi ad arte e sinuosamente, a rendere il movimento soffiato delle vele di navi che entravano nel porto di Salerno, dove si è incontrata la medicina del tempo. Le lingue parlate, greche, latine, arabe, normanne stanno a testimoniare l’universalità ed il convergere in Salerno, di civiltà tra loro differenziate.

anna rotunno

Trotula è un nome leggendario che insiste nella Scuola Medica Salernitana, una prima medichessa che s’impose non solo per la sua sapienza ma anche nel dare conoscenza alle mulieres salernitanae, le levatrici, esperte in piante officinali. Su Trotula ci sono vari dubbi della sua esistenza, come sola donna medico della famosa scuola, fatto sta che a suo nome sono state tramandate opere di medicina, che fino al XV secolo circolarono in Europa in lingue diverse. Ecco l’importanza del punto interrogativo nella riduzione teatrale della Prof.ssa Anna Rotunno e le frasi recitate dagli attori in varie lingue, sono la simbolica confluenza delle molteplici anime femminili che ruotavano intorno alla prima e prestigiosa Scuola medica in tutta Europa.

Maria Serritiello

Personaggi e Interpreti

Trotula Narrans Antonella Caggiano//Trotula Maior Raffaella Ferri//Trotula Minor Gaia Guerigno//Altruda Callippa Francesca Alberti//Egle Sichelgaita Sara Riccio//Madre Ermetruda Chiara Sansone//Eduardo il Confessore e Rodolfo Malacorona Matteo Zecchini//Prologo Giovanni Plateario Davide Caravano//Barliario Andrea Mauro//Abate Pietro, Alfano I Bruno Biasini//Galfrido Antonio Livio Fiore//

Coro: gli allievi dell’officina del Dramma Antico del Liceo De Sanctis di Salerno

Adattamento del romanzo di Dora Memoli Apicella: Io Trotula

A cura della Prof.ssa Anna Rotunno