Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Salerno

  • Scritto da Arnaldo Iodice
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 538

Coda risponde a Pagliarulo. Salernitana finisce 1 a 1

I Granata senza Gabionetta al secondo pareggio consecutivo

LOGO U.S. SalernitanaLa prima dei Granata senza Gabionetta finisce in parità. Termina 1 a 1 la gara contro il Trapani giocata al “Provinciale”. Padroni di casa in vantaggio al 29esimo del secondo tempo con rete di Pagliarulo. Un vantaggio che però dura solo dieci minuti. Al 39esimo infatti ci pensa Coda a rimettere il punteggio in parità. Parità con cui si va negli spogliatoi a fine gara. Solo pochi minuti di gioco per il “Messi di Fisciano”, Nicola Citro, che all’andata aveva siglato il gol vittoria. Secondo pareggio consecutivo, dopo quello con il Crotone, per la Salernitana, priva da metà settimana dell’uomo più talentuoso: quel Gabionetta (partito per la Cina) che aveva contribuito a dare, quasi da solo, un grande sprint all’inizio della stagione dei campani. La prossima gara vede fronteggiarsi Granata (in casa) ed Entella martedì alle 20 e 30. Salernitana attualmente al penultimo posto con 26 punti.

Trapani – Salernitana 1 – 1
Reti: 29′ st Pagliarulo (T), 39′ st Coda (S).

Trapani: Nicolas, Fazio, Pagliarulo, Scognamiglio, Rizzato, Raffaello, Scozzarella, Nizzetto, Coronado, Petkovic, De Cenco (28′ st Citro). All.: S. Cosmi.

A disposizione: Fulignati, Perticone, Daì, Camigliano, Ciaramitaro, Eramo, Cavagna, Montalto.

Salernitana: Strakosha, Franco (37′ st Zito), Moro, Coda, Bagadur, Gatto, Odjer, Ceccarelli, Donnarumma (17′ st Bus), Bernardini, Ikonomidis (32′ st Tounkara). All.: L. Menichini.

A disposizione: Patella, Pestrin, Colombo, Empereur, Tuia, Bovo.

Arbitro: Federico La Penna di Roma 1.
Assistenti: Antonio Santoro (sez. Catania) – Claudio Lanza (sez. Nichelino).
IV uomo: Daniele Martinelli (sez. Roma 2).

Ammoniti: Fazio, Raffaello, Petkovic (T), Moro, Odjer, Gatto (S).

Espulso: 49′ st Odjer (S).

Angoli: 4 – 6

Recupero: 1′ pt, 6′ st.

Arnaldo Iodice

  • Scritto da Maria Serritiello
  • Categoria: Lapilli Salerno
  • Visite: 995

Un Galà al Delle Arti di Salerno per i 50 anni teatrali di Claudio Tortora

LAPILLI 50 ANNI TORTORAAvere 50 anni di teatro e non mostrarli, è una certezza di gioventù anche per noi che lo seguiamo da altrettanti anni. Il lui, che così bene porta l’età, è Claudio Tortora che, il giorno 24 febbraio, ha festeggiato il mezzo secolo di vita teatrale al "Delle Arti", ormai sua fortezza. Nessun timore, quindi, sbirciare il vortice degli anni trascorsi nei filmati proiettati su di un grande schermo, immagini che ce li restituiscono belli e gagliardi. Ed eccolo il baffuto e giovane Claudio, al tempo di "Domenica in" RAI 1 con Pippo Baudo, poi in "Sereno variabile", in "Fantastico" come autore e talent scout, in "Mi Raccomando" e in,"Splash". Sono anni giovanili e pure così importanti per la sua carriera, voluta fortemente fin dall’infanzia, quando presso il ristorante “La Casina Rossa” di Torre del Greco, a soli 4 anni, cantava Maruzzella, il repertorio di Sanremo e Carosone, senza sbagliare né i motivi né le parole. All'epoca però, la vita di spettacolo non era ben vista dai genitori, i quali sognavano, nel futuro del proprio figlio, un posto sicuro, dopo aver compiuto i necessari studi. Ma tant'è la passione di Claudio è stata più forte, e meno male, molte delle meravigliose manifestazioni non ci sarebbero state.

