Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Libri

  • Scritto da Super User
  • Categoria: Libri
  • Visite: 642

Il promontorio dei limoni neri

11780288 729960000447266 1180085755 oSuccesso, tanti applausi e buon consenso per Natalia Toscano che ha presentato il 21 luglio alla Libreria Tasso in Piazza Angelina Lauro a Sorrento, con l’accorta moderazione del dottor Carlo Alfaro, il suo primo romanzo, “Il promontorio dei limoni neri”, un giallo dall’intreccio perfetto e i colpi di scena intriganti. Un romanzo corale e appassionante, in cui i personaggi si svelano a poco a poco nel loro spessore psicologico, lottando per la verità, l’amore, la giustizia. Natalia Toscano, sorrentina, laureata in Lettere, finalista Premio Terni "San Valentino", ha ottenuto un master in scrittura creativa a Roma con il maestro Domenico Starnone. Donna di vasta cultura e ampie letture, gestisce un blog molto visitato NTBLOG di arte e cultura. "Il promontorio dei limoni neri" è il suo romanzo d'esordio, ma è già pronto “Il secondo caso di Martha Gray”.

  • Scritto da alla redazione
  • Categoria: Libri
  • Visite: 445

Presentazione del volume "Si dubita sempre delle cose più belle Parole d’amore e di letteratura "

Isola del Cinema - Spazio Luce (P.zza San Bartolomeo Romano, Isola Tiberina – Roma) 

Domenica 12 luglio 2015, ore 19.30 presentazione del volume 

Si dubita sempre delle cose più belle Parole d’amore e di letteratura 

a cura di Sarah Zappulla Muscarà Enzo Zappulla (Bompiani) 

Presenta Alma Daddario 

Intervengono Paolo Di Paoloe i curatori 

Letture di Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini

Ingresso libero fino a esaurimento posti

LAPILLI carteggioSovra LIBIl monumentale carteggio inedito (734 lettere, 84 foto, 2144 pagine, 973 nomi) fra Federico De Roberto e la gentildonna Ernesta Valle Ribera, ribattezzata Renata (perché “rinata” all’amore) o Nuccia (diminutivo di “femminuccia”), copre un lungo arco di tempo in un intricato, pertinace intreccio di temi intimi e letterari. Un’ardente storia d’amore che ci rivela aspetti ignorati dell’austero e schivo autore de "I Vicerè" e insieme della vita mondana, sociale, culturale dei due poli fra cui si snoda, Milano e Catania, dalla fine dell’Ottocento ai primi del Novecento. Meta prediletta di De Roberto, al pari dei sodali Verga e Capuana, sospinti da un senso d’irrequietezza, da un’aspirazione a più vasti orizzonti, Milano rappresenta, e il carteggio ne è ampia testimonianza, la capitale dei poteri mediatici, finanziari, culturali, la città più progredita, operosa, ricca di vivacità artistica e di brulicanti iniziative, con le sue prestigiose case editrici (i Fratelli Treves, Galli), le grandi testate giornalistiche (il “Corriere della Sera”, la rivista “La Lettura”), i rinomati teatri (la Scala, il Manzoni, il Filodrammatici, il Lirico, l’Eden), gli eleganti ritrovi (il Biffi, il Cova, il Savini, il Caffè dell’Accademia), gli elitari salotti (di donna Vittoria Cima, di Virginia Borromeo, della stessa Ernesta Valle Ribera). È lì che gli sono consentite assidue frequentazioni con i maggiori esponenti dell’intellighentia dell’epoca, giornalisti, scrittori, editori. Amante appassionato, impetuoso, temerario, travolgente, De Roberto, per il tramite della mediazione di un focoso, insistito, spregiudicato rammemorare, mira a rinnovare ebrezze amorose, consolidare vincoli carnali, quasi a viepiù tener legata la sua “femminuccia”. Talora melodrammatico, enfatico fino al parossismo, alla sfacciataggine, all’impudicizia, alla violenza. 

Sarah Zappulla Muscarà, ordinario di Letteratura Italiana nell’Università di Catania, si occupa di narrativa, teatro e cinema fra Otto e Novecento, di edizioni di testi e carteggi inediti. Ha curato per Bompiani: Tutto il teatro in dialetto di Luigi Pirandello; Un bellissimo novembreGiovanninoRoma amara e dolce Gli ospiti di quel castello di Ercole Patti; Silvinia L’infinito lunare di Giuseppe Bonaviri; Un posto tranquillo di Enzo Marangolo; Il giudizio della sera di Sebastiano Addamo; con Enzo Zappulla Tutto il teatro Timor sacro di Stefano Pirandello

Enzo Zappulla, Presidente dell’Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano,  autore di numerosi volumi, fra cui, con Sarah Zappulla Muscarà, Martoglio cineasta“La figlia di Iorio” di Gabriele d’Annunzio tra lingua e dialettiI Pirandello. La famiglia e l’epoca per immagini

  • Scritto da Super User
  • Categoria: Libri
  • Visite: 543

Mysterious sbarca a Sorrento

mysterousUn sabato sera sorrentino all’insegna della cultura, il 27 giugno, per la presentazione organizzata alla Libreria Indipendente dal patron Mimmo Bencivenga con la partecipazione di Carlo Alfaro come moderatore, Riccardo Piroddi come relatore e Pasquale Carrino, Nino Casola e Marilena Altieri come attori, per il lancio in Campania del libro “Mysterious” di Irma Saracino. Un libro che sta avvincendo i lettori, per la cifra stilistica, che dimostra il grande mestiere di scrittrice della Saracino, e i contenuti coinvolgenti, come spiega bene l’autrice nella prefazione, quando dice: “percorriamo spesso sentieri sconosciuti, addentrandoci in foreste di incubi o pulsioni incontrollabili che rimettono in discussione la nostra razionalità, il nostro autocontrollo. C’è sempre un lato oscuro che sfugge ad ogni comprensione e talvolta incombe su di noi come ombra in una luce che sa di effimero, come la conoscenza. Allora ci aggiriamo smarriti in situazioni che ci sovrastano e cerchiamo una spiegazione o un perché, ma non c’è mai un perché per la vita, la morte, la gioia, come il dolore. Non può esserci, perché non può essere universalizzato, ma s’infrange nella nostra soggettività, nella nostra realtà quotidiana, nella nostra identità storico culturale. Pensiamo di cogliere, di percepire la verità, ma non c’è mai una verità assoluta. E ogni nostra certezza precipita nell’abisso più buio, quello del mistero, di tutto ciò che sovrasta il nostro “limite”....E la vita, come la morte, forse, sono solo un’illusione”.