Claudio Tortora è un vero uomo di spettacolo, sa cantare, e anche bene, famose sono le sue serate all'insegna della musica anni ‘60, sa far ridere, oltre che con "La Rotonda", un trio che si è imposto nella storia del teatro comico salernitano e in quello italiano, con il personaggio di "Spalletta", il guappo di cartone dell'Agro, sa scrivere testi teatrali, ma anche per spettacoli televisivi, tra cui il Festival di Sanremo, sa elaborare pagine a contenuto sociale, storie, favole e poesie,  sa creare eventi di grande caratura, come il Premio Charlot, l'importante format della comicità italiana dal quale sono passati i più significativi comici nazionali. Da ben 12 anni è il Direttore artistico del "Delle Arti" di Salerno, spazio ricavato dall'ex seminario regionale, l'unico in Italia ad avere, al suo interno, una sala cinematografica e una per rappresentazioni teatrali, oltre che uno spazioso foyer. Qui le arti dello spettacolo ci sono tutte, non si tralascia nulla, ognuno trova il suo spazio di svago e di divertimento. Con sagacia mette su ogni anno pregevoli stagioni teatrali per un pubblico che lo segue fedelissimo.

E così nel teatro affollato fino all'inverosimile, nessuno è voluto mancare, per tributargli l'affetto e la stima per le sue doti artistiche ed umane, è apparso visibilmente commosso. In effetti Claudio è un uomo schivo, la sua è la natura della timidezza, malgrado il piglio disinvolto con il quale approccia il pubblico dal palcoscenico.

La serata ha inizio, le luci calano e lui solo, abito scuro, dinanzi al leggio, ad alta voce ci esprime i suoi pensieri, le sue passioni, cosicché racconta, parla, canta e guarda ballare i bravi ballerini di Pina Testa. Tutto il suo mondo interiore, di cose sentite, vissute sofferte o anche in allegria, passano dinanzi ai nostri occhi. Momenti magici e sentimentali, come quelli della commedia su Chaplin e sull'uomo medio, da lui scritte, ma ancor più dalla lettera che Renata Tafuri, sua moglie, legge non senza emozionarsi ed emozionarlo.

Si cambia registro, come succede spesso, repentinamente, in teatro e la manifestazione tocca punte di autentica comicità, quando a salire sul palco, in aiuto a Claudio, sono Gaetano Stella e Giuliano Avallone, ricomponendosi, sia solo per una sera, nel trio "La Rotonda". Eppure a distanza di tanti anni, il pezzo sul teatro classico, fatto da loro, fa ancora ridere e tanto! Sulle note di It's wonderful di Paolo Conte, Claudio sciorina con una serie di "Che", con voce forte e vibrante, che altro non sono che la sua vivace protesta per le storture del mondo da cui è circondato, una chiara denuncia che trova d’accordo tutti in sala.

Infine ci saluta dandoci appuntamento per altri anni ancora, da spendere per un spettacolo di contenuto, di sentimento e di esempio per le generazioni che premono. Auguri maestro! Il più bel compleanno teatrale che si potesse avere.

Maria Serritiello

Altri articoli...

  1. Toledo Suite di Enzo Moscato al Teatro Diana di Salerno
  2. All’archivio di Stato di Salerno si è esibito il giovane chitarrista Giacomo Monteleone
  3. Concerto-Matinée degli allievi del liceo musicale “M. Galdi” di Cava de Tirreni allo Yachting Club Salerno
  4. Una buona Salernitana ferma il Crotone
  5. Islamici e cattolici: il dialogo parte da Raito
  6. La mostra di DINO PEDRIALI sul Pasolini “segreto”
  7. All’ottava Edizione Festival Teatro XS città di Salerno debutta la compagnia teatrale C.L.A.E.T. di Ancona con “Oh Mio Dio” di Anat Gov
  8. “ Piscature” di Raffele Viviani al teatro Delle Arti attraverso un percorso sensoriale
  9. Gli Omini a "Mutaverso Teatro"
  10. Salernitana in caduta libera. La Ternana vince 4 a 0
  11. Il libro sui cantieri nautici alla Congrega letteraria
  12. Al teatro Ridotto Gennaro De Rosa vincitore del Premio Charlot 2015
  13. Incontro interreligioso a Raito: Islam e Cristianesimo uniti nel nome di Maria
  14. Al C.C.C “L. Francavilla” s’incontrano tre associazioni culturali della città
  15. La Compagnia dell’Eclissi al Teatro Genovesi con Il delitto all’isola delle capre di Ugo Betti
  16. Al Ridotto di Salerno il laboratorio Zelig On the Road
  17. Al Teatro Diana di Salerno “Ti parlerò d’amore”
  18. Ritorna mister Menichini, Salernitana – Pescara finisce 2 a 2
  19. A Cetara "Ragazzi in Gamba"
  20. “Emigranti” di Slavomir Mrozek al Piccolo Teatro del Giullare
  21. Al Delle Arti di Salerno una targa per ricordare Peppe Natella
  22. Al via la stagione "Mutaverso Teatro"
  23. Salernitana in 10 perde contro lo Spezia
  24. Giuseppina Gallozzi in concerto presso l’Archivio di Stato di Salerno
  25. Maurizio De Giovanni alla libreria Feltrinelli di Salerno per la presentazione di “Cuccioli